Assicurazioni negozi e bar per coronavirus fino a 1000 euro di aiuti al giorno

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Assicurazioni negozi e bar per coronavir

Coronavirus, assicurazioni per negozi e bar

Al di lÓ della grande emergenza sull'economia nazionale in termini di Pil e deficit, occorre per˛ fare i conti con la realtÓ di tutti i giorni. Quella dei bar e dei piccoli negozi.

La crisi economica provocata dal coronavirus inizia a mordere e basta osservare alternativamente le saracinesche abbassate dei negozi oppure la scarsa presenza di clienti per farsi un'idea.

L'impatto è però variabile sul territorio italiano e in qualche modo segue la diffusione del contagio: laddove si registrano maggiori casi, la crisi è più avvertita e i provvedimenti del governo associati alle iniziative dei privati come la creazione di polizze assicurative ad hoc sono più incisivi.

In realtà nessuna zona d'Italia può dirsi immune e al sicuro e a oggi registriamo casi in tutta Italia. Al di là della grande emergenza sull'economia nazionale in termini di Pil e deficit, occorre però fare i conti con la realtà di tutti i giorni.

Quella dei bar di piccole e grandi città con un numero sempre più ridotto di clienti e di negozi che preferiscono non aprire momentaneamente al pubblico, anche per ragioni di sicurezza.

Ecco allora che le polizze per tutelare gli esercizi commerciali dalle conseguenze del coronavirus può rappresentare una prima leva su cui fare riferimento per tamponare gli effetti della crisi. Vediamo insieme in questo articolo

  • Coronavirus, assicurazioni per negozi e bar
  • Assicurazioni, 1.000 euro al giorno in tutta Italia

Coronavirus, assicurazioni per negozi e bar

Tra le polizze imbastite in queste ore segnaliamo Active Business NonStop, realizzata da Cattolica Assicurazioni. Ma è facile credere che ne possano arrivare molto presto anche altre per via dell'indeterminatezza della durata di questa emergenza.

Come spiegato testualmente dai promotori, si tratta di soluzione elaborata in pochi giorni per rispondere alla domanda proveniente da negozi, bar e altre attività, costretti per provvedimento d'urgenza delle autorità a chiusura obbligatoria e misure restrittive imposte dalla minaccia dell'epidemia.

L'obiettivo è quindi aiutare proprio le piccole imprese, magari a conduzione familiare, con limitate risorse e possibilità di intervento. In termini pratici si tratta di un aiuto di 1.000 euro al giorno fino a 15 giorni in caso di chiusura decretata dalle autorità, dietro pagamento di un premio di 500 euro.

Proprio quest'ultimo è l'aspetto a cui prestare attenzione perché la cifra è la stessa e non tiene conto della grandezza dell'attività. La durata è sempre annuale.

Assicurazioni, 1.000 euro al giorno in tutta Italia

Può essere sottoscritta in tutta Italia, tranne nelle zone rosse. Non è infatti permesso di procedere online, ma solo recandosi in un'agenzia fisica.

Alla base di questa iniziativa c'è la volontà di andare al di là dei contributi pubblici poiché sono soprattutto le piccole attività ad andare immediatamente in affanno dai punti di vista economico, finanziario e sociale difficilmente quantificabili.

Il governo ha ad esempio previsto indennizzi per i settori colpiti saranno sotto forma di un credito di imposta spendibile entro il 2020 in compensazione e calcolato su uno scostamento di fatturato sullo stesso periodo del 2019, superiore al 25%. Lo scostamento sarà calcolato in base alla differenza di fatturato sia del 2019 che nel 2018

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità: