Azienda raddoppia tredicesima per Natale come bonus: ecco il perchè

Una azienda di Volpiano, grazie al fatturato di 100 milioni, raddoppia l'ultimo stipendio dell'anno come bonus produttività per tutti i suoi 502 dipendenti.

Azienda raddoppia tredicesima per Natale

Impresa regala uno stipendio in più


Un regalo di Natale inaspettato per i dipendenti della Spea, che si sono visti recapitare a Dicembre una busta paga di importo doppio al previsto, come premio per l'impegno e i risultati ottenuti, a tutti i dipendenti indistintamente.

La Spea società di Torino, precisamente di Volpiano, cresce così tanto che regala una tredicesima doppia a tutti i suoi 500 dipendenti per lo sforzo e attaccamento dimostrato. Un lato della medaglia di un Italia, non è stata l'unica impresa che lo ha fatto, mentre dall'altro ci sono diverse realtà che non sono riuscite a pagarle neppure parzialmente

Questa è proprio una bella storia da raccontare, ma che presenta anche un aspetto un passaggio a vuoto. In fin dei conti la perfezione non appartiene a questo mondo e occorre comunque fare i conti anche con le storture. Siamo a Torino, anzi, a Volpiano e qui un'azienda specializzata nel comparto hi-tech è stata in grado di centrare risultati così positivi da aver fatto schizzare in su il fatturato. Tanto per intenderci, l'azienda Spea è quella che ha a che fare con i macchinari che collaudano i sensori degli iPhone X, l'ultimo nato di casa Apple, e quelli dei pacemaker. Tra i clienti, oltre ad Apple c'è anche Samsung e il loro compito è quello di realizzare prodotti da provare sugli smartphone prima che essi finiscano sul mercato e dunque nelle nostre tasche. Insomma, fanno dell'innovazione nel settore dell'elettronica dei prodotti per l'automotive, il medicale e l'aerospazio la loro ragion d'essere.

Adesso succede che quel 16% in fatturato conquistato negli ultimi mesi non finirà però nelle casse dei grandi capi o comunque in quello della società perché proprio loro hanno deciso di premiare i 520 addetti dello stabilimento. E la faranno regalando una mensilità in più in segno di riconoscimento. Per tutti loro questo è stato il Natale della doppia tredicesima.

L'azienda va bene, premiati i dipendenti

Tanto per essere precisi delle cifre che circolano, stando a quanto dichiarato dai titolari il 2017 è stato un anno entusiasmante: fatturato da 100 milioni di euro, 1.200 sistemi venduti e 60 giovani assunti a Volpiano. Ecco allora che un milione di euro è stato distribuito tra i 520 collaboratori nell'area produttiva. Un omaggio sicuramente gradito che metterà ancora più sprint nell'entusiasmo della forza lavoro per il 2018. C'è anche un altro motivo per cui questa storia merita di essere segnalata. Una quindicina di anni fa l'azienda ha attraversato un periodo di grande crisi, come tante del settore e del territorio. Ma la proprietà e i lavoratori hanno avuto la capacità di guardare oltre e di scommettere sulla ripresa. Ed evidentemente hanno fatto bene se adesso Spea è un punto di riferimento del settore e adesso hanno trovato sotto l'albero una mensilità aggiuntiva.

Di positivo c'è anche di storie simili con lavoratori e collaboratori premiati ne abbiamo sentite diverse in questo ultimo scorcio dell'anno. Segno evidentemente che i pezzi dell'economia italiana si stanno collocando al posto giusto e, seppur gradualmente, la ripresa inizia a materializzarsi.

Ma c'è un neo

In questo contesto di generale entusiasmo viene anche segnalato un aspetto non proprio positivo. Non riguarda l'azienda in sé e né i suoi lavoratori bensì lo Stato. O meglio, il fisco. Perché anche questo stipendio supplementare è stato tassato e l'erario ha trattenuto le aliquote del caso. Altrimenti, chissà, l'importo sarebbe stato ben maggiore. Secondo i titolare dell'azienda non è un comportamento corretto per il semplice motivo che i regali non andrebbero evidentemente tassati. La pensa evidentemente in maniera diversa lo Stato, che si è fatto un regalo di Natale anche lui.