Carte di credito, nessun dato dei clienti rubato. Risposta ufficiale di Nexi

di Chiara Compagnucci pubblicato il

Riceviamo e pubblichiamo la comunicazione ufficiale di Nexi sulla notizia della presunta sottrazione di dati di clienti di carte di credito di migliaia di italiani

Carte di credito, nessun dato dei client

Nexi, rubati dati carte di credito

Come avevamo spiegato sin dall'inzio della vicenda, c'erano già molti dubbi sul fatto che i dati dei clienti delle carte di credito (non i numeri di carte di credito cui non c'era e non cè mai stato nessun riferimento) rubati fossero di Nexi o che fossero, comunque, aggiornati e validi anche se di altra società.
La notizia era stata, comunque, anche ripresa da diversi organi di stampa, come Repubblica e non solo. Ora arriva l'atteso comunciato stampa di Nexi che fa luce sull'intera vicenda e che dopo esserci stato spedito riportiamo integralmente:

Nexi precisa che i propri servizi di sicurezza hanno rilevato la pubblicazione su un sito internet straniero di un post anonimo contenente una lista di circa 18 mila nominativi
(nome, cognome, indirizzo, CF e solo in alcuni casi un contatto telefonico non verificato) che l’autore anonimo attribuiva a presunti clienti Nexi.
Nessuno dei dati in questione afferiva, in ogni caso, a informazioni di natura finanziaria (es: numero carta, transazioni, codici identificativi, pin, password, etc, etc.).
Nexi inoltre precisa che al momento:
- non ha rilevato alcun violazione dei propri sistemi informatici e che nessun dato relativo alle carte di pagamento gestite da Nexi è stato in alcun modo compromesso;
- in molti casi i dati anagrafici non trovano corrispondenza con i dati contenuti sui sistemi Nexi;
- a seguito dell’immediata diffida da parte della Società nei confronti del sito internet in questione, i dati sono stati prontamente rimossi.

Nexi informa di aver immediatamente denunciato il fatto alle autorità competenti riservandosi ogni azione volta a tutelare i propri interessi.

COSA ERA SUCCESSO

Questa mattina era, stata pubblicata, la notizia da parte di numerosi organi di stampa, noi compresi, che migliaia di dati di clienti di carte di credito, forse di Nexi, erano comparsi sulla piattaforma Pastebin, dal nome al cognome, dalla data al luogo di nascita, dall'indirizzo di residenza al codice fiscale, fino ad arrivare al numero di cellulare

Come avevamo subito riportato, la notizia era assolutamente da chiarire, sia se i dati (personali non finanziari ci teniamo ancora una volta a ribadirlo) della carte di credito fossero di clienti effettivamente di Nexi, sia se fossero aggiornati. 

E dopo alcune ore, è arrivato il comunicato ufficiale di Nexi a chiarire la vicenda, dimostrazione dell'assoluta professionalità dell'azienda che gestisce oltre 40 milioni di carte di credito italiane.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Seguici su Facebook, clicca su "Mi Piace":