L'impresa impossibile di due giovani imprenditori siciliani riuscita. La storia

di Chiara Compagnucci pubblicato il

Un nuovo caffè del tutto Made in Italy prodotto da due imprenditori siciliani: com’è e altre novità in fase di realizzazione

L'impresa impossibile di due giovani imp

impresa giovani imprenditori primo caffè Made Italy

Riuscire nell’impresa impossibile di produrre caffè totalmente Made in Italy: è questo il grande traguardo tagliato da due giovani imprenditori di Palermo. Rosolino Palazzolo de l’Orto di Nonno Nino, agricoltore specializzato nella coltivazione di frutti esotici in biologico, e Isidoro Stellino, appartenente ad una famiglia di torrefattori alcamesi e pignolo chocolate maker.

Nonostante si tratti di una delle bevande per eccellenza degli italiani, come dimostrano i dati secondo cui sono pochissimi gli italiani che rinunciano ad almeno una tazzina di caffè al giorno, la scommessa è senza dubbio ardua e di non scontato successo. E non solo per motivi prettamente economici, ma anche e soprattutto logistici.

Caffè totalmente Made in Italy: com'è

Stando a quanto riportano notizie e sensazioni, il nuovo caffè siciliano Made in Italy emanerebbe un forte aroma di malto e cooked beef appena tostato, al gusto ha un’acidità molto gradevole, che ricorda vagamente frutti rossi, mela verde, buccia di pomodoro, lasciando un retrogusto decisamente intenso. Un caffè, dunque, non come tutti, ma differente, più corposo, più gustoso. Ed è proprio questa la chiave con cui cercando di farsi largo in un mercato sempre più concorrenziali con marchi affermati e altri emergenti che hanno già fatto molta strada: proporre un prodotto differente, ancorato alla tradizione ma rivisitato.

Caffè totalmente Made in Italy: lavoro e progetti dei due imprenditori

L'intento dei due 'creatori' del nuovo caffè siciliano è quello di riuscire a far rientrare questo nuovo tipo di caffè tra i caffè biofermentati, come il Kopi Luwak, il caffè del Monte Everest, o il Black Ivory e il Jamaica Blue Mountain e si propongono di arrivare ad una piantagione di 250 arabiche per poter offrire un caffè decisamente buono. Il processo di produzione di questo caffè parte dalla raccolta manuale e dall’accurata scelta delle bacche mature, quindi prosegue con la fermentazione con metodo honey, con l’essiccazione al sole, e la sapiente tostatura per assicurare una sopraffina qualità del caffè. Dietro non c'è solo un'idea imprenditoriale, ma studio, ricerca e sapienza da sintetizzare nella piccola dose di questa bevanda che finisce nella tazzina.

Ma il caffè siciliano non dovrebbe essere l’unica bella novità nella mente dei due imprenditori: la premessa fatta è che sarà accompagnato da altre due inedite produzioni, il coffee tea prodotto con la buccia della ciliegia di caffè, e la tisana di pergamino, una delle pellicole che avvolgono il chicco di caffè. Intenzioni, idee e progetti perché il nuovo caffè Made in Italy diventi un ulteriore best del nostro Paese ci sono tutti ma per la commercializzazione di questa novità bisognerà aspettare ancora un bel po’. Le idee non mancano, resta solo da scoprire quale sarà la reazione del mercato.

Le premesse e i primi riscontri sono positivi, ma terminato l'effetto novità, queste idee riusciranno a reggere la prova del tempo? Proprio questa è la vera scommessa a vincere dal punto di vista imprenditoriale. Ma una certezza gioca dalla loro parte: alla tazzina di caffè, al mattino appena svegli o dopo un pasto, è difficile resistere.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Ti è piaciuto questo articolo? star

Seguici su Facebook, clicca su "Mi Piace":