Legge 104, permessi e agevolazioni. arrivano controlli fiscali. E cosa accade in attesa revisione

Più controlli fiscali per chi ha diritto ai benefici previsti dalla Legge 104. Lo ha promesso anche il Ministro della Pubblica Istruzione Marco Bussetti. I furbetti della 104 dovranno pensarci bene

Legge 104, permessi e agevolazioni. arri

Stretta sui controlli. Gli abusi della 104 saranno puniti


La legge 104 che disciplina le agevolazioni riconosciute ai lavoratori affetti da disabilità grave ed ai familiari che assistono una persona con handicap in situazione di gravità, è certamente un aspetto avanzato della legislazione italiana. Ma non può e non deve diventare un alibi che consente poi ai soliti noti di approfittare di queste agevolazioni, senza poi averne effettivamente il diritto.

Ecco perché, come lo stesso Ministro della Pubblica Istruzione Marco Bussetti ha avuto modo di dichiarare in un’intervista rilasciata al quotidiano “Il Messaggero”, arriveranno a breve controlli fiscali più severi per scovare le eventuali sacche di illegalità. Qualcuno si chiede se sono a rischio le agevolazioni. Di certo chi abusa di tali diritti dovrà pensarci bene due volte prima di procedere.

Agevolazioni e permessi controlli fiscali

Le agevolazioni e i permessi speciali usufruibili da chi possiede la Legge 104 saranno quindi oggetto di un’indagine approfondita da parte degli enti preposti. Che avrà lo scopo di andare a colpire le sacche di illegalità che si annidano in un terreno molto delicato come quello della disabilità. Questo è stato il succo anche della lunga intervista concessa al quotidiano “Il Messaggero” dal ministro della Pubblica Istruzione Marco Bussetti nella quale ha, tra l’altro affrontato anche il tema dei controlli fiscali confermando che sono in arrivo e rappresentano un atto dovuto e di serietà.

Quelli che approfittano e abusano dei privilegi previsti da una legge così importante per i suoi valori, deve andare incontro a una sanzione giusta e perentoria. Insomma la caccia è aperta a chi prova, o ha provato in passato, a fare il furbetto. Bussetti si è espresso anche riguardo ai ritocchi necessari alla Buona Scuola per cambiare alcuni aspetti rispetto allo stato attuale delle cose. Ad esempio la stabilità delle cattedre che sono soggette a trasferimenti continui. Il rispetto delle condizioni previste dalla Legge 104 per ottenere agevolazioni e i permessi retribuiti è controllato da soggetti preposti.

Come stabilito dalla Corte di Cassazione, questi soggetti sono il datore di lavoro, un collega del lavoratore che si è dato per malato, ma c’è la possibilità anche di ingaggiare un investigatore privato che avrà il compito di effettuare i controlli necessari e fornire prova documentata di eventuali abusi. Infine il personale Inps. Dopo aver ottenuto le prove dell’abuso, una truffa a tutti gli effetti e quindi un reato, la segnalazione alle forze di Polizia va poi ritrasmessa alla Procura della Repubblica. Un passaggio fondamentale per avviare le indagini.