Banca Popolare di Bari, i rischi per le obbligazioni per il 2020-2021 dopo il salvataggio

di Marianna Quatraro pubblicato il
Banca Popolare di Bari, i rischi per le

Banca Popolare Bari rischi obbligazioni salvataggio

Crisi Banca Popolare di Bari: governo annuncia commissariamento e ricapitalizzazione della banca. Cosa accadrà agli obbligazionisti

Anche la Banca Popolare di Bari nel vortice di una crisi senza uscita: a causa di problemi di crediti deteriorati e sofferenze, cioè di prestiti che non vengono più rimborsati, stando a quanto confermano le ultime notizie, la Banca Popolare di Bari si sarebbe ritrovata con un coefficiente di capitale Tier 1 (indicatore di solidità dell’istituto) al 6,22%, ben al di sotto della soglia richiesta dalla Banca centrale europea.

Per evitare il fallimento definitivo il governo ha definito un piano di salvataggio anche per la BpB. Ma quali sono i rischi per le obbligazioni 2020-2021 dopo il salvataggio?

Crisi Popolare di Bari e salvataggio del governo

Per non incorrere in un fallimento, la Banca Popolare di Bari avrebbe dovuto rimettere i conti a posto raccogliendo capitali, ma si tratta di soldi non facili da reperire per rafforzare il proprio patrimonio. Così lo scorso fine settimana, la Banca d’Italia, constatato che la dirigenza della banca non era più in grado di attuare le operazioni necessarie per evitare il fallimento, ha annunciato il commissariamento della Banca Popolare di Bari e la ricapitalizzazione della banca con fondi pubblici.

Le ultime notizie confermano che Invitalia, agenzia controllata dal Ministero dell’Economia, riceverà 900 milioni di euro che verserà alla banca pubblica Mediocredito Centrale, che, insieme al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi (Fitd), rileverà a Banca Popolare di Bari.

Salvataggio Banca Popolare di Bari rischi per obbligazioni 2020-2021

Dopo il salvataggio di Stato, per la Banca Popolare di Bari scatta il cosiddetto bail-in, cioè gli investitori privati partecipano alle perdite per un importo non inferiore all’8% della massa passiva. E, insieme alle azioni che pare siano le prime ad azzerarsi, i rischi potrebbero interessare anche le obbligazioni 2020-2021.

Stando a quanto riportano le ultime notizie, infatti, probabilmente anche le obbligazioni saranno azzerate a meno che, cosa che sperano molti obbligazionisti, così come avvenuto per Monte dei Paschi di Siena, non venga definito un ristoro tramite scambio con azioni di nuova emissione. Ma si tratta di una ipotesi che al momento sembra molto lontana.

Se dovessero effettivamente verificarsi perdite di tutto per tutti gli obbligazionisti, l’unica soluzione per recuperare il capitale investito sarebbe quella di intentare una class action contro la banca ma per agire concretamente sarà necessario dimostrare che i vertici della banca hanno falsificato i bilanci e compiuto operazioni non svelate al mercato o che avrebbero potuto provocare danni patrimoniali.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Ultime Notizie