Case stampate in 3D, costi e tempi assolutamente sbalorditivi. Video. Una rivoluzione

Le dimensioni dell'abitazione variano dai 55 ai 75 metri quadrati ovvero della grandezza necessaria per ricavare da questo spazio due camere, una cucina e un bagno.

Case stampate in 3D, costi e tempi assol


Diventa realtà la possibiltià di costruire case stampate in 3D, a costi assi bassi intorno ai 3,5 mila dollari e in meno di 24 ore. E lo si può vedere anche dai video. Una vera e propria rivoluzione.
 

Si parla da tempo delle potenzialità delle stampanti 3D, ma non è mai stato chiaro fino a che punto e in che tempi possano rappresentare un concreto beneficio. A fornire una risposta su entrambi i versanti ci hanno adesso pensato le due società New Story e Icon. Hanno infatti congiuntamente messo a punto una stampante 3D capace di costruire abitazioni. Già questo basterebbe per parlare di svolta e di rivoluzione. Ma ci sono altri tre elementi che meritano di essere segnalati. Il primo è i tempi di di realizzazione: circa 24 ore. Il secondo è il costo di queste case: tra i 3.500 e i 4.000 dollari. Il terzo è la finalità di questo progetto: dare un detto ai più bisognosi ovvero ai più poveri.

Case con stampa 3D: bastano 24 ore

Non è allora un caso che il primo Paese a essere coinvolto nella realizzazione delle case stampate in 3D sia stato uno di quelle in cui l'emergenza abitativa raggiunge livelli drammatici e nient'affatto trascurabili ovvero El Salvador, uno dei Paesi più poveri al mondo. Alla base di tutto c'è allora una stampante, a cui è stato dato il nome profetico di Vulcan. La prima accortezza a cui hanno pensato gli sviluppatori è stata quella di realizzare un terminale sufficientemente comodo per il trasporto, così da poter essere utilizzata laddove c'è richiesta. Dal punto di vista tecnico, utilizza materiali rintracciabili e agisce stampando le abitazioni un livello per volta, quasi come se fosse un operaio chiamato a innalzare una casa mattone dopo mattone.

Annuncio e dimostrazioni sono stati dati in occasione del South by Southwest a Austin, in Texas, in un contesto tra conferenze, film e musica. Le dimensioni dell'abitazione da costruire con una stampante 3D variano dai 55 ai 75 metri quadrati ovvero della grandezza necessaria per ricavare da questo spazio due camere, una cucina e un bagno secondo gli standard certificati dell'International Building Code. Si tratta naturalmente di un esempio perché altre soluzioni possono essere escogitate con i dovuti input. Non rappresenta infatti un problema il cambiamento del disegno delle case o della progettazione. Anzi, proprio questi sono i punti di forza di questo tipo di stampa.

Si comincia appunto a El Salvador con il progetto per la costruzione di 50 case. Come spiegato da New Story, no-profit attiva nelle zone più complicate di Haiti, El Salvador, Messico e Bolivia, milioni di famiglie non hanno un tetto sotto cui vivere ovvero il bisogno più basilare dell'uomo. Ecco allora che la stampante 3D di Icon promette di assicurare una svolta in termini di velocità ed economia.