Mps, debitori i nomi di tutti. Accuse correntisti. Ed è vicina la cessione

Monte dei Paschi di Siena, la situazione continua ad evolversi. Nel frattempo il Tesoro si prepara vendere la su quota entro il 2021. Le mosse e il dossier del Tesoro.

Mps, debitori i nomi di tutti. Accuse co

Mps, scudi e offshore usati da manager


Emergono continui dettagli sui nomi dei debitori di Mps e non solo si evolve anche la vicenda con pesanti accuse dei correntisti per un elenco che vale poco e er quello che si sta facendo. Mentre si è sempre più vicini alla cessione di una parte o totalmente dello Stato.

Mps, comprare l'elenco dei 100 debitori e c'è davvero un pò di tutto, ma questo è sola la punta dell'iceberge per come abbiamo spiegato. La situazione, anche per colpa delle banche, si fa difficile all'interno dell'Ue per tutta l'Italia dove si pensa ad un commissariamento

La lista dei 100 debitori

Sono finalmente usciti i nomi dei debitori, almeno quelli più importanti, una lista di 100 e più nomi di Mps, che era stata secretata, e lo è ancora ufficialmente, ma che in realtà erano quelli che tutti già sapevano. Da sottolineare che questi sono solo i primi 100 attuali e mostrano un debito minimo rispetto a quanto negli anni è stato accantontato in crediti ormai inesigibili. Sono solo la cruna dell'ago di anni e anni di cattiva gestione
Il debitore più grande dalle carte riguarda Sorgenia con solo una delle sue controllate che ha un debito di 318,9 milioni. La più piccola ha "solo" 24 milioni di debiti e si chiama Plusvalore Spa e fa parte della Delta che a sua volta fa parte della Cassa di Risparmio di San Marini.
Tra i 100 debitori vi sono due Armatori, Giuseppe Bottiglieri shipping che deve 120,3 milioni di euro e la Rizzo Bottiglieri e De Carlini (RBD) Armatori a 225 milioni. E poi addirittura c'è la Riscossione Sicilia, il Gruppo ufficiale che si occupa dell'esattoria della Regione che deve dare 237 milioni ad Mps.
E c'è anche uno sceicco che è difficile credere che non abbia i soldi per pagare i proori debiti che ammontanto a 26,6 milioni, lo sceicco dell'rabia Saudita di Abu Dhabi, Hamed bin Al Ahmed che aveva chiesto e ottenuto soldi in prestito per la costruzione di un grande resort Hilton Capomulini.
e poi anche nomi del mondo del calcio come Zamparini, ma aanche Coop come la Unieco di Reggio Emilia,   altre imprenditori come Gnutti, i Merloni, i Fratini e diversi altri

Il quadro complessivo finora

Rischia di rimanere sempre accesa la vicenda del Monte dei paschi di Siena e forse è un bene per via del numero di risparmiatori e banchiere coinvolti con risvolti penali e di cronaca nera. Da una parte vanno avanti le indagini della magistratura (si è mossa anche la procura di Genova su presunti depistaggi nei rilievi in seguito alla morte del manager David Rossi), dall'altra le indagini della politica con la Commissione bicamerale e nel mezzo non molla l'osso la trasmissione televisiva Le Iene. Il giornalista Antonino Monteleone sta cercando di fare luce sui troppi punti interrogativi intorno alla morte di David Rossi, già responsabile della comunicazione Mps, precipitato da una finestra del suo ufficio a Siena e il cui caso è stato due volte archiviato dai pm senesi come un suicidio.

In tutti i casi le risultanze sono da brividi. La Procura parla di imponente scudo di denaro offshore. La Commissione bicamerale d'inchiesta ha le idee chiare, almeno sui tempi, ed entro fine anno vuole sentire il governatore di Bankitalia Ignazio Visco e il presidente della Consob Giuseppe Vegas. E Le Iene rilanciano con un servizio sulla cosiddetta valigetta dei misteri. Nella nuova inchiesta l'avvocato della vedova di David Rossi si rende protagonista di clamorose rivelazioni. In particolare, l'avvocato riferisce di confidenze da parte dello stesso Rossi su rapporti d'affari che avrebbero riguardato la banca del Vaticano, lo Ior, e una valigetta da cui il dirigente Mps non si separava, ma il cui contenuto è ignoto. Una coincidenza che forse non è casuale considerando che, sulla base di quanto si apprende, la polizia giudiziaria ha interrogato lo stesso legale senza che sia trapelata alcuna indiscrezione.

Quell'imponente scudo di somme di denaro

Si è aperto un delicato capitolo della storia del Monte dei Paschi di Siena. Ad aver dato il via sono stati i due sostituti procuratori presso il Tribunale di Milano, Giordano Baggio e Stefano Civardi, che hanno iniziato a indagare sulla banca toscana nel 2012. Le indagini sono iniziate quell'anno - hanno ricordato - in seguito ad esposti anonimi inviati alla Consob e non per segnalazioni dalla Vigilanza, anche se nelle successive attività investigative i verbali ispettivi di Bankitalia indicarono criticità evidenti. La Consob quindi dopo alcuni accertamenti preliminari aveva inviato l’esposto alla procura. La crisi di Mps, ha spiegato però Civardi, va avanti da tempo e non può essere letta come conseguenza delle operazioni in derivati Alexandria e Santorini che - ha spiegato - sarebbero serviti a occultare le perdite quindi a risolvere problemi.

Il dissesto è piuttosto da inquadrare in una crisi di sistema: Mps aveva tanti titoli di Stato, una quota doppia rispetto alle altre banche ed è chiaro che quando scoppia il problema del debito sovrano soffre più delle altre. I magistrati milanesi hanno raccontato che i manager del vecchio Mps avevano messo in atto quello che hanno definito "un imponente scudo di somme di denaro". L'operazione era emersa in seguito a un sequestro da parte delle Procure di Milano e di Siena a carico dei gestori del broker di Enigma, agenzia coinvolta nell'indagine in corso sul Monte. Il broker, d'accordo con alcuni manager delle banche, "aveva aperto una serie di conti correnti in giurisdizioni offshore".

Visco e Vegas da sentire prima di Natale

E poi c'è appunto la Commissione d'inchiesta che va avanti nelle indagini sui dissesti bancari degli ultimi anni in Italia e si prepara a chiamare in audizione prima di Natale i due massimi esponenti degli organi di vigilanza: il governatore di Bankitalia Ignazio Visco e il presidente di Consob Giuseppe Vegas. Mentre si attendono le audizioni di Visco e Vegas, i membri M5S della commissione hanno detto che non si può approfondire al meglio il caso Mps se non si ascolta Draghi che "al tempo dello sciagurato acquisto di Antonveneta da parte di Siena era governatore di Bankitalia e non batté ciglio malgrado l'operazione fosse orchestrata dai vertici del Monte senza nemmeno una due diligence".

Commissione Ue e Manovra Finanziaria

Secondo la Commissione, nel 2018 il miglioramento che viene promesse è dello 0,3% sul Pil, ma in realtà facendo i conti la Commission presieduta da Dombrovskis e Moscovici vede uno 0,2% reale e che, comunque, non basta con i conti che peggiorano come ha sottotolineato il vice presidente Katainen.
Si viene rischiedere, per questo motivo, nella definizione finale della manovra almeno un aggiustamento di circa 3,4 miliardi di un ulteriore 0,2% sul Pil, ma, comunque, cè molta preoccupazione per l'alto debito.
Non devono essere toccate, sempre secondo la Commissione, le pensioni e ir ischi in pratoica sono ovunque, da una crescita stimata trioppo alto così come le  entrate dalle privatizzazioni e il problema delle banche e dei crediti deterioati oltre i debito generale che si accumulano ella Pubblica Amministrazione.
Anche questa volta il Patto di Stabilità potrebbe non essere centrato.

Fallimento Italia difficile, Commissariamento come Grecia ritenuto di nuovo probabile

E ritorno lo spettro se non del fallimento e di un default dell'Italia, secondo molto analisti, troppo grande per fallire ma che ne avrebbe tutte le variabili egative per farlo, con la preoccupazione che cresce anche delle autorità Ue competenti, alcune delle quali hannoa dditiura doichiarato che gli italiani devono sapere la verità sui conti, che nulla sta migliorando. A questo punto se non fallimento, si rischia, soprttutto dopo le elezioni, un pesante commissiarimento

Banche meno sicure aggiornate

C'è una lunga lista che sta circolando aggiornata e ha fatto la sua comparsa sui principali media di settore.

A sfogliarlo con attenzione viene fuori che include

  1. Banca di Teramo di Credito Cooperativo
  2. Cassa di Risparmio di Cesena
  3. Unipol Banca
  4. Banca Atestina di Credito Cooperativo
  5. Banca di Pistoia - Credito Cooperativo
  6. Credito Salernitano - Banca Popolare della Provincia di Salerno
  7. Banca Monte dei Paschi di Siena
  8. Banca di Credito Cooperativo "Sen. Pietro Grammatico" - Paceco
  9. Cassa Rurale Valli di Primiero e Vanoi
  10. Cassa Rurale della Valle dei Laghi
  11. Cassa di Risparmio di San Miniato
  12. Cassa Rurale Mori-Brentonico-Val di Gresta
  13. Veneto Banca
  14. Cassa Rurale di Rovereto
  15. Banca Carim - Cassa di Risparmio di Rimini
  16. Banca di Credito Cooperativo di Castel Goffredo
  17. Banca per lo Sviluppo della Cooperazione di Credito
  18. Bancasciano Credito Cooperativo
  19. Banco Popolare
  20. Banca Popolare di Vicenza
  21. Banca di Credito Cooperativo del Veneziano
  22. Banca di Credito Cooperativo di Recanati e Colmurano
  23. Banca del Fucino
  24. Banca di Filottrano - Credito Cooperativo di Filottrano e di Camerano

Gli indici patrimoniali valutati nell'identificazione delle banche più sicure e quelle a rischio fallimento sono Cet 1 (Common equity tier 1), Tier1 e Total capital ratio. Il primo è il capitale primario di classe 1. Il secondo è il capitale allargato: comprende il Cet1 più le azioni di risparmio e altri strumenti di capitalizzazione. Il terzo è il totale fondi propri, l'insieme di tutto il patrimonio.

Banche più sicure aggiornate

Per quanto riguarda le banche più sicure c'è una lista aggiornata di Altroconsumo sempre utilizzando i medesimi criteri:

  1. Banca Agricola Popolare di Ragusa
  2. Popolare Emilia Romagna
  3. Banca Sella
  4. Bper Banca
  5. Credito di Ravenna
  6. Banca Malatestiana Credito Cooperativo
  7. Banca Reale
  8. Desio e della Brianza
  9. Cassa di Risparmio di Asti
  10. Cariparma
  11. UBI Banca

E le più famose, almeno quelle finora non citate?

E allora, in un contesto di banche sicure e banche a rischio fallimento, vale la pena ricordare la più recente classifica elaborata dall'Università Bocconi. La graduatoria tiene in considerazione la stabilità degli istituti di credito operanti nel nostro Paese ed è stilata sulla base dell'indicatore Cet1 ovvero del rapporto fra il capitale di qualità e le attività ponderate per il rischio, dai crediti alle partecipazioni: Bper 13,80%, Credem 13,70%, Intesa Sanpaolo 12,70%, Banca Popolare di Milano 12,30%, Mediobanca 12,27%, Credito Valtellinese 11,78%, Unicredit 11,49%, Ubi Banca 11,48%, Cariparma 11,40%, Banca Carige 11,40%, Popolare di Sondrio 11,09%, Deutsche Bank 9,25%, Monte dei Paschi di Siena 8,17%.