Fondi perduti covid entro quando arriva pagamento. I tempi medi previsti

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Fondi perduti covid entro quando arriva

Quando arriva pagamento fondi perduti Covid

Non c'è fretta per l'invio della richiesta perché non è un corsa contro il tempo ma è pur vero che l'aspetto su cui si concentra l'interesse è quello dei tempi di pagamento.

Via libera alle domande per la concessione dei fondi perduti per via dell'emergenza Covid. Ma quando arrivano? Quali sono i tempi medi previsti per il pagamento?

Di certo c'è che in questo momento è possibile inviare le richieste telematiche per l'erogazione delle somme spettanti alle piccole e medie imprese con ricavi fino a 5 milioni di euro che hanno subito un calo del fatturato da certificare di oltre un terzo tra i mesi di aprile 2019 e aprile 2020.

Non c'è fretta per l'invio della richiesta perché non è un corsa contro il tempo ma è pur vero che l'aspetto su cui si concentra l'interesse è piuttosto quello dei tempi di pagamento.

Dal punto di vista contabile, i fondi perduti sono considerati un contributo a conto esercizio da iscrivere nella voce A5 del conto economico del bilancio di quest'anno.

Questo trattamento è riservato anche nel caso in cui gli importi non siano stati incassati entro il 31 dicembre 2020 poiché l'attribuzione è considerata sicura già al momento della trasmissione della domanda. Approfondiamo la questione dei fondi perduti Covid e più precisamente vediamo

  • Quando arriva pagamento fondi perduti Covid
  • Fondi perduti Covid, tempi medi previsti

Quando arriva pagamento fondi perduti Covid

La possibilità di inviare le istanze telematiche all'Agenzia delle entrate per l'accesso ai fondi perduti è ufficialmente aperta mentre entro la fine del mese sarà possibile presentare la richiesta per gli eredi che proseguono l'attività della persona deceduta.

Agosto è invece un mese da ricordare perché il 12 è l'ultimo giorno per l'invio dell'istanza per la generalità degli interessati mentre il 25 è quello finale per gli eredi che proseguono l'attività della persona scomparsa.

Governo e Agenzia delle entrate hanno dunque fissato un timing ben preciso per la procedura di presentazione della richiesta di ottenimento dei fondi perduti Covid, ma non c'è una sola riga sui tempi di erogazione della somma.

In questo caso non si può che fare riferimento alle parole pronunciate da Ernesto Maria Ruffini, numero uno dell'Agenzia delle entrate, secondo cui la procedura sviluppata consente di presentare la domanda online sul sito web delle stesse Entrate oppure tramite il canale Entratel inviando la domanda già precompilata dai software gestionali di cui già si avvalgono i contribuenti e i loro intermediari con pagamenti in tempi celeri.

Fondi perduti Covid, tempi medi previsti

Il punto è proprio questo: quanto sono celeri i pagamenti promessi dall'Agenzia delle entrate? Circa 10 giorni, assicura lo stesso Ruffini, dal momento della presentazione della richiesta.

Si tratta di un tempo tecnico che tiene conto anche della necessità di effettuare i primi controlli di base sui requisiti dei richiedente, tra cui i ricavi di riferimento 2019 non sono superiori a 5 milioni di euro, il fatturato di aprile 2020 inferiore ai due terzi di quello di aprile 2019 e la regolarità nella certificazione antimafia.

In ogni caso, sottolinea lo stesso direttore dell'Agenzia delle entrate, la cifra richiesta e concessa sarà erogata direttamente sul conto corrente dei richiedenti che rientrano nei parametri fissati dal legislatore.

Ultime Notizie