Bollo auto esenzione 2018 GPL e regionali nuove. E consumatori ottengono vittoria su aspetto importante

La Ctp di Torino ha confermato che il termine per la prescrizione della tassa automobilistica è fissato in 3 anni a decorrere dal primo gennaio dell’anno successivo al termine di pagamento del tributo

Bollo auto esenzione 2018 GPL e regional

Vittoria per le istanze di novaresi e vercellesi sulla prescrizione del bollo auto


Esenzione del bollo auto sia locali che regionali, ma anche per auto trasformate con alimentazione Gpl che si potrebbe riavere. E poi consumatori vercellesi e novaresi ottengono una vittoria significativa per un altro aspetto.
 

La battaglia sul bollo auto, condotta da diverso tempo dai consumatori novaresi e vercellesi nei confronti della Regione Piemonte ha segnato una vittoria importante grazie alla serie di importanti conquiste in materia tributaria. Il tema è quello, non certo nuovo, della prescrizione del bollo auto che la normativa fissa in tre anni. Ma nonostante questo l’ente regionale ha continuato ad inviare, anche oltre questa soglia, le tanto odiate cartelle di riscossione ai contribuenti piemontesi attraverso l’agenzia di riscossione Soris Spa.

Questa decisione poggia su una proroga, contenuta in un provvedimento regionale, che posticipa a cinque gli anni necessari a far scattare la prescrizione. Eco spiegata l’importante conquista che i cittadini di Novara e Vercelli hanno ottenuto.

Bollo auto l’importante conquista di novaresi e vercellesi

Sui termini entro i quali scatta la prescrizione a proposito di eventuali mancati pagamenti del bollo auto l’importante conquista di novaresi e vercellesi è stata possibile grazie all’azione di Federconsumatori che da questo punto di vista ha sempre condiviso la tesi più favorevole al contribuente, invocando il termine prescrittivo triennale previsto da una legge ordinaria dello Stato e non quello quinquennale. La Commissione Tributaria Provinciale di Torino ha confermato questo orientamento nelle sue oltre venti valutazioni. E cioè che il termine per la prescrizione della tassa automobilistica è fissato in tre anni a decorrere dal primo gennaio dell’anno successivo al termine di pagamento del tributo.

BolE non in cinque anni come invece la legge regionale impone. I giudici tributari hanno infatti sposato le tesi di Federconsumatori che riprendono l’orientamento della Corte di Cassazione che si è già pronunciata in questo senso. In particolare i contribuenti coinvolti nelle recentissime pronunce, si erano rivolta allo sportello di Federconsumatori di Novara e Vercelli, mostrando le ingiunzioni di pagamento notificate da Soris Spa., relative ai bolli auto per gli anni 2010, 2011, 2012. Nonostante le istanze in autotutela formulate dall’Associazione, nella speranza di evitare il contenzioso giudiziario, avanti al rifiuto dell’ente impositore, Regione Piemonte e dell’Ente Riscossore Soris Spa, ai risparmiatori non era rimasto che procedere chiedendo l’annullamento del provvedimento impositivo. Con la sentenza del venticinque luglio, la Commissione Tributaria Provinciale di Torino ha rigettato la difesa della Regione Piemonte, accogliendo le istanze di Federconsumatori per la gioia di novaresi e vercellesi.

Esenzioni bollo auto

Le esenzioni sono diverse e previste, per esempio, nel caso in cui si possieda un veicolo ibrido, o se si sia interessati dalla legge 104.

Partendo dall'esenzione di pagamento del bollo auto per auto ibride, non si paga se si è già proprietari di un’auto ibrida o anche elettrica, e vale anche se l'acquisto del veicolo in questione avviene tra il 2 gennaio e il 31 dicembre 2018, co immatricolazione anche successiva a quest’ultima data a patto che il contratto d’acquisto sia firmato entro il 31 dicembre. Per le auto usate si fa riferimento alla data dell’atto di acquisto trascritto al Pubblico Registro Automobilistico (Pra). L’auto acquistata dev’essere intestata alla stessa persona fisica proprietaria dell’auto da demolire o ad un componente dello stesso nucleo familiare come riportato sullo stato di famiglia.

Passando alle esenzioni dovute per la legge 104, non pagano il bollo auto disabili, invalidi e portatori di handicap che abbiano grave limitazioni della capacità di deambulazione o da pluriamputazioni (art. 30 comma 7 della legge 388/2000); non è previsto alcun versamento per il bollo auto 2018 se il veicolo è intestato a persona disabile o a persona che ha fiscalmente a carico un soggetto disabile, per patologie gravi che riguardano sordomutismo, disabilità psichica con indennità di accompagnamento, disabilità motoria con adattamento del veicolo, disabilità fisica con grave limitazione della deambulazione.

Per quanto riguarda l'esenzione con la trasformazione dell'auto in GPL è stata concesso il non pagamento del bollo da diverse regioni, per chi avesse fatto questa trasformazione. L'esenzione valeva  per chia vesse il lavoro il trasformazione per 3 anni. Questo però, accadeva, nel 2015. Ma sembra essere stata la prima volta, ma l'ultima, in quanto dievrs regioni e anche a livello nazioni è stata proposta una modifica simile proprio ultimamente.

Tra le esenzioni parziali per chi compra un auto o le trasforma in Gpl o metano valgono ancora al momento quella della regione della Puglia, Toscana, Trento dove questi autombilisti hanno uno socnto di un quarto complessivo del bollo auto. Nella regione Campania vi sono 5 anni di esenzione totale al bollo auto per le auto elettriche. In Lombardia, pe ri veicoli plug-in, che abbiano anche, dunque, una ricarica, eserna il ollo costa la metà. Tre anni di esenzione totale, invece, nel Lazio per le auo ibride benzina-elettrica o elettrica-idrogeno.