Unicredit, truffa nuova via SMS, WhastApp ed email. A rischio conti correnti. Frodi pericolose per altre banche

Anche i correntisti Unicredit, Intesa Sanpaolo e Bnl sotto attacco phishing: il messaggio inviato tramite Whats app e consigli per evitare truffe

Unicredit, truffa nuova via SMS, WhastAp

Unicredit SanPaolo Bnl truffe Whatsapp conti sicuri


Una nuova truffa dedicata ai correntisti Unicredit sta circolando in queste ore via sms ed WhatsApp. Si tratta del classico phishing su cui ormai tutti gli Istituti di credito informano costantemente su come riconoscerlo e proteggersi e a prescindere da questo tutti gli home banking, con strade differenti, tentano di proteggere anche i clienti più sprovveduti che forniscono i loro dati agli hacker.

I clienti di Unicredit, Intesa Sanpaolo e Bnl richiamati all'attenzione su nuove truffe al via: non solo, infatti, i correntisti di Poste Italiane nel mirino delle truffe via mail ma le ultime notizie sembrerebbero parlare di ulteriori truffe ai danni dei correntisti delle banche appena riportate tramite messaggio su WhatsApp questa volta. Non si tratta certo di una novità, le truffe tramite messaggi sono da sempre quasi all’ordine del giorno, l’importante è che i diversi utenti sappiano riconoscere quando effettivamente è la banca ad inviare una comunicazione da aprire e quando invece di stratta di una frode. Solitamente, il consiglio è quello di non aprire mai link sospetti se non riportanti l’effettiva intestazione della propria banca.

Unicredit, SanPaolo, Bnl: nuove truffe via Whatsapp

Le ultime notizie confermano che i clienti di Unicredit, Intesa SanPaolo e Bnl sarebbero nel mirino di una truffa che si starebbe espandendo tramite messaggio Whats app. Gli attacchi phishing puntano a carpire le informazioni personali per svuotare letteralmente il conto corrente dei correntisti. Il messaggio che stanno ricevendo i correnti di Unicredit, Intesa Sanpaolo e Bnl riporta che i propri account bancari sono stati bloccati e che necessitano di una reimpostazione di password e altri dati personali, proprio al fine di prelevarne gli stessi.

Se i correntisti ci cascano, si tratta di un sistema che permette agli hacker di impossessarsi dei dati stessi dei correntisti potendo, di conseguenza, prelevare tutto il denaro del loro conto. Tuttavia, gli stessi istituti bancari hanno tranquillizzato, sostenendo che tutti i conti correnti sarebbero al sicuro da ogni genere di eventuale intromissione. E’ bene comunque fare sempre attenzione ai messaggi che vengono recapitati inerenti i propri conti bancari.