Anticipo Cassa Integrazione subito con autocertificazione. Nuova procedura più semplice

di Marianna Quatraro pubblicato il
Anticipo Cassa Integrazione subito con a

Anticipo Cassa Integrazione subito autocertificazione Nuova procedura

Avere l’anticipo della cassa integrazione subito dalla banca semplicemente con un’autocertificazione firmata da lavoratore e datore di lavoro: la nuova procedura prevista

Via libera alla possibilità di ottenere subito un anticipo sulla cassa integrazione presentando un'autocertificazione alla banca: stando a quanto confermano le ultime notizie, sono state semplificate le procedure per l’anticipo della cassa integrazione ed è stata la stessa Abi, Associazione bancaria italiana, co la circolare del 9 aprile 2020, a spiega le novità introdotte in collaborazione con l’Inps. Vediamo come avere l’anticipo Cassa Integrazione subito con autocertificazione.

Avere Anticipo Cassa Integrazione subito con autocertificazione

L’intervento delle banche nella procedura di anticipo della cassa integrazione subito ai lavoratori è stato deciso per semplificare la modulistica da inviare direttamente alla banca con modalità a distanza e la verifica della correttezza dei conti correnti per effettuare il pagamento della prestazione.

L’Abi nella nuova circolare ha confermato che basta presentare in banca una dichiarazione firmata dal lavoratore e dal datore di lavoro per avere l’anticipo della cassa integrazione subito che, come stabilito, dovrebbe essere fino a 1400 euro sull’assegno della cassa integrazione in deroga prevista dal Decreto Cura Italia, permettendo così ai lavoratori che sono rimasti senza lavoro a causa dell’emergenza coronavirus di ricevere i soldi della cassa integrazione prevista dal governo.

Nuova procedura più semplice per cassa integrazione subito con autocertificazione

Per rendere più veloci i tempi di erogazione della cassa integrazione, basta, dunque, un’autocertificazione firmata da lavoratore e datore di lavoro e seguire la nuova procedura più semplice prevista che prevede i seguenti passaggi:

  • verificare innanzitutto che la propria banca presso cui si è titolari del conto corrente abbia aderito alla convenzione ABI per l’anticipo della cassa integrazione (secondo quanto reso dall’Abi il 98% degli istituti ha aderito);
  • compilare l’autocertificazione;
  • compilare modulo di richiesta relativo alla tipologia di cassa integrazione ottenuta dall'azienda, che si può scaricare e compilare dal sito dell'ABI ;
  • compilare il modulo B3, dove viene indicato l’Iban del conto corrente su cui deve essere accreditato l’assegno di Cigd o fornire alla banca l’attestazione del datore di lavoro di aver provveduto a inserire tale indicazione nelle comunicazioni inviate per via telematica all’Inps.

La banca potrebbe richiedere ulteriori documenti come:

  • copia di un documento di identità in corso di validità e del codice fiscale;
  • dichiarazione dell’azienda di aver inoltrato la domanda di integrazione salariale in deroga per l’emergenza Covid-19 all’Ente competente secondo  normativa vigente;
  • copia ultima busta paga;
  • copia del permesso di soggiorno, in caso di lavoratore straniero;
  • lettera di impegno ad autorizzare l’Inps per l’accredito delle sue spettanze direttamente sul conto corrente su cui è stata concessa la disponibilità dell’anticipo;
  • copia della raccomandata AR o strumento equivalente per la richiesta di domiciliazione irrevocabile dello stipendio e dell’importo relativo al contributo di trattamento di integrazione salariale per l’emergenza coronavirus.

La domanda di anticipo della cassa integrazione subito alla banca si può presentare o direttamente online compilando l’apposito modulo da inviare i via telematica o recandosi di persona in una delle filiali della banca.

Se la richiesta di anticipo della cassa integrazione riceve risposta positiva dalla banca, questa stessa invia all’indirizzo email del richiedente la documentazione che deve essere poi firmata e restituita scansionata alla banca stessa.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Ultime Notizie