Iliad, sbarca in Irlanda. Per Italia, indicazione tempi non data ma tutto come piani

Al di là di quanto possa apparentemente sembrare, secondo Iliad tutto procede secondo i piani. Mancano però i dettagli sui tempi dell'arrivo dell'operatore in Italia.

Iliad, sbarca in Irlanda. Per Italia, in

Iliad, indicazioni sui tempi


C'è una buona e c'è una cattiva notizia rispetto all'annunciato arrivo dell'operatore di telefonia low cost Iliad. La buona è che tutto è stato confermato: il gestore che ha stregato i consumatori francesi a suon di tariffe concorrenziali per navigare sul web e telefonare arriverà anche dalle nostre parti ponendosi come vero e proprio spartiacque tra il prima il dopo. La cattiva è che si continua a rimanere nell'indeterminatezza. A oggi non c'è una data esatta del suo sbarco in Italia. Calendario alla mano, chi sperava in un suo arrivo entro la fine di quest'anno è rimasto inesorabilmente deluso. Nonostante i segnali positivi delle ultime settimana, è mancato il passo decisivo della società guidata da Xavier Niel e anche un altro mese, l'ultimo di quest'anno, è ormai andato a vuoto e l'appuntamento è al 2018.

Iliad in Italia: sì, ma quando?

Quali sono allora le ragioni di questo ritardo nell'arrivo di Iliad in Italia? Perché non è stata rispettata la scadenza iniziale della seconda metà dell'anno come periodo strategico per farsi largo nel mercato nazionale? E soprattutto, c'è da attendersi qualche sorpresa oppure il 2018 sarà realmente l'anno dell'approdo di Iliad dalle nostre parte. In prima battuta, sembra che le ragioni del rallentamento rispetto alla iniziale tabella di marcia siano di due tipi. Ci sono quelle burocratiche poiché non è così semplice riuscire a districarsi nel groviglio di regole che caratterizza l'Italia in generale e il comparto della telefonia in particolare. E ci sono quelle di incertezze all'interno della stessa Iliad. L'organigramma della società, pronta a porsi in maniera concorrenziale e aggressiva sul mercato, presenta ancora molti buchi e alcuni sono anche inspiegabili.

Tra le tante figure ancora assenti, si segnala la mancanza dell'amministratore delegato destinato a coordinare la società. Ecco allora che da più parti indicano la stagione primaverile come quella più verosimile per l'arrivo di Iliad in Italia. A provare a essere più preciso ci pensa Bloomberg, secondo cui Iliad farà il suo ingresso nel mercato italiano tra aprile e giugno del prossimo anno. Insomma, nessuno sembra per ora credere in uno slittamento oltre il primo semestre del 2018. Naturalmente occorrono tutte le cautele del caso perché, a bene vedere, in pochi si sentivano di escludere il mancato rispetto del cronoprogramma iniziale che prevedeva appunto l'arrivo di Iliad già entro la fine del 2017. Occorre allora essere preoccupati? No, secondo Iliad. Anche se l'indicazione sui tempi per l'Italia non è stata data, tutto procederebbe secondo i piani. Che avevano messo appunto in conto un possibile rallentamento.

A metterlo nero su bianco è stata la stessa Iliad. L'operatore telefonico ha tenuto a far sapere che la strategia sul lancio in Italia non cambia e che, al di là di quanto possa apparentemente sembrare, tutto procede secondo i piani. Mancano però i dettagli sui tempi, a dimostrazione di come alcune variabili, anche indipendenti, siano in grado di influenzare il percorso.