Asilo nido al Comune di Avezzano si prova a riaverlo. Storia paradossale tutta italiana

Una storia paradossale, ma simbolica che fa capire come a rimetterci siano sempre i cittadini a causa di leggi ingiuste e cattiva amministrazione.

Asilo nido al Comune di Avezzano si prov

Al via la battaglia del Comune di Avezzano per riprendersi l'asilo nido Orsetto Bernardo


Una ennesima storia paradossale, probabilmente tutta italiana, fatta di leggi e norme che hanno poco senso logico, anzi nessuno e alla fine a pagare sono i cittadini per ben due volte
 

Ci sono delle storie che hanno dell'incredibile e sono pure paradossali e che alle fine pagano i cittadini sia a livello di tasse, ma anche di servizi che non possono essere utilizzati.

La storia e i suoi tanti paradossi

Ci troviamo ad Avezzano, in Abruzzo, dove è inziata una vera e propria battaglia da parte del Comune per riuscire a recuperare e riaere in proprietà, l'unico asilo nido del Paese, l'asilo Nido Orsetto Bernardo.
Nel 2015 la struttura venne affidata ad una azienda terza per poterlo gestire, ma questa l'ha lasciato chiuso perchè i paramtri dell'edificio a livello di sismicità, pur nella norma, erano bassi.

La precedente amministrazione, come ha spiegato Fabrizio Ridolfi, assessore all’Edilizia scolastica, aveva atto un provvedimento per bloccare il pagamento dell'affitto da parte dell'azienda per il problema della sismicità.

Una doppia beffa. Ora non c'è nessun asilo nido in città e non viene neppure corrisposto il pagamento. E i 45 bimbi che dovevano andare all'asilo sono rimasti senza un posto dove andare.

A questo punto il Comune sta cercando di riavere in mano il proprio asilo, altro paradosso, e poter riaprire la scuola, con, sottolinenano, una messa a punto sulla sicurezza e ulteriori lavori avando partecipato ad un bando per la creazione di un polo di scuole che ne farebbe creare tre, l'asilo nido, la scuola materna e la primaria.

Chi paga? I cittadini due volte

Ma ad oggi, è tutto bloccato, e chi paga sono chiaramente i cittadini, sia a livello di tasse, sia di mancato servizio. e da bn 4 anni, ovvero dal 2015
 







Ti è piaciuto questo articolo?





Commenta la notizia
di Luigi Mannini pubblicato il