Fondi per aziende 2019: 2 miliardi da Unicredit

Unicredit lancia un nuovo progetto per sostenere la crescita delle pmi italiane: come funziona e cosa prevede

Fondi per aziende 2019: 2 miliardi da Un

Fondi aziende 2019 due miliardi unicredit


Finanziare le aziende per spingere crescita, produttività e competitività per un forte rilancio economico e per profitti: è con questo obiettivo che è nata una nuova iniziativa Unicredit di stanziamento fondi per le aziende. Vediamo di cosa si tratta.

Unicredit per le aziende: nuovi fondi 2019

Le ultime notizie confermano come Unicredit abbia dato vita ad un’iniziativa per le pmi italiane con la costituzione di un fondo straordinario di 2 miliardi di euro da raccogliere tra una decina di operatori specializzati per sostenere progetti di crescita.

Si tratta di una piattaforma di investimento a cui parteciperanno fondi italiani ed internazionali, holding di partecipazioni e fondi sovrani, disposti a investire in operazioni di crescita delle aziende italiane nel medio e lungo termine, anche fino a 7-8 anni.

Il progetto, battezzato Capitale paziente per la visione di long term investment, è stato più volte sollecitato dal presidente del gruppo, Fabrizio Saccomanni e parte dalla necessità di accompagnare le pmi italiane in un percorso aggregativo di crescita.

Nuovi fondi per le aziende da Unicredit: come funziona il progetto

Le ultime notizie confermano che le aziende coinvolte nel progetto sono quelle con un fatturato tra 100 milioni e il miliardo, non quotate ma quotabili e con un ebitda tra dieci e cento milioni.

Dal canto suo, UniCredit garantisce non solo capitale (entrerà nella partita con una cifra minore o uguale a 200 milioni di euro che rappresentano nell’ipotesi massima il 10% del totale) ma anche le professionalità necessarie a individuare un piano di sviluppo per le piccole e medie imprese clienti del gruppo. I fondi invece opereranno con maggiore libertà, avendo anche la possibilità di decidere di non partecipare a tutte le operazioni proposte.

Ti è piaciuto questo articolo?





Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il