Bonus Famiglia 2020, quali sono. Novità e conferme. Lista aggiornata

di Marianna Quatraro pubblicato il
Bonus Famiglia 2020, quali sono. Novità

bonus famiglia 2020 novita conferme

Le misure 2020 per la famiglia e cosa cambia per alcuni bonus estesi e aumentati: le novità previste e ulteriori misure

Da conferme e proroghe di bonus per il prossimo anno 2020 a nuove misure rientranti nel cosiddetto Family Act dal 2021: sembrano questi gli step che il governo ha intenzione di compiere per definire sostegni e tutele per le famiglie, con la Carta Bimbi annunciata solo qualche giorno fa che, a questo punto, non debutterà più nel 2021 ma molto più probabilmente sarà posticipata nel 2021.

Novità previste anche per il congedo obbligatorio per i papà che, stando alle ultime notizie, sarà rifinanziato e aumenterà fino a sette giorni. Vediamo, dunque, quali sono i bonus famiglia 2020 tra novità e conferme.

  • Bonus bebè 2020
  • Bonus asilo nido 2020
  • Bonus mamma domani (Premio alla nascita) 2020
  • Assegno maternità Comune 2020
  • Carta Famiglia 2020
  • Terreni e mutui agevolati per le famiglie numerose

Bonus bebè 2020

Il bonus bebè è stato aumentato ed esteso a tutti, al di là di reddito e soglia Isee, per 12 mesi, vale per ogni figlio e prevede un assegno mensile da 80 a 160 euro, in base alla situazione economica del nucleo, per i nati da gennaio 2020.

Per avere il bonus bebè 2020 bisogna dunque:

  • essere cittadini italiano o dell'Unione europea;
  • essere cittadino extracomunitario ma in possesso di regolare permesso di soggiorno;
  • dimostrare la convivenza con il figlio.

Cancellato, dunque, il requisito Isee inferiore ai 25mila euro per avere l’assegno da 80 euro o ai 7mila euro annui per avere l’assegno di 160 euro.

L’erogazione del bonus bebè ha durata di un anno anche per il 2020, per ogni figlio nato, adottato o in affido preadottivo, e la domanda per riceverlo deve essere presentata all’Inps nelle solite modalità, cioè o rivolgendosi a Caf o patronati; o inviando la domanda direttamente online sul sito Inps utilizzando il proprio Pin; o contattando telefonicamente il contact center dell’Inps al numero verde 803.164 o il numero 06 164 164 da cellulari.

La domanda per avere il bonus bebè deve essere entro 90 giorni dalla nascita o dall’ingresso nel nucleo familiare del nuovo arrivato.

Bonus asilo nido 2020

Per il 2020 il bonus asilo nido sarà aumentato e da 1.500 euro per tutti i bambini che frequentano l’asilo nido, pubblico o privato, potrà arrivare anche fino a 3mila euro per i redditi medio-bassi. Anche per il bonus asilo nido 2020 non sono richiesti limiti di reddito o soglie Isee da rispettare. Si tratta, infatti, di una misura che vale per tutti coloro che:

  • sono residenti in Italia;
  • hanno cittadinanza italiana o comunitaria o, in caso di cittadino di Stato extracomunitario, regolare permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo;
  • sono conviventi con il bambino.

Il bonus asilo nido vale per il pagamento delle rette relative alla frequenza di asili nido pubblici e privati e viene erogato dall’Inps o come mensilmente contributo per pagare la retta dell'asilo nido, in undici rate.

Per usufruire del bonus, il genitore deve presentare copia delle ricevuta di pagamento delle rette dell'asilo. Il bonus può anche essere utilizzato per il pagamento di supporti per bambini che soffrono di particolari patologie e che non possono frequentare gli asili nido e in tal caso bisogna presentare apposita certificazione del pediatra che dichiari l’impossibilità del bambino a frequentare gli asili nido a causa di una grave patologia cronica.

Quando il genitore presenta domanda per il bonus asilo nido deve specificare se l’asilo nido frequentato dal minore sia pubblico o privato autorizzato e indicare denominazione, codice fiscale della struttura, estremi del provvedimento autorizzativo; mensilità relative ai periodi di frequenza scolastica compresi tra gennaio e dicembre. La domanda deve essere presentata all’Inps.

Bonus mamma domani (Premio alla nascita) 2020

Ancora per il 2020 le future mamme potranno beneficiare del bonus mamma domani: si tratta, appunto, di un bonus del valore complessivo di 800 euro erogato dall’Inps in un’unica soluzione che può essere richiesto dalle donne che sono al settimo mese di gravidanza compiuto o all’atto di adozione o di affidamento.
Per richiedere il bonus mamma domani 2020 bisogna:

  • essere residenti in Italia o avere cittadinanza italiana o comunitaria, avere lo status di rifugiato politico e avere un permesso di soggiorno UE di lungo periodo;
  • essere entrate nel settimo mese di gravidanza;
  • aver partorito anche se prima dell’ottavo mese di gravidanza;
  • aver adottato un minorenne su territorio nazionale o internazionale;
  • aver ottenuto l’affidamento preadottivo nazionale o internazionale.

Per richiedere il bonus mamma domani 2020 non è richiesto alcun requisito legato al reddito o all’Isee perché si tratta di un bonus valido per tutte e future mamme, anche per coloro che non sono iscritte all’Inps ma ad altre Casse previdenziali.

Anche per il bonus mamma domani 2020 la domanda deve essere presentata direttamente all’Inps con allegata documentazione richiesta.

Assegno maternità Comune: come funziona

Ancora per il prossimo anno le mamme e future mamme potranno usufruire del cosiddetto assegno di maternità erogato dai Comuni. Si tratta di un contributo economico erogato, appunto, dai Comuni alle donne in gravidanza che siano disoccupate o casalinghe.

Il requisito per poter avere accesso all’assegno di maternità del Comune è avere un Isee massimo di 16.995.95 euro e non percepire altre prestazioni previdenziali. L’importo dell’assegno è di circa 300 euro erogato per tre mesi.

Carta famiglia: come funziona e a chi spetta

Ancora confermata la carta famiglia, che permette di ottenere agevolazioni sull’acquisto di beni o servizi, come generi alimentari, medicinali, prodotti per l’igiene personale e la casa, abbigliamento e calzature, libri, ecc, e riduzioni per le bollette di luce e gas, trasporti, aderenti all’iniziativa.

Per avere la carta famiglia non sono richiesti limiti di reddito o Isee ma bisogna avere almeno tre figli a carico.

Terreni e mutui agevolati per le famiglie numerose

Anche per il 2020, come già stabilito, le famiglie numerose con tre e più figli, almeno uno dei quali nato tra il 2019 e il 2021, possono avere gratis terreni demaniali agricoli da utilizzare per almeno 20 anni, e ottenere, su richiesta, mutui fino a 200.000 euro, ventennali e a tasso zero, per l’acquisto della prima casa in prossimità dell’area coltivabile data in uso.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità: