Fonda azienda da un miliardo di dollari a soli 22 anni. Ecco che cosa fa.

di Chiara Compagnucci pubblicato il

Anche se è ancora lontano il tempo in cui le macchine prenderanno il posto dell'uomo, la startup Scale AI contribuisce a ridurre le distanze.

Fonda azienda da un miliardo di dollari

Startup da un miliardo di dollari

Si chiama Scale AI ed è una startup che mette in luce il legame di machine learning tra umani e algoritmi e si rivela strategica per le grandi aziende di intelligenza artificiale che promettono un futuro automatizzato. La startup di tre anni ha annunciato di aver chiuso un round di finanziamento della Serie C da 100 milioni di dollari guidato dal Founders Fundcon la partecipazione di Accel, Coatue Management, Index Ventures, Spark Capital, Thrive Capital, i fondatori di Instagram Kevin Systrom e Mike Krieger e il ceo di Quora Adam d'Angelo.

Ma c'è anche un altro elemento di questa vicenda che cattura l'attenzione: a fondare l'azienda da un miliardo di dollari è stato un ragazzo di soli 22 anni. Alexander Wang ha salutato l'ascesa meteorica della sua startup esponendo il pensiero secondo cui cui sviluppo dell'intelligenza artificiale rappresenta un passaggio fondamentale dal software tradizionale per via dell'importanza dei dati sul codice. Uscito dal Massachusetts Institute of Technology, Wang aveva precedentemente lavorato a Quora prima di fondare Scale nel 2016. E da lì è stato un successo crescente.

La storia della startup da un miliardo di dollari

Scale è specializzata nella fornitura di set di dati etichettati, fondamentali per la costruzione di modelli di apprendimento automatico. Gli sviluppatori inviano i dati grezzi all'azienda tramite la propria API e Scale utilizza quindi una combinazione di apprendimento automatico e lavoro manuale per etichettare e quindi restituire i dati, aprendo l'apprendimento automatico a un pubblico più ampio di aziende.

I clienti di Scale comprendono nomi del calibro di Waymo, OpenAI, Nuro e Lyft con i dati di formazione utilizzati in un'ampia varietà di settori con opportunità di apprendimento automatico. Questi includono veicoli autonomi, elaborazione del linguaggio, mappatura e robotica. Scale ha circa 100 dipendenti, ma secondo Wang il personale a tempo pieno è una piccola parte dei servizi offerti da Scale.

La startup ha infatti quasi 30.000 appaltatori che aiutano nel processo di etichettatura. Le aziende forniscono dati scalabili tramite le loro API e la startup mette le sue risorse al lavoro etichettando testo, audio, immagini e video in modo che i modelli di apprendimento automatico dei suoi clienti possano essere formati.

Intelligenza artificiale prende il posto dell'intelligenza umana?

Nessuna paura, assicura il giovane Wang, perché è ancora lontano il tempo in cui le macchine prenderanno il posto dell'uomo. Anzi, come spiega, gli esseri umani sono fondamentali in questo processo perché controllano che il lavoro fatto dall'intelligenza artificiale sia di qualità. Hanno un lavoro molto più qualificato e meno alienante. Il 22enne considera Scale Ai un mezzo per migliorare la condizione ai lavoratori.

La missione su scala è quella di accelerare lo sviluppo di applicazioni di intelligenza artificiale. Per Wang sono necessari miliardi o decine di miliardi di prove per portare i sistemi di intelligenza artificiale a prestazioni a livello umano.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Seguici su Facebook, clicca su "Mi Piace":