Tagli bollette luce e gas a chi spettano per aziende e negozi, importi, durata decreto Maggio coronavirus ufficiale

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Tagli bollette luce e gas a chi spettano

Bollette luce meno care per le aziende

Il governo ha messo sul piatto 600 milioni per l'eliminazione degli oneri di sistema sulle bollette. Ecco chi saranno i beneficiari di questa misura e per quali importi.

Troppo lunga e impattante la crisi economica che sta derivando dalla diffusione del coronavirus per non prevedere misure ad hoc per favorire le aziende.

E non stiamo parlando solo dei grandi provvedimenti per consentire alle imprese di programmare al meglio la ripresa dell'attività o della produzione, ma di quelle disposizioni che hanno un valore nella vita lavorativa di tutti i giorni, come il taglio delle bollette della luce.

Il governo ha messo sul piatto 600 milioni per l'eliminazione degli oneri di sistema sulle bollette.

La novità è arrivata con il decreto Rilancio di questo mese di maggio. Non saranno coinvolte tutte le imprese poiché l'esecutivo ha inserito parametri ben precisi in riferimento a caratteristiche e consumi. Vediamo quindi

  • Coronavirus, tagli bollette luce: durata e importi

  • Bollette luce meno care per le aziende per coronavirus


 

Coronavirus, tagli bollette luce nel decreto di maggio

Per le bollette delle piccole e medie imprese arriva un taglio che passa attraverso la rimodulazione della componente fissa della spesa energetica. Spetta all'Arera definire i contorni dell'intervento.

Sono interessate le utenze non domestiche con potenza superiore a 3 kw con il governo che ha stanziato 600 milioni di euro. Il provvedimento avrà durata di tre mesi fra maggio, giugno e luglio.

Nella sostanza, i contatori che hanno una potenza impiegata superiore saranno equiparati a quelli a 3 kilowatt. In termini concreti, come aveva anche spiegato dal ministro dello Sviluppo economico, questa modifica finirà per abbattere gli oneri fissi alle aziende che in questi tre mesi sono state ferme per il lockdown fino al punto che riceveranno una bolletta prossima allo zero.

Perché insomma pagare se il servizio non è mai stato utilizzato? Proprio per questa ragione il taglio si concentra sulle quote fisse, quelle cioè che fanno riferimento alla gestione del contatore, al trasporto dell'energia e agli oneri generali.

Tuttavia se sono interessante le utenze non domestiche con potenza superiore a 3 kw, significa che a beneficiare di questo provvedimento saranno soprattutto micro, piccole e medie imprese.


 

Coronavirus, bollette meno care per le aziende

A conti fatti saranno i negozianti, i piccoli laboratori, i professionisti e gli artigiani a fruire della facilitazione che, secondo le stime dell'Arera, l'Autorità di regolazione per energia reti e ambiente, finirà per portare un sollievo economico pari a circa il 70%.

Il provvedimento va in linea con le richieste delle associazioni di categoria - Anigas, Assogas, Elettricità Futura, Energia Libera, Utilitalia, Aiget e Igas - secondo cui è necessario che le prossime misure salvaguardino la sostenibilità economica e finanziaria delle aziende private e pubbliche coinvolte e siano assunte a livello di sistema, coinvolgendo tutti gli operatori della filiera, dalla produzione al trasporto alla distribuzione alla vendita, tenendo anche conto delle componenti fiscali e generali che gravano sulla bolletta.

Ultime Notizie