Innovazione auto e trasporti da piccola azienda sud Italia ispirata da Elon Musk

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Innovazione auto e trasporti da piccola

Mecar tra innovazione e rivoluzione

Con sede legale in provincia di Salerno, l'azienda italiana Mecar copre oggi buona parte del Sud, dalla provincia di Potenza a quella di Reggio Calabria.

Sempre in movimento e pronto a cogliere nuove opportunità e seguire tendenze di mercato. Eppure Gianandrea Ferrajoli, presidente e Ceo di Mecar ha solo 38 anni. In poco tempo l'azienda di trasporti Mecar è diventata fornitore di servizi sfruttando l'innovazione dell'Internet delle cose, ha puntato sul metano liquido, ha avviato la maxi conversione dei mezzi pesanti e adesso sta costruendo una mobilità alternativa pulita ed efficiente. E c'è già chi lo considera l'Elon Musk italiano.

O meglio, è lo stesso Ferrajoli a ritenere l'imprenditore sudafricano (Tesla e Space X sono due tra le più famose aziende di successo) il proprio nume tutelare per la capacità di guardare sempre e comunque in un solo punto, qualunque sia il progetto tra le mani. Nel casto di Mecar lo sguardo è fisso sulla mobilità verde. Ecco dunque i monopattini, in dirittura d'arrivo, i motorini elettrici di GoVolt, e una serie di iniziative già in cantiere.

E c'è anche un altro aspetto di cui tenere conto in questa realtà imprenditoriale di successo: innovazione e rivoluzione arrivano dal sud dell'Italia e da lì puntano alla conquista del mondo.

Mecar, innovazione e rivoluzione in stile Elon Musk

Con sede legale in provincia di Salerno, Mecar copre oggi buona parte del Sud, dalla provincia di Potenza a quella di Reggio Calabria per un totale di 25 officine autorizzate e 5 magazzini ricambi. Tra le novità del 2019 c'è la start up Macingo, una sorta di BlaBlaCar del trasporto merci. Basta collegarsi sul sito (o scaricare l'app sul cellulare), scegliere la categoria, indicare luogo e data di carico e di consegna e pubblicare la propria richiesta di trasporto da notificare alle aziende di trasporto compatibili con le esigenze. A quel punto i trasportatori inviano i preventivi e non resta che scegliere.

Dopo aver prenotato il trasporto, l'utente viene messo in contatto con il trasportatore che ritira la merce e la porta a destinazione. Macingo assicura massima sicurezza poiché i trasportatori sono contattati dopo la procedura di affiliazione per verificare l'identità e completare la profilazione. Ciascuno di loro fornisce il proprio codice albo trasporto per conto terzi che viene verificato. E per effettuare la spedizione al trasportatore sono richieste copia della carta di identità, del libretto e dell'assicurazione dei veicoli.

E c'è anche il nuovo servizio di scooter sharing

In fin dei conti non cambia la filosofia di fondo con GoVolt, nuovo servizio di scooter sharing. Il funzionamento è presto detto: scegli la meta e condividere il viaggio con chi si vuole. Di recente sono stati aggiunte altre 150 unità a Milano, ma l'obiettivo è arrivare a oltre 1.700 entro la fine dell'anno. Tutti i veicoli sono a rilascio libero e sono equipaggiati con tutto il necessario per favorire una comoda esperienza d'uso. Di fatto occorre solo scaricare l'app sul proprio smartphone o tablet. Punto in comune di tutte queste iniziative è il tentativo di ridurre l'impatto sull'ambiente, ben ricordando che le norme dell'Unione europea ha individuato nel 2030 l'anno in cui centrare l'obiettivo dell'abbattimento delle emissioni del 35%.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità: