Sospensione mutuo prima casa per coronavirus chi può fare domanda e da quando

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Sospensione mutuo prima casa per coronav

Coronavirus, sospensione mutuo prima casa

A leggere con attenzione tutti i dettagli saltano fuori numerose particolarità come la mancata presentazione dell'Isee, l'Indicatore della situazione economica equivalente.

Ecco la norme sulla sospensione del mutuo sulla prima casa nel periodo di chiusura delle attività e di sospensione delle attività in questo periodo di diffusione del coronavirus.

Sono tre le caratteristiche di fondo del provvedimento adottato dal governo per limitare le conseguenze economiche: il blocco progressivo delle rate sulla base della crescita della sospensione del lavoro per i dipendenti, l'allargamento della fruizione di questa opportunità a professionisti e autonomi, la mancata richiesta di commissioni. In ogni caso, l'ago della bilancia sarà sempre rappresentato dalle banche che valuteranno le singole posizioni.

A leggere con attenzione tutti i dettagli saltano fuori numerose particolarità come la mancata presentazione dell'Isee, l'Indicatore della situazione economica equivalente ovvero lo strumento utilizzato dallo Stato per valutare la posizione dei contribuenti e concedere agevolazioni e facilitazioni.

Ma, intendiamoci, solo per questo periodo di emergenza, dopodiché rientreranno in vigore le disposizioni di sempre. Vediamo dunque nel dettaglio

  • Coronavirus, sospensione mutuo prima casa: chi può fare domanda
  • Da quando domanda sospensione mutuo prima casa

Coronavirus, sospensione mutuo prima casa: chi può fare domanda

Con due successivi decreti il governo ha fissato le nuove regole sulla sospensione del mutuo della prima casa. In prima battuta è stata allargata la platea della moratoria, già concessa a chi si è visto ridurre o sospendere l'orario di lavoro per almeno 30 giorni.

Nei prossimi 9 mesi può essere chiesta anche dai lavoratori autonomi, se dichiarano di aver subito perdite su base trimestrale pari al 33% sul fatturato.

Terzo passaggio introdotto è l'eliminazione per i prossimi nove mesi del tetto di 30.000 euro di reddito Isee, indispensabile fino al momento precedente all'emergenza.

In nessun caso il congelamento delle rate del mutuo comporta la richiesta di garanzie aggiuntive, spesa di istruttoria o commissioni extra.

Da quando domanda sospensione mutuo prima casa

La richiesta di sospensione mutuo può essere presentata sin da subito poiché il Ministero dell'Economia ha già emanato tutti i dettagli operativi fondamentali.

La regola seguita è quella della proporzionalità: a ogni periodo di interruzione dal lavoro corrisponde un equivalente periodo di sospensione del mutuo.

Dal punto di vista procedurale, alla domanda occorre allegare la dichiarazione del datore di lavoro che certifica la sospensione o la riduzione dell'orario di lavoro per cause non riconducibili alla sua responsabilità oppure il provvedimento di autorizzazione al trattamento di sostegno al reddito.

A completamento del quadro, facciamo presente che il decreto non prevede sostegni specifici per gli inquilini in difficoltà con l'affitto né per i proprietari alle prese con la morosità.

Un aiuto può arrivare da strumenti esistenti come il Fondo morosità incolpevoli che scatta in caso di licenziamento, riduzione di orario e cassa integrazione ma richiede la convalida dello sfratto per morosità e il Fondo per il sostegno all'accesso all'abitazione in locazione.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Ultime Notizie