Prestito a tasso negativo in Italia. Ecco come puoi ridare meno soldi di quanto hai ottenuto

Il prestito consentirà a chi ne fa richiesta di usare la cifra senza obblighi. Viene erogato da Younited Credit e può essere richiesto con tasso indicizzato al -1% per una cifra di almeno mille euro

Prestito a tasso negativo in Italia. Ecc

Presto anche in Italia il prestito con tasso negativo. Scopri come richiederlo

Il prestito a tasso negativo arriva finalmente anche in Italia. Questo significa che i clienti dovranno restituire alla finanziaria che ha concesso il prestito una somma inferiore a quanto incassato. Insomma una vera e propria rivoluzione che potrà essere uno strumento molto valido per le persone che necessitano di prestiti e in questo modo avrebbero la possibilità di risparmiare. Secondo il portale online Facile.it questa cifra si attesterebbe tra i trecento e i cinquecento milioni di euro per i clienti. Il portale metterà a disposizione sulla propria piattaforma questo nuovo strumento che prenderà ufficialmente il via in Italia il prossimo 22 ottobre. Ecco come puoi dare meno soldi di quanto ottenuto.

Prestito a tasso negativo in Italia

Ma cosa vuol dire effettivamente prestito a tasso negativo, che finalmente sarà disponibile anche in Italia dal prossimo 22 ottobre. Si tratta di un prestito a tasso negativo che consentirà a chi ne fa richiesta di usare la cifra senza alcun obbligo, in maniera libera. Per il momento il prestito, che viene erogato da Younited Credit può essere richiesto con tasso indicizzato al -1% (Taeg), per una cifra che deve essere di almeno mille euro con restituzione a due anni. C’è tempo dal 22 ottobre fino al 30 novembre 2018. E per farlo non c’è alternativa a visitare il sito Facile.it. Se per esempio la richiesta di un prestito è di mille euro, alla fine dei due anni di ammortamento previsto dalla natura del contratto, la persona restituirà solo 989 euro.

I vantaggi per chi eroga il prestito a tasso negativo

Insomma per molte persone che hanno bisogno di piccoli prestiti questa potrebbe rappresentare la svolta. Una vera rivoluzione. Ma la domanda che sorge spontanea è quali possono essere i vantaggi per chi eroga il prestito con un tasso negativo. Domanda arguta alla quale la risposta è piuttosto semplice: si tratta di un modo che le aziende utilizzano per farsi conoscere da una platea più vasta acquisendo così nuovi clienti. E poi c’è anche l’intenzione di stimolare l’occhio dei possibili clienti che in questo modo capiscono che con la giusta dose di attenzione si possono pescare promozioni o offerte molto vantaggiose. Il prestito a tasso negativo può essere richiesto da lavoratori dipendenti, lavoratori autonomi, liberi professionisti e pensionati.

Ovviamente restano escluse le persone che non sono in grado di fornire le necessarie garanzie come nei casi di reddito non dimostrabile, oppure di una solidità finanziaria sufficiente a consentirgli di pagare le rate. Oppure quello di aver avuto in passato qualche disguido finanziario. In questo caso nessun prestito sarà concesso. Quella messa in campo da Younited Credit sul celebre portale Facile.it può essere considerata come una intelligente operazione di marketing e comunicazione visto che nelle intenzioni c’è anche quella di stimolare l’attenzione dei consumatori su quello che accade intorno a loro. L’abitudine ad informarsi via web sulle condizioni offerte per i prestiti personali dalle finanziarie, porta ad ottenere un significativo risparmio.

Ultime Notizie