Da Dubai ad Auckland, sull'aereo più grande del mondo per oltre 16 ore di volo

Dieci fusi orari, oltre 14mila chilometri percorsi. L’imponente sagoma dell’Airbus A380, l’aereo più grande del mondo ha solcato i cieli di mezzo mondo partendo da Dubai alla volta della Nuova Zelanda

Da Dubai ad Auckland, sull'aereo più

Da Dubai ad Auckland, il viaggio a bordo dell'aereo più grande del mondo è un'esperienza incredibile.


La nuova frontiera del trasporto aereo è rappresentata da un aereo che ha battuto tutti i record e che promette di rivoluzionare il concetto di distanze planetarie. Una rivoluzione dove tutto è grande, a partire dalle dimensioni del velivolo per terminare con la capacità di volo che, emerge chiaramente dal racconto che il Corsera ha fatto di questo viaggio. Da Dubai ad Auckland a bordo dell’aereo più grande del mondo per oltre 16 ore di volo consecutive. Se non è record questo, allora…

Da Dubai ad Auckland, sull'aereo più grande del mondo

Ma i record non si fermano certo qui. L’imponente sagoma dell’Airbus A380, l’aereo più grande del mondo con i suoi due piani che ne esaltano la stazza mastodontica, in dotazione alla compagnia Emirates, ha solcato i cieli di mezzo mondo partendo da Dubai con destinazione Auckland abbattendo il muro dei dieci fusi orari attraversati e di più di quattordici mila chilometri percorsi in poco più di 16 ore di volo.

Un’esperienza fantastica per le circa cinquecento persone che si sono distribuite tra la lussuosa prima classe, la Business e l’economica. Passeggeri che potrebbero benissimo pensare di trovarsi in qualche esclusivo hotel. Millecinquecento pasti e 480 bottiglie di vino e champagne possono aiutare a ricreare quell’atmosfera ovattata e magica delle strutture ricettive più prestigiose. O no?

Sull’aereo più grande del mondo per oltre 16 ore di volo

Ma, sull’aereo più grande del mondo, stando sempre al racconto che del Corsera, i comfort non finiscono qui. A 10-12 chilometri di quota i passeggeri possono usufruire del collegamento internet wi-fi gratuito così da poter tenere vive le proprie conversazioni e le relazioni magari anche lavorative. Le 16 ore di volo, che sembrano un’eternità, volano (è proprio il caso di dirlo) a bordo. Tante sono le opportunità disponibili che non sembra di viaggiare a bordo di un aereo anche la possibilità di fare yoga. Anche perché il gigante dei cieli procede a velocità di crociera senza il minimo rumore molesto che potrebbe infastidire la serenità che si respira a bordo. Insomma, internet, pasti abbondanti, vino delle qualità più prelibate, possibilità di vedere film come se si fosse in un cinema. C’è tanto da fare che a volte le hostess, sono costrette a zittire i passeggeri come se si fosse in una chiassosa riunione di condominio.

Questo però ovviamente non succede in Business e in Prima Classe dove il relax regna incontrastato. Il gigante dei cieli impiega poco più di 16 ore di volo quindi per coprire la distanza che corre tra Dubai e la Nuova Zelanda. Quando l’aereo sta per atterrare ed arriva il momento di tracciare un bilancio di questa esperienza a bordo dell’aereo più grande del mondo che compie il volo più lungo non può essere che positivo. L’atmosfera è incantata, le poltrone comodissime e tra succo d’arancia, succo di pomodoro, vino scelti tra i più pregiati, Bloody Mary e un altro di porto il viaggio è filato via davvero senza alcuna stanchezza. Infatti, una volta atterrati, la domanda che viene da farsi è: “Quando si riparte?”







Ti è piaciuto questo articolo?





Commenta la notizia
di Luigi Mannini pubblicato il