Risparmiare sul riscaldamento: sistemi validi per casa e consigli. Al via accensione

Ecco una serie di preziosi suggerimenti per avere una casa calda senza consumare troppo e dunque senza sorpresa nella bolletta importanti quando inizia novembre e l'inverno.. Attenzione ai controlli periodici.

Risparmiare sul riscaldamento: sistemi v

Consigli per risparmiare sul riscaldamento


Sia per la propria salute che per il costi occorre stare molto atteti al riscaldamento ora, poi, che iniziano ad accendersi i termosifoni nelle case

Puntuali come ogni anno, quando inizia novembre, arrivano i primi freddi e l'inverno si avvicina a grandi passi. Chi di voi si sta già ponendo il problema di come riscaldare la casa cercando di ottimizzare il consumo di energia e ridurre i costi di riscaldamento? Anche per via dei continui aumenti del costo del gas, l'impegno di spesa per le famiglie italiane è sempre piuttosto pronunciate. Tuttavia, seguendo i consigli sui metodi più utili è realmente possibile risparmiare sul riscaldamento. Anche perché non dimentichiamo che proprio questo mese di novembre è quello in cui viene dato il via libera all'accensione dei caloriferi in ambiente domestico nella maggior parte delle regioni italiane. Calcolatrice alla mano, con semplici accorgimenti, spesse non seguiti per distrazione che per altro, il risparmio arriva fino al 40 per cento dei consumi.

Consigli sui metodi più utili per risparmiare sul riscaldamento

Il primo semplice suggerimento per contenere i costi è cercare di eliminare le fughe di calore da finestre, porte, cassettoni delle tapparelle. Per fare un lavoro ad arte occorre utilizzare materiali isolanti, guarnizioni, pannelli di materiale espanso e installare doppi vetri. In seconda battuta, chiudere i caloriferi se non fa freddo, ridurre la temperatura negli ambienti inutilizzati: è molto importante poter disporre di una valvola termostatica che consente di regolare il calore sui singoli termosifoni. Quindi, se l'impianto è autonomo, un buona mossa è quella di spegnere il riscaldamento un'ora prima di andare a dormire o di uscire di casa, si sfrutterà così il calore immagazzinato nei muri. E mai andare a dormire con i riscaldamenti accessi, altrimenti la bolletta non sarà affatto sorridente.

Un'altra cattiva abitudine da eliminare è quella di adagiare sui termosifoni panni ad asciugare o copricaloriferi e tenere le tende aperte. Al contario vanno bene davanti alle finestre, ma non di fronte ai radiatori perché impediscono all'aria calda di circolare in casa con conseguente maggiore dispendio di energie e aumento dei costi per riscaldare la casa. Non dimenticare di (far) pulire la caldaia e la canna fumaria regolarmente e mettere a punto il bruciatore. Occorre far riferimento a personale specializzato. Se il calorifero è posizionato sotto una finestra o addossato a una parete esterna, è sempre meglio foderare quest'ultima con pannelli isolanti. In linea di massima, è consigliabile mantenere la temperatura degli ambienti tra i 18 e i 20 gradi. La notte ridurla a 16 gradi: ogni grado in meno produce un risparmio di circa il 7 per cento. Altri quattro semplici suggerimenti sono

  1. aerare brevemente gli ambienti: finestre spalancate per poco tempo;
  2. coibentare le tubazioni che portano l'acqua ai radiatori;
  3. la sera chiudere le tapparelle;
  4. non coprire il termostato.

Casa calda senza consumare troppo

Per avere una casa calda senza consumare troppo e dunque senza sorpresa nella bolletta recapitata, è altrettanto importate una corretta gestione dell'impianto di riscaldamento. Va da sé come sia indispensabile conoscere il periodo dell'anno durante il quale è consentito tenere in funzione gli impianti di riscaldamento e il numero massimo di ore al giorno previsto dalla legge. La temperatura media degli ambienti non deve superare i 20 gradi con una tolleranza di 2 gradi. Almeno una volta l'anno è importante dar controllare tutto l'impianto e non solo la preziosa caldaia. Di più: far verificare, sempre da personale specializzato, il rendimento di combustione dell'impianto almeno con cadenza biennale.







Ti è piaciuto questo articolo?





Commenta la notizia
di Luigi Mannini pubblicato il