Obblighi e i doveri aggiornati di un proprietario di terreni agricoli, boschivo, generico per leggi 2023

di Marianna Quatraro pubblicato il
Obblighi e i doveri aggiornati di un pro

quali diritti obblighi proprietari terreni agricoli boschivi

Quali sono diritti e doveri di proprietari di terreni agricoli, boschivi o generici: cosa prevedono leggi in vigore, chiarimenti e spiegazioni

Quali sono tutti gli obblighi e i doveri aggiornati di chi è proprietario di un terreno agricolo, boschivo, generico per leggi 2023? Avere un terreno di proprietà, di qualsiasi tipologia sia, rappresenta certamente un vantaggio e una risorsa che può essere sfruttata in diversi modi e decisamente positivi per i proprietari. Ma si tratta anche di una bene che implica diritti e doveri da rispettare per chi ne è proprietario. 

  • Quali sono i diritti di un proprietario di terreno agricolo, boschivo, generico
  • Quali doveri deve rispettare un proprietario di terreno agricolo, boschivo, generico


Quali sono i diritti di un proprietario di terreno agricolo, boschivo, generico

Secondo quanto previsto dalle leggi 2023 in vigore, il proprietario di un terreno agricolo, boschivo, generico ha diversi diritti di cui godere. Si parte dal diritto di godere e disporre dei beni di proprietà in modo pieno ed esclusivo e in qualsiasi modo si voglia ma entro i limiti e il rispetto di specifichi obblighi previsti dalla legge. 

Gli altri diritti che ha un proprietario di un terreno agricolo, boschivo o generico sono:

  • diritto di disposizione del bene, per esempio di alienarlo, relativo al suo valore di scambio (utilità di scambio);
  • diritto di assolutezza, che impone al proprietario un generico obbligo di astensione dal compimento di atti lesivi o turbativi;
  • diritto di esclusività, per cui l’oggetto del suo diritto, vale a dire la proprietà del terreno, è da intendersi esclusivo;
  • diritto di perpetuità ed imprescrittibilità, per cui la proprietà non si perde per non uso, bensì soltanto per usucapione da parte di terzi secondo quanto stabilito dalle leggi aggiornate 2023;
  • diritto di elasticità, che sussiste quando i poteri del proprietario sono limitati, per esempio nel caso di usufrutto del bene;
Secondo le leggi 2023, inoltre, nessun proprietario di un terreno agricolo, boschivo o generico può essere privato, in tutto o in parte, dei beni di sua proprietà se non per causa di pubblico interesse, legalmente dichiarata, e ha inoltre diritto a ricevere una giusta indennità nel caso di definizione di una servitù di passaggio.

E’, infatti, diritto del proprietario di un terreno su cui grava la servitù di passaggio ricevere il pagamento di una indennità proprio per la servitù di passaggio. In particolare, secondo le leggi attuali, se per il passaggio è necessario occupare con opere stabili porzioni del fondo servente o lasciarne incolta una parte, il proprietario del fondo dominante deve pagare una indennità per il valore della zona prima di iniziare lavori o il passaggio e, secondo il Codice Civile, il proprietario del fondo soggetto ad una servitù di passaggio ha diritto a ricevere una indennità che deve essere proporzionata al danno causato dal passaggio.

E’ proprio la servitù di passaggio che pone dei limiti ai diritti dei proprietari di terreni agricoli, boschivi o generici, considerando che, per legge, nel caso di una servitù di passaggio, il proprietario del terreno, pur potendo disporre del proprio terreno come meglio crede, non può opporsi all'esercizio del diritto del vicino di passare per la sua proprietà, né può aggravarlo.

Il proprietario di un terreno su cui sussiste la servitù di passaggio può impedire e chiudere il passaggio, ad esempio installando una recinzione oppure un cancello, per rendere maggiormente sicura la proprietà ma non sarebbe legale in tutti i casi. 

Quali doveri deve rispettare un proprietario di terreno agricolo, boschivo, generico

La servitù di passaggio è uno dei primi doveri che devono essere rispettati da proprietari di terreni, se necessaria e per raggiungere altre proprietà il proprio terreno è l’unica strada per raggiungerle.

Ma non solo: diversi sono gli obblighi che, per legge, devono essere rispettati da proprietari di terreni agricoli, boschivi e generici, a partire dall’obbligo di mantenere curato il proprio terreno per evitare di recare danni a cose o persone. E sussistono diversi doveri in tal senso a seconda di dove sia situato il terreno.

In particolare, i proprietari di terreni confinanti con le strade pubbliche sono tenuti a mantenere i propri terreni sempre puliti e curati in modo tale da evitare situazioni di pericolo per la sicurezza stradale.

Sono, inoltre, previsti l’obbligo di pulizia e manutenzione nelle aree private anche per scongiurare problemi igienico-sanitari, di degrado ambientale e di rischio incendi, nonché di tagliare la vegetazione incolta e   arbusti, rovi, sterpaglie, materiale secco di qualsiasi natura, dalle aree limitrofe a strade pubbliche o a spazi e aree pubbliche, comprese quelle di cantiere.

Tali obblighi sono, per legge, sempre rivolti ai proprietari e conduttori a qualsiasi titolo di terreni, strade, aree o spazi pubblici e tutti i proprietari di terreni incolti in genere.