Mutui a tasso variabile migliori Settembre 2019. Offerte, tassi e condizioni

Quali sono le migliori offerte di mutuo a tasso variabile disponibili per questo mese di settembre 2019: cosa propongono e costi

Mutui a tasso variabile migliori Settemb

migliori Mutui tasso variabile Settembre 2019 Offerte

Il mese di agosto ha registrato il minimo per i rendimenti del Bund tedesco: il titolo a dieci anni è sprofondato fino a -0,71%, crollo che ha impattato fortemente sui mutui, perché i tassi dei Bund sono legati agli indici Eurirs, indice cui è agganciato il tasso di interesse dei mutui a tasso fisso. Ciò significa che chi oggi stipula un mutuo a tasso fisso con la formula Eurirs + spread e non tasso finito, per la prima volta dovrà calcolare il Tan (Tasso annuo nominale) attraverso la sottrazione dell’indice Eurirs allo spread se il mutuo ha una durata massima di 20 anni

Mutuo da accendere: quale scegliere

La scelta del mutuo da accendere dipende sempre dalle proprie esigenze, dalle disponibilità, dalla somma da restituire e dalla tranquillità che si vuole avere nel corso del finanziamento. Se, infatti, con i mutui a tasso fisso si possono dormire sonni tranquilli, perché si tratta di finanziamenti per cui non variano mai nel tempo le condizioni inizialmente stipulata e non si possono avere improvvisi rialzi della rata mensile da rimborsa, indipendentemente dall’andamento del mercato, per i mutui a tasso variabile la situazione è diversa.

Con il mutuo a tasso variabile, infatti, in casi di oscillazione del mercati, la rata può variare perché il tasso variabile dipende dall’andamento del mercato finanziario e dall’indice di riferimento Euribor o il tasso stabilito dalla Banca Centrale d’Europa, per cui se l’indice sale, sale anche la rata mensile di rimborso del mutuo.

Il consiglio per la scelta del mutuo migliore in base alle proprie esigenze è quello di scegliere il mutuo con lo spread migliore, che rappresenta il costo effettivo che ogni banca richiede ai clienti per la concessione del mutuo e si aggiunge al tasso di interesse del finanziamento richiesto, per cui più basso è lo spread della banca, minori saranno gli interessi da restituire sul mutuo. Quali sono le migliori offerte di mutui a tasso variabile disponibili per questo mese di settembre 2019?

Migliori offerte mutui a tasso variabile Settembre 2019

Tra le migliori offerte di mutui a tasso variabile disponibili per questo mese di settembre 2019 spiccano ancora le offerte di agosto che saranno valide ancora per i primi 15 giorni di settembre e sono:

  1. Mutuo Tasso Variabile di Credem Banca, che per la richiesta di un mutuo di impiegato di 35 anni di età, per un importo di 100mila euro a 30 anni e valore dell’immobile di 200mila euro, propone una rata mensile di 289,43 euro al mese, loan-to-value del 50%, tan allo 0,28%, spread di 0,70 punti, e taeg allo 0,58%, mentre per quanto riguarda spese di istruttoria e perizia sono, rispettivamente, di 1.200 e 280 euro;
  2. Mutuo Unicredit Tasso Variabile, che propone una rata mensile di 300,29 euro, con tan allo 0,53%, taeg 0,66%, spread dello 0,95%, spese di istruttoria di 500 euro, spese di perizia di 211 euro e spese periodiche gratuite;
  3. Mutuo Opzione Variabile di Webank, che propone una rata mensile di 331 euro e taeg dell’1,23% ma con spese gratuite sia di istruttoria sia di perizia.

Ti è piaciuto questo articolo? star

Seguici su Facebook, clicca su "Mi Piace":


di Marianna Quatraro pubblicato il