Conti correnti, nuove importanti regole. Ecco cosa cambia ancora

di Chiara Compagnucci pubblicato il

Se c'Ŕ un aspetto ambiguo nel rapporto tra cliente e banca Ŕ quello relativo al costo reale di gestione del conto corrente. Tutte le novitÓ con le nuove norme.

Conti correnti, nuove importanti regole.

Fogli informativi conti correnti pi¨ chiari

Le nuove regole sui conti correnti sono già state definite e si attende solo l'inizio del nuovo anno per farle entrare in vigore. Tutti i passaggi burocratici sono stati infatti completati. La Banca d'Italia ha emesso il provvedimento contenente tutte le novità valide dal primo gennaio 2020 e la Gazzetta Ufficiale ha messo il suggello pubblicato il testo definitivo. Le coordinate seguite da Palazzo Koch sono state l'imposizione di maggiore trasparenza da parte degli istituti di credito e di maggiore chiarezza nei documenti da far sottoscrivere ai clienti.

E poi, altro dettaglio di primaria importanza, gli utenti dispongono adesso di maggiori garanzie nei confronti delle banche. Gli episodi di cronaca finanziaria degli ultimi anni hanno lasciato il segno.

Nuove regole conti correnti 2019-2020

Se c'è un aspetto storicamente ambiguo nel rapporto tra cliente e banca è quello relativo al costo reale di gestione del conto corrente. Tra tassi di interessi lordi e netti, imposte di bollo, spese una tantum e voci più o meno nascoste, anche di poche decine di centesimi ma che sommate fanno un bel gruzzoletto a fine anno, i consumatori avvertono un'aria di insoddisfazione.

Banca d'Italia cerca di superarla imponendo l'obbligo per le banche di informare correttamente sui costi delle operazioni bancarie, che si traduce in termini concreti nell'invio di un documento di sintesi di tutte le spese a carico del cliente, anche quelle di basso importo, con l'indicazione dei servizi a cui sono riferiti. Non solo, ma gli istituti di credito - e si tratta della reale novità - dovranno segnalare anche il costo complessivo, senza presentarlo in maniera spezzettata.

Parte di queste indicazioni, come l'obbligo per le banche di informare correttamente sui costi delle operazioni bancarie con i conti correnti, sono già in vigore, ma evidentemente non rispettate alla lettera da parte degli istituti di credito. E con la volontà di essere più chiara, Bankitalia impone l'Indicatore dei costi complessivi del conto corrente da spedire ai clienti. Si tratta del documento utile per confrontare le migliori (e le peggiori) offerte di conto corrente.

Allo stesso tempo devono inviare un nuovo documento di riepilogo delle spese e un Documento informativo sulle spese. A tal proposito, se il cliente va in rosso per oltre 300 euro, la banca è chiamata a spedire un avviso entro un mese e tre giorni.

Fogli informativi conti correnti più chiari e completi

Si parla con sempre maggiore insistenza dei fogli informativi dei conti correnti e ai clienti delle banche viene da sempre suggerito di leggere con attenzione il contenuto. Il problema è che sia per la lunghezza e sia per il linguaggio utilizzato, non sempre sono facili da comprendere. Ma soprattutto possono contenere alcuni passaggi assenti nel contratto. Su questo punto interviene la Banca d'Italia stabilendo l'obbligo della coerenza tra tutti i documenti.

Ma anche la necessità che i fogli informativi contengano almeno i seguenti quattro aspetti: informazioni sull'intermediario, le caratteristiche e i rischi dell'operazione o del servizio, la lista completo delle condizioni economiche offerte, le clausole contrattuali su diritto di recesso e i tempi massimi per la chiusura del rapporto, oltre ai mezzi di tutela stragiudiziale.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Seguici su Facebook, clicca su "Mi Piace":