Nuovi dettagli su rendimenti e funzionamento nuove forme Btp e titoli di stato al via nel 2023

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Nuovi dettagli su rendimenti e funzionam

Verso un nuovo e inedito Btp 2023

La principale novità allo studio nelle stanze del governo è l'emissione di un nuovissimo Btp che si caratterizzerà per essere una soluzione a metà strada tra un Btp Italia e un Btp futura.

Continua a essere decisamente vivace il mercato dei Btp in Italia. Accanto infatti ai tradizionali strumenti di investimento, il governo continua a prevedere nuove forme di risparmio per rispondere a esigenze contingenti di raccolta di denaro. Ma anche per proporre nuovi e più interessanti rendimenti agli investitori. Ed è soprattutto in questo periodo, caratterizzato dalla presenza di un nuovo governo, che diventa allora interessante capire quali sono le nuove strategie.

In buona sostanza, cosa attendersi nei prossimi 12 mesi sul fronte di Btp e titoli di Stato? Ci saranno strumenti di investimento non ancora proposti? Quali forme assumeranno e saranno convenienti? Facciamo il punto sulla situazione ed esattamente:

  • Verso un nuovo e inedito Btp nel 2023

  • Btp futura e Btp Italia altri due punti fermi

  • E ci sono anche i Btp Green

Verso un nuovo e inedito Btp nel 2023

La principale novità allo studio nelle stanze del governo è l'emissione di un nuovissimo Btp che, sulla base di quanto lasciato trapelare, si caratterizzerà per essere una soluzione a metà strada tra un Btp Italia e un Btp futura. Il tutto legato dai vantaggi fiscali dei Piani individuali di risparmio che non fanno pagare capital gain e altre imposte per chi li tiene in portafoglio almeno 5 anni con anche premi di fidelizzione importanti. I rendimenti base dovrebbero essere del 3,5%-4% a salire, legati anche all'inflazione.

Dal punto di vista pratico, potranno sottoscrivere il nuovo Btp 2023 le persone fisiche residenti in Italia, interessanti a essere coinvolti nelle politiche di risparmio messe a punto dallo Stato. Detto in altri termini, Palazzo Chigi e il Ministero dell'Economia in particolare puntano a spingere i cittadini a investire e a scommettere sul sistema Italia.

Btp futura e Btp Italia altri due punti fermi

Il Ministero dell'Economia ha comunicato che i Btp futura e Btp Italia rimarranno come strumenti di investimento fissi nel 2023. Nel corso del prossimo anno, oltre a proporre questi strumenti che hanno avuto successo tra i risparmiatori italiani, il Tesoro valuterà anche la possibilità di offrire ulteriori opzioni di investimento per il pubblico dei risparmiatori retail, considerando un contesto caratterizzato da tassi di interesse maggiormente elevati rispetto al recente passato.

La politica di gestione del debito del Ministero dell'Economia mira, tra le altre cose, ad aumentare la partecipazione dei piccoli investitori retail nella detenzione diretta di titoli di Stato, consentendo loro di investire somme anche contenute in tali strumenti finanziari.

E ci sono anche i Btp Green

In considerazione del riscontro ricevuto dalla platea degli investitori in occasione del lancio del Btp Green, ha avuto luogo l'emissione del secondo Btp Green con scadenza 30 aprile 2035, per un importo pari a 6 miliardi di euro. Confermato l'interesse degli investitori ESG (Environmental, Social and Governance) verso il titolo verde italiano di cui oltre la metà del collocamento è stata sottoscritta da investitori ESG ricevendo una domanda complessiva che ha raggiunto i 40 miliardi di euro.

Per fornire un adeguato sostegno alla liquidità del titolo sul mercato. Lo scorso novembre ha avuto luogo la prima riapertura tramite asta marginale del Btp Green con scadenza 30 aprile 2035, per un importo pari a 2 miliardi di euro. I proventi netti delle emissioni di Btp Green sono destinati alla copertura del pool di spese sostenibili presenti nel Bilancio dello Stato relativo all'anno di emissione e ai consuntivi per i tre anni precedenti.