Carte prepagate per l'estero migliori da usare. Costi prelievi e commissioni

Il vantaggio di usare una carta prepagata senza commissioni estero è più evidente in quei Paesi in cui l'euro non è la moneta corrente.

Carte prepagate per l'estero migliori da

Migliori carte prepagate 2019 per l'estero

Tempo di vacanze per gli italiani e dunque di viaggi, in Italia e all'estero. Ma quali sono le migliori carte prepagate da usare nel 2019, magari senza commissioni estero? Quelle cioè che sono accettate ovunque e allo stesso tempo presentano bassi costi di gestione e di prelievi di contanti in caso di necessità.

L'esperienza insegna come occorre fare le dovute differenze tra Paese e Paese ovvero tra quelli che fanno parte dell'Unione europea e monetaria - Francia, Spagna, Germania, Regno Unito, Croazia, Paesi Bassi, Portogallo, Danimarca, Grecia, Irlanda, Austria, Lettonia, Belgio, Lituania, Bulgaria, Lussemburgo, Repubblica Ceca, Malta, Cipro, Polonia, Estonia, Finlandia, Romania, Slovacchia, Slovenia, Svezia e Ungheria - e tutti gli altri. Ma senza dimenticare che Paesi come gli Stati Uniti da una parte e il Giappone sono molto visitati dagli italiani.

Migliori carte prepagate 2019 per l'estero: quali usare e più accettate

Il vantaggio di usare una carta prepagata all'estero diventa ancora più evidente in quei Paesi in cui l'euro non è la moneta corrente. Pensiamo ad esempio alla Gran Bretagna (Inghilterra, Scozia, Galles, Irlanda del nord), ma anche la Norvegia e molte nazioni dell'est. Ma prima di andare a scoprire quale scegliere e quali costi sono previsti per prelievi e pagamenti, non dimentichiamo che usare la carta prepagata mette al riparo da eventuali frodi e viene spesso richiesta nel caso di prenotazioni.

Una primissima carta da segnalare è sicuramente N26 Black e non solo per l'azzeramento dei costi di commissione estero, ma anche per i plus aggiuntivi, come la copertura in caso di furto o di danneggiamento degli oggetti acquistati, il rimborso per gli smartphone rubati acquistati, il rimborso per le spese sostenute in caso di ritardo del volo superiore alle 4 ore, la copertura sul furto di contanti, il rimborso per le spese sostenute in caso di ritardo di almeno 6 ore nella consegna dei bagagli imbarcati e le spese mediche all'estero.

La comodità della carta Hype (Banca Sella e circuito MasterCard) è presto detta: il prelievo di euro è gratuito in tutti gli sportelli mentre su quelli in valuta estera è applicata una commissione del 3% sul tasso di cambio, stabilità però da MasterCard. Il plus è l'invio gratuito di bonifici all'estero, anche e dall'app da scaricare sul cellulare.

C'è anche PostePay da usare all'estero

E anche se le carte prepagate sono meno accettate delle carte di credito, possono essere usate per pagare nei negozi all'estero o per prelevare dagli ATM. Tra queste rientra anche l'italianissima PostePay di Poste italiane, caratterizzata dai bassi costi di gestione.

Postepay può essere usata in tutti i Paesi esteri, collegata al circuito Visa e Visa Electron (o MasterCard per chi è titolare di una Postepay NewGift o Postepay PosteMobile) e il costo per il prelievo di contanti agli sportelli ATIM nei Paesi dell'Unione europea è lo stesso per l'Italia (1,75 euro) mentre è maggiore nei Paesi extra Ue. Di conseguenza è preferibile utilizzarla soprattutto per i pagamenti.

Ti è piaciuto questo articolo? star

Commenta la notizia
di Luigi Mannini pubblicato il