Etheurem e Bitcoin: criptomonete a settembre in arrivo miglioramenti. Previsioni analisti ed esperti

Ethereum, la seconda moneta virtuale più potente al mondo, ha deciso di rubare la scena alla più celebre omologa annunciando che a Settembre 2017 sono in arrivo miglioramenti sotto diversi aspetti

Etheurem e Bitcoin: criptomonete a sette

A settembre in arrivo miglioramenti per Ethereum. Le previsioni su Bitcoin ed Ethereum di analisti ed esperti


E a settembre 2017, oltre novità importanti per Ethereum ce ne saranno anche per Bitcoin con una serie di miglioramenti per rispondere anche a Bitcoin Cash uscito in Agosti e su cui in tanti temevano per le quotazioni, a che non ha avuto nessun effetto sul mercato se non alzare il valore del Bitcoin stesso. (aggironamento 14,01)

Ethereum si prepara a delle novità piuttosto interessanti per il mese di settembre; novità che riguardano l’upgrade Metropolis. Analisti e esperti hanno iniziato a tracciare una sorta di road map che consente di farsi un’idea di cosa succederà. (aggiornamento ore 16:15)

Pressappoco tutti hanno sentito parlare del Bitcoin. Pochi, forse pochissimi dell’Ethereum che è la seconda criptovaluta più potente al mondo. Proprio Ethereum ha deciso di rubare la scena alla più celebre omologa annunciando che a Settembre 2017 sono in arrivo miglioramenti sotto diversi aspetti. Il suo prezzo sta continuando, infatti, a tendere al rialzo superando quota trecentoventi dollari, e se il trend è così positivo non si può trascurare il clima in cui ci si muove dopo l’annuncio delle grandi novità che saranno ufficializzate nel corso del prossimo mese.

Proprio così: Ethereum si prepara a delle novità piuttosto interessanti per il mese di settembre; novità che riguardano l’upgrade Metropolis. Ma quali sono le previsioni future sull’evoluzione di BitCoin, Etheureum. Analisti e esperti hanno iniziato a tracciare una sorta di road map che consente di farsi un’idea di cosa succederà.

Ethereum a Settembre in arrivo miglioramento

Metropolis. Così si chiama l’aggiornamento che Ethereum, pronto a settembre 2017, metterà in campo a partire da settembre. In arrivo dunque il miglioramento che tutti si aspettavano. Questo aggiornamento rafforzerà innanzitutto l’anonimato sulle operazioni attraverso nuove Zero-knowledge proofs. In questo modo gli utenti potranno eseguire le loro transazioni finanziarie in modo assolutamente anonimo e per di più anche a livelli superiori rispetto a quelli garantiti in passato.

Poi l’upgrade porta delle novità anche per quel che riguarda la programmazione e gli smart contract: questi ultimi verranno resi più facili, con grande gioia dei programmatori. E infne l’aggiornamento di Ethereum trascinerà con sé altre due novità: da una parte la possibilità per gli utenti di determinare l’indirizzo per il quale dispongono di una chiave privata; e dall’altra l’introduzione di un particolare meccanismo volto a rendere ancora più difficile il mining della moneta.

Previsioni su BitCoin, Etheureum analisti e esperti

Infine vediamo quali possono essere le previsioni su su BitCoin ed Etheureum. Analisti ed esperrti sono concordi nell’affermare che l’aggiornamento previsto per settembre sia destinato a rivoluzionare il funzionamento di questa criptovaluta,. Se l’attività di mining dovesse rallentare, il prezzo potrebbe diminuire. Ma questa è un’ipotesi tutto sommato poco considerata, in quanto gli aggiornamenti del sistema dovrebbero semmai far aumentare il numero di utenti che ruotano attorno l’Ethereum.

Indipendentemente da come andranno a finire le cose, sappiamo per certo che Metropolis viene considerata la penultima tappa della tabella di marcia di Ethereum: il prossimo aggiornamento dovrebbe puntare su un aumento della stabilità, producendo (si spera) un ulteriore incremento degli investimenti e dei prezzi.

Al momento, invece, il Bitcoin sta trovando una nuova primavera dopo la nascita il primo agosto del Bitcoin Cash, che non ha creato i problemi che si temevano sul mercato. E così è arrivato al record sia di capitalizzazione che di valore, rispettivamente tremila e cinquecento dollari e cinquantaquattro miliardi di dollari. Ma secondo, alcuni analisti, siamo, come detto, solo agli inizi.