Nuova matricola per la Borsa italiana in arrivo: Prysmian

Ha ottenuto il 10 aprile il via libera di Consob alla pubblicazione del prospetto informativo per la quotazione a piazza Affari.


Ha ottenuto il 10 aprile il via libera di Consob alla pubblicazione del prospetto informativo per la quotazione a piazza Affari. Prysmian, attiva nel settore di cavi e sistemi per l’energia e le telecomunicazioni, è nata con l’acquisizione della relativa divisione del gruppo Pirelli da parte di Goldman Sachs. Attualmente possiede 54 stabilimenti in 34 paesi. Meno del dieci per cento dei ricavi sono generati sul mercato italiano. La compagnia sbarcherà a piazza Affari il 3 maggio. L'Offerta pubblica di vendita è partita oggi e si concluderà venerdì 27.

La forchetta di prezzo sarà compresa tra un minimo di 13,25 e un massimo di 16,75 euro, cifre che valorizzano la società rispettivamente 2,385 e 3,015 miliardi di euro. Ai tempi dello spin off da Pirelli (luglio 2005) Prysmian è stata valutata 1,3 miliardi di euro. L'offerta riguarda 72 milioni di azioni, 57,6 dei quali (pari all'80%) riservati agli investitori istituzionali. Il flottante sarà pari al 40% del capitale, frazione che potrebbe raggiungere il 46% nel caso di esercizio integrale della greenshoe. Curiosità, nel cda compare tra gli altri Wesley Clark, generale in pensione ex comandante delle forze Nato in Europa dal 1997 al 2000, nel periodo della guerra in Kosovo.

Sono due le principali aree di business di Prysmian: “Cavi e sistemi energia”, che si occupa di trasmissione e distribuzione di elettricità sia terrestre che sottomarina e “Cavi e sistemi telecom”, che produce fibre e cavi ottici per la trasmissione di video, dati e voce, oltre ai più tradizionali cavi in rame per le telecomunicazioni. Il gruppo ha conquistato un ruolo di leader a livello mondiale nei cavi dell’energia, che divide con la francese Nexans. In seguito ai frequenti blackout di questi ultimi anni, le grandi utilities sono tornate a investire. Secondo le stime della società di ricerca Cru la crescita media annua della domanda di cavi per energia sta crescendo, tra il 2005 e il 2009, del 3,6% all’anno.

Nel 2006 la società ha chiuso con oltre 5 miliardi di fatturato, 371 milioni di euro di ebitda, 89,1 di utile netto. Secondo le proiezioni la società potrebbe generare nel 2009 ricavi per 5,45 miliardi con un margine operativo da 518 milioni e un utile netto pari a 226 milioni di euro.

Il debito netto potrebbe scendere a 386 milioni di euro, dagli 879 milioni di fine 2006. L’operazione di quotazione sarà guidata da Jp Morgan e Mediobanca, oltre alla stessa Goldman Sachs.

Ti è piaciuto questo articolo?





Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il