Nuovi distintivi polizia, milioni di euro sprecati e già non vanno bene

La caratteristica di nuovi distintivi è la perdita della connotazione militare, con la scomparsa della stella per i gradi più elevati. Ma la polemica è un'altra.

Nuovi distintivi polizia, milioni di eur

Nuovi distintivi polizia, polemica per la qualità

Nell'ottica del rinnovamento e della smilitarizzazione della Polizia di Stato, iniziata molti anno fa con la rimozione delle stellette dai distintivi, è stato adesso compiuto un passo in avanti. Una specifica commissione incaricata di studiare la realizzazione dei nuovi gradi, presieduta dal professore di Araldica Michele D'Andrea, ha portato a termine il suo lavoro e già adesso tutto il personale della Polizia sta indossando i nuovi distintivi con elementi grafici diversi per grado e funzione.

Al di là delle polemiche sull'opportunità di questo storico cambiamento, sono bastate poche ore dall'entrata in vigore della novità per fare esplodere una nuova polemica: la formella con i nuovi gradi da applicare sulla divisa si scollerebbe con facilità per via del caldo. In pratica si aprirebbe a metà e sarebbe di fatto inutilizzabile.

Nuovi distintivi polizia 2019, già polemica per la qualità

La caratteristica di nuovi distintivi della Polizia di Stato è la perdita della connotazione militare, con la scomparsa della stella per i gradi più elevati, dai commissari in poi. Al suo posto c'è adesso una formella con il simbolo dell'aquila dorata con le ali spiegate a simboleggiare il legame identitario, il coraggio e la dedizione. In sintesi, l'obiettivo è stato di evidenziare, anche in misura visivamente concreta, l'identità della Polizia di Stato di amministrazione civile a ordinamento speciale.

Una scelta che non è andata giù a molti sia perché cancellerebbero la storia della Polizia e sa perché non permetterebbero di riconoscere in maniera chiara e immediata i gradi del personale. Tuttavia è la polemica sollevata sullo scollamento dei nuovi distintivi a diventare adesso oggetto di discussione con tanto di foto e video a testimoniarlo.

Come denunciato dal Sindacato autonomo di polizia (Sap), si tratterebbe di una circostanza diffusa a tal punto che sarebbe lecito parlare di spreco di 5 milioni di euro. Perché questa è la cifra investita per introdurre questo cambiamento mentre - tuona il Sap - sarebbe stato più utile dirottare questo importo per la risoluzione di altri problemi, come la mancanza di ricambi di vestiti per il personale della Polizia. Il Sap denuncia infatti la presenza di divise logore e di poliziotti costretti a mescolare la divisa operativa con quella ordinaria.

Ma il Ministero si difende dalle accuse

Non è stato necessario attendere molto tempo per la replica del Ministero dell'Interno che ritiene evidentemente eccessiva la ricostruzione dei fatti da parte del Sindacato autonomo di polizia. E per due ragioni. Innanzitutto nessuna segnalazione sarebbe arrivata alla Direzione Centrale per i Servizi Tecnico Logistici del Dipartimento della Pubblica Sicurezza.

In seconda battuta - sottolinea il Dicastero - i nuovi distintivi di qualifica sono stati rigidamente collaudati e in caso di difetti nei modelli già distribuiti, verrebbero immediatamente sostituiti dalla ditta che li ha realizzati. Da qui l'avvertimento di di intraprendere ogni iniziativa a tutela della Polizia di Stato.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Ti è piaciuto questo articolo? star

Seguici su Facebook, clicca su "Mi Piace":


di Marianna Quatraro pubblicato il