Bankitalia, Visco cessione del quinto. Più tutele e regole globali su settore finanziario ombra

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Bankitalia, Visco cessione del quinto. P

Prima i clienti e poi le banche

Che qualcosa non funzioni per il verso giusto è dimostrato dall'alto numero di contenziosi tra intermediari e clienti all'Arbitro bancario finanziario.

Le raccomandazioni arrivano da Ignazio Visco, governatore della Banca d'Italia, e di conseguenza non passano nell'indifferenza, ma sollecitano un confronto nel comparto. Riguarda il vivace mercato della cessione del quinto dello stipendio e le sue parole suonano forte e chiaro. A detta del numero uno di Via Nazionale è arrivato il momento di ridurre il contenzioso, garantire una maggiore tutela dei clienti e mitigare i rischi operativi, reputazionali e legali per gli intermediari. Una presa di posizione netta che non arriva a caso, ma rappresenta piuttosto la sintesi di un bisogno di cambiamento da una parte e di regolamentazione dall'altra, sia da parte dei clienti e sia di chi fa un business di questo segmento di mercato.

Prima i clienti e poi le banche

Ma c'è soprattutto un passaggio che merita maggiore attenzione ed è quello dei diversi livelli di priorità indicati dal numero uno di Bankitalia. In estrema sintesi, il primo livello di tutela spetta ai clienti e solo in subordine le banche. Visco non le manda a dire spiegando che l'attività di controllo più recente e il confronto con il mercato hanno messo in evidenza la presenza di problemi nel settore del mercato del quinto dello stipendio ovvero nei comportamenti verso i clienti. In occasione degli "Orientamenti di vigilanza sui prestiti contro cessione del quinto dello stipendio" ha rivelato come a incidere in maniera decisiva siano le condotte ritenute opportunistiche di alcuni operatori.

Regole globali su settore finanziario ombra

E che qualcosa non funzioni per il verso giusto è dimostrato dal contenzioso tra intermediari e clienti all'Arbitro bancario finanziario. L'appello è estremamente chiaro: le banche sono invitate a rivedere subito le soluzioni di carattere organizzativo e applicativo e apportare le necessarie correzioni. E c'è anche un'altra dichiarazione di Ignazio Visco che scuote il comparto: le nuove regole applicate al sistema bancario mondiale devono essere estese allo shadow banking, il settore finanziario ombra. Si tratta di un settore ancora inesplorato.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Ultime Notizie