Iliad, tweet di Benedetto Levi AD contro principali tre operatori italiani

Primo tweet di Benedetto Levi Ad di Iliad e è contro i tra principali operatori telefonici.

Iliad, tweet di Benedetto Levi AD contro

#RivoluzioneIliad: il primo tweet di Benedetto Levi, AD Iliad Italia


C’è molta attesa, almeno tra i consumatori, per l’avvento del quarto operatore di telefonia mobile. Un’irruzione che potrebbe scardinare un mondo che, a dire il vero, non si è contraddistinto per una concorrenza spietata a vantaggio dei clienti.

Primo tweet dell'amministratore delegato di Iliad Benedetto Levi contri gli altri operatori

E proprio su quest’aspetto Benedetto Levi, amministratore delegato di Iliad in Italia, ha voluto insistere scrivendo un tweet al veleno nel quale ha ironizzato sugli altri operatori italiani Tim, Vodafone e Wind Tre. L’operatore francese ha acceso la miccia della polemica dichiarando che gli operatori che si spartiscono attualmente il mercato italiano, hanno provato in tutti i modi ad ostacolare l’ascesa di Iliad forse proprio a causa delle promesse fatte dai francesi.

L’attesa per lo sbarco di Iliad è infatti alimentata dalle indiscrezioni che sono state fatte filtrare a proposito delle mirabolanti offerte promesse dal nuovo operatore che dovrebbero far impallidire la concorrenza. A partire dalla vendita delle schede Sim Card all’interno dei supermercati.

E dalla volontà di rigettare la tariffazione a 28 giorni che tante polemiche ha scatenato nei mesi scorsi in Italia. Inoltre Iliad ha anche intenzione di proporre una battaglia chiara contro i costi nascosti di alcuni operatori.

Nell’intervista al quotidiano “La Stampa” oggetto del tweet al veleno, Levi ha precisato anche che Iliad non sarà un operatore virtuale. Tutt’altro. L’amministratore delegato assicura che l’azienda sta già lavorando per creare una propria rete per la fase successiva al lancio. Lo stesso dichiara anche che, inizialmente si soffermeranno sulle offerte per il mobile ma non ha escluso di poter arrivare anche al fisso.

Iliad in estate e contro i piccoli costi nascosti

Ormai ci siamo e Iliad è pronto ad arrivare in Italia. Quando? Prima dell'estate. Il gruppo francese si porrà come quarto operatore mobile e propone investimenti per un miliardo di euro. Insomma, punta a fare le cose in grande, anche se trapela che le tariffe per cellulari possano essere un po' più alte (o meno vantaggiose, dipende dai punti di vista) rispetto a quelle applicate in Francia. In fin dei conti, l'esperienza italiana è solo la prima fuori confini transalpini.

Il problema fino a questo momento, come evidenziato da Xavier Niel, fondatore del colosso francese delle telecomunicazioni, sono i tanti piccoli costi nascosti, come quello degli sms o la segreteria telefonica (parole sue) che fanno arrivare la spesa media mensile per abitante nel mobile a 19,1 euro contro i 17,6 euro della Francia.

In occasione della conferenza stampa di presentazione dei conti a Parigi, il deus ex machina ha allora ricordato come  i costi del cellulare in Italia siano superiori a quelli francesi. In questo contesto ha auspicato maggiore trasparenza sulle offerta di telefonia mobile.

Insomma, infrastrutture, interconnessioni, offerte, piano di marketing, distribuzione: tutto è pronto per il lancio prima dell'estate e la curiosità è tutta per i primi piani tariffari. Fino a che punto saranno low cost ovvero così convenienti per gli utenti italiani? In merito ai posti di lavoro, sono un centinaio gli assunti - assicura Niel - ma aumenteranno perché il business Iliad richiede una presenza diffusa sul territorio. A proposito, Iliad ha presentato i conti per il 2017, con un fatturato di quasi 5 miliardi di euro e un utile netto stabile a 405 milioni di euro.

Prezzi rivoluzionari con Iliad

I tempi sembrano finalmente maturi e dopo un gran parlare che si è fatto in questi massi, l'operatore telefonico Iliad è pronto a sbarcare in Italia. Perché se ne parla così tanto? Perché si tratta del gestore low cost che nella natia Francia ha fatto incetta di consumatori a suon di tariffe e offerte convenienti. Ed ecco allora che anche in Italia punta a fare il botto. Mancano ancora conferme ufficiali, ma le anticipazioni che stanno circolando in queste ore riferiscono di una proposta che, almeno sotto il profilo del rapporto tra prezzo e contenuti, non regge il confronto con gli altri gestori telefonici: minuti di conversazione illimitati, SMS illimitati e 30 GB di traffico web in 4G a 1,99 euro al mese.

Si tratterebbe dunque di una tariffa per cellulari estremamente conveniente, a cui se ne affiancherebbe una seconda che farebbe salire a 50 i GB la quantità mensile per navigare sulla Rete. In attesa di conferme e dell'arrivo dell'operatore, attese nell'arco di poche settimane, c'è chi domanda come farebbe Iliad a mantenere i costi così bassi. E la risposta, sostengono gli scettici, andrebbe ricercata nella scarsa qualità del servizio proposto. Almeno è quanto succederebbe nella vicina Francia e in Italia la situazione potrebbe essere addirittura più complicata per via della conformazione del territorio non proprio lineare.

Resta poi da capire se queste tariffe - ancora presunte, ricordiamolo - resisteranno eventualmente nel tempo ovvero se si tratta di offerte temporanee per il lancio dell'operatore sul territorio italiano. E poi, saranno proposte tariffe in abbinamento all'acquisto di un cellulare, magari di un top di gamma? Di interessante ci sono le offerte Iliad in vigore proprio in Francia. Da una parte c'è una proposta che include chiamate illimitate in Francia e all'estero, SMS e MMS senza limiti in Francia e all'estero, Internet 4G illimitato ovvero 100 GB al mese per i non abbonati Freebox, chiamate, SMS e MMS illimitati + 25 GB per Europa, DOM e Stati Uniti d'America, 15,99 euro al mese ovvero 19,99 euro al mese per i non abbonati Freebox

Dall'altra ecco una seconda tariffa che prevede 2 ore di chiamate nazionali e internazionali, SMS e MMS senza limiti, 50 MB di traffico web dentro i confini nazionali, 50 MB di traffico web da Europa e oltreoceano, Gratuito ovvero 2 euro al mese per i non abbonati Freebox. In ogni caso i tempi sono ormai maturi e a breve le offerte saranno rese pubbliche. Spetterà poi al consumatore prendere le sue decisioni.

Asta 5G ci sarà anche Iliad

Per quanto riguarda il 5G, al momento son in corso varie sperimentazione con a Milano Vodafone, mentre Tim a Torino. Poi Fastweb e Huawei sono ipegnate a Matera e Bari, mentre Open Fiber e Wind all'Acquila. Ma di questo parleremo dopo, su cosa si stia facendo in diterinati casi e città. 
Finito il periodo di sperimentzione si partirà con l'asta 5G che dovrebbe essere ormai a breve con il nuovo Governo che si insedierà.

Quello che è certo al momento è che l'Agcom si riunirà domani lunedì 26 Febbraio in una riunione per decidere determinate regole ed elementi di questa aste e decidere quando emenare la consultazione pubblica.

Nel frattempo, seconto quanto riportato da Repubblica, Iliad con Wind Tre e Fastweb hanno chiesto ad Agcom che le frequenze siano vendite con dimensioni da massimo 20 mega per evitare che Vodaone Tim in pratic si aggiudichino tutto. E Wind Tre ha inviato una letetra ufficiale su questo alla stesso Garante delle Comuicazioni. Le criticità, dunque, non mancano.