Come la tecnologia auto e gare in Formula 1 ha migliorato la vita di tutti i giorni

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Come la tecnologia auto e gare in Formul

Applicazioni della tecnologia della Formula 1

Uno dei più grandi progressi nella tecnologia dei telai da corsa è stata l'introduzione delle monoscocche in fibra di carbonio. E oggi?

Per alcuni il bello della F1 è soprattutto una questione di sport. Per altri è una sfida tecnologica dove l'innovazione tecnica è la parola d'ordine dello sport più all'avanguardia del mondo. La realtà è che lo sport, la tecnologia e l'innovazione sono parametri integralmente collegati.

Sebbene estremamente costosa, la Formula 1 è una sorta di potente laboratorio di ricerca e sviluppo in cui le ripercussioni sui veicoli di consumo sono numerose al fine di rendere la nostra vita più semplice, sicura ed efficiente. Vediamo da vicino:

  • Formula 1: quali tecnologie sulle auto di tutti giorni

  • Altre applicazioni della tecnologia della Formula 1

Formula 1: quali tecnologie sulle auto di tutti giorni

Uno dei più grandi progressi nella tecnologia dei telai da corsa è stata l'introduzione delle monoscocche in fibra di carbonio all'inizio degli anni 80 da parte della McLaren. Questo materiale, allo stesso tempo leggero e molto resistente, permette di migliorare la sicurezza ma anche le prestazioni ei consumi di alcuni veicoli che oggi vengono venduti al grande pubblico.

Pirelli è da anni l'unico produttore di pneumatici in Formula 1. Il complesso sviluppo di gomme morbide per promuovere l'aderenza e gomme più dure per aumentare la durata fornisce dati tecnici interessanti con l'obiettivo di progettare pneumatici più performanti per il grande pubblico per un'ampia varietà di veicoli, dalle piccole city car ai modelli più sportivi.

I motori di Formula 1 non hanno nulla a che fare con i motori prodotti sui veicoli di consumo. Con una durata di circa 3000 km, i motori di Formula 1 sono progettati esclusivamente per le prestazioni. Tuttavia, gli imperativi ecologici hanno fatto evolvere questi motori migliorando al contempo l'efficienza energetica.

Ecco perché oggigiorno un motore di Formula 1 è in grado di sviluppare una potenza di circa 1000 CV pur avendo un consumo moderato di 100 chilogrammi di carburante per tutta la durata di una gara.

Fino a pochi anni fa, un motore di Formula 1 richiedeva più del doppio della massa di carburante per coprire un'intera gara. I veicoli di consumo hanno beneficiato di questi studi di miglioramento meccanico e il consumo di carburante è stato ridotto di circa 1-2 litri ogni 100 chilometri.

Altre applicazioni della tecnologia della Formula 1

Sappiamo che automobile ed ecologia non vanno d'accordo. L'industria automobilistica sta quindi cercando di ridurre la quantità di emissioni inquinanti dei motori a combustione interna. Poiché la Formula 1 non è pronta per passare al tutto elettrico, il compromesso scelto consiste nel progettare sistemi di recupero dell'energia cinetica operando sulla quantità di energia termica dispersa convertita il più possibile in energia elettrica.

Il primo sistema, denominato Kers, è costituito da un volano collegato al motore che, durante la frenata, si attiva per fornire energia elettrica al fine di ricaricare le batterie accoppiate a un motore elettrico di supporto al motore a combustione interna. Il secondo sistema di bordo consiste nel recuperare l'energia persa dal turbocompressore per mezzo di un complesso alternatore collegato a quest'ultimo, in grado anche di ricaricare le batterie.