Contributi a fondo perduto al 70% per investimenti tecnologici Camera di Commercio a Novembre 2020

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Contributi a fondo perduto al 70% per in

Contributi a fondo perduto al 70%

Sono 5 i requisiti richiesti alle imprese per accedere ai contributi a fondo perduto al 70% per investimenti tecnologici. C'è tempo fino al 30 novembre per partecipare.

Sono 3 le spese ammesse per accedere ai contributi a fondo perduto al 70% per investimenti tecnologici. La Camera di Commercio finanzia infatti l'acquisto di beni e servizi funzionali all'acquisizione delle tecnologie abilitanti, il cui elenco completo è consultabile all'interno di questo articolo.

Le spese possono raggiungere il 100% dell'importo totale di quelle ammissibili. In seconda battuta rientrano i servizi di consulenza e formazione relativi a una o più tecnologie. E anche in questo caso possono raggiungere il 100% della somma totale delle spese ammissibili.

Dopodiché rientrano le spese per la riduzione degli oneri finanziari relativi a finanziamenti per la realizzazione di progetti di innovazione digitale riferiti agli ambiti tecnologici. In questo caso, le spese coperte sono inferiore al 20% dell'importo totale. Vediamo quindi nel dettaglio:

  • Come funzionato i contributi a fondo perduto della Camera di Commercio
  • Quali investimenti tecnologici con contributi a fondo perduto al 70%

Come funzionato i contributi a fondo perduto della Camera di Commercio

Sono 5 i requisiti richiesti alle imprese per accedere ai contributi a fondo perduto al 70% per investimenti tecnologici. Innanzitutto che siano attive e in regola con l'iscrizione al Registro delle Imprese. Quindi che abbiano realizzato il Report di self-assessment di maturità digitale Selfi4.0, disponibile sul portale puntoimpresadigitale della Camera di Commercio.

Dopodiché si ricorda che questa possibilità è riservata alle piccole e medie imprese. Tutte loro devono essere in regola con il pagamento del diritto annuale. Infine devono avere sede legale o unità locali operative nella circoscrizione territoriale della Camera di Commercio locale. L'entità massima del contributi è del 70%, erogati sotto forma di vocuher con importo unico fino a 5.000 euro.

Per accedere al voucher occorre presentare un progetto di investimento di almeno 3.000 euro. Ricordando che ciascuna piccola e media impresa può presentare una sola domanda, c'è tempo fino al 30 novembre per partecipare a questa iniziativa. Tuttavia possono essere presenti variazioni rispetto a questo schema di base.

Di conseguenza il suggerimento è informarsi alla Camera di Commercio del proprio territorio.

Quali investimenti tecnologici con contributi a fondo perduto al 70%

I contributi sono sono concessi e mediamente liquidati entro 90 giorni dalla presentazione della richiesta con determinazione del dirigente della Camera di Commercio tramite procedimento valutativo a sportello e tenendo conto dell'ordine di presentazione delle domande e in ogni caso fino a esaurimento dei fondi disponibili.

Andando alla ricerca degli interventi per cui è possibile richiedere il finanziamento a fondo perduto, le piccole e medie imprese devono necessariamente fare riferimento ad almeno una delle seguenti tecnologie:

  • big data e analytics
  • blockchain
  • cloud, fog e quantum computing, cyber security e business continuity
  • connettività a banda ultralarga
  • geolocalizzazione
  • integrazione verticale e orizzontale
  • intelligenza artificiale
  • interfaccia uomo-macchina
  • internet delle cose e delle macchine
  • manifattura additiva e stampa 3D
  • prototipazione rapida
  • robotica avanzata e collaborativa
  • simulazione e sistemi cyberfisici
  • sistemi di e-commerce
  • sistemi di prenotazione e pagamento mobile o via web
  • sistemi Edi electronic data interchange
  • sistemi fintech
  • sistemi per lo smart working e il telelavoro
  • soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della supply chain
  • soluzioni tecnologiche digitali per l'automazione del sistema produttivo e di vendita per favorire forme di distanziamento sociale dettate dall'emergenza sanitaria
  • soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività
  • soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa come realtà aumentata, realtà virtuale e ricostruzioni 3D
  • system integration applicata all'automazione dei processi
  • tecnologie della Next Production Revolution
  • tecnologie per l'in-store customer experience

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità: