Voli aerei dei politici italiani: il costo è di 180 mila euro al giorno

Per ridurre il numero dei rappresentanti politici serve tempo, anche se l'impegno in tal senso dovrà essere portato a termine al più presto


E' di questi giorni la notizia che il costo della flotta e dei voli di Stato per ministri e sottosegretari è salito fino a divenire di circa 180 mila euro al giorno. Il costo è enormemente superiore a quello riscontrato in paesi comparabili al nostro, probabilmente anche perché nessun governo europeo è composto da oltre 100 membri.

Non passa settimana senza che si denunci un nuovo caso sugli sprechi e i costi impropri della politica. Come senatori dell'allora sinistra Ds presentammo emendamenti alla finanziaria dell'anno scorso sulla riduzione dei costi della politica. Essi furono per la maggior parte respinti, o stravolti o peggiorati dal governo nel suo maxiemendamento sul quale fu posta la fiducia.

La Sinistra Democratica ha deciso di assumere quella che è la nuova questione morale come asse decisivo della sua prossima azione nel Paese e nelle istituzioni. Mentre si discute delle pensioni e dei contratti pubblici, lesinando fino all'ultimo euro, indichiamo concrete proposte con le quali si potrebbero risparmiare a regime 6 miliardi l'anno: più o meno quanto il tesoretto e per di più non una tantum.

Bisogna passare dalle parole ai fatti. La sfiducia dei cittadini nei confronti di tutti i politici è crescente. La gestione clientelare della cosa pubblica dilaga e non solo nel Mezzogiorno. Ora alcuni autorevoli ministri, a partire da Padoa Schioppa, che sembrano scesi dalle nuvole, hanno scoperto che il tema esiste. Bisogna agire subito.
La Sinistra Democratica pretenderà che nel prossimo DPEF siano previste drastiche e incisive misure di moralizzazione e di risparmio, in modo che entrino nella finanziaria e siano a regime entro la fine dell'anno.

Ma intanto vi sono cose che si possono e si devono fare fin da adesso. Ritorno all'esempio della flotta di Stato. Una misura indispensabile, come quella della riduzione del numero dei parlamentari, dei membri del governo e dei consiglieri regionali richiede un cambiamento costituzionale, un anno di tempo, una larga maggioranza parlamentare. Per ridurre allo stretto indispensabile l'uso dei voli di Stato bastano invece ventiquattr'ore: una direttiva del governo che imponga a ministri e sottosegretari di fare ricorso ai normali voli di linea come tutti i cittadini.

Troverà Padoa Schioppa, tra un ultimatum e l'altro contro lavoratori e pensionati, la mezz'ora necessaria per esercitare il suo rigore scrivendo questa circolare?

Nel frattempo la Regione Campania ha colto un'importante vittoria. Ha forse risolto la drammatica situazione dei rifiuti? Ha avviato un piano per combattere la disoccupazione? Ha assunto iniziative vincenti per combattere la camorra? No, ha vinto il ricorso che aveva presentato alla Corte Costituzionale contro la modestissima riduzione prevista dalla finanziaria in merito alla retribuzione del governatore e dei consiglieri regionali. Bravo Bassolino, vai avanti così!

Prima dell'estate la Sinistra Democratica avvierà la sua iniziativa politica sulla nuova questione morale, partendo dalla Calabria. E' una battaglia per la democrazia, alla quale chiediamo a tutta la sinistra e a tutte le forze sane del Paese di partecipare insieme a noi.




Ti è piaciuto questo articolo?





Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il