Pensioni novitÓ oggi sabato Salvini, Di Maio ai sindacati rispondono su quota 100, quota 41, opzione donna, pensioni anticipate

di Marianna Quatraro pubblicato il
Pensioni novitÓ oggi sabato Salvini, Di

Pensioni oggi risposte sindacati Di Maio Salvini novita

Le richieste dei sindacati al governo per novitÓ pensioni strutturali e profonde e le risposte del Governo e dei due leader Di Maio e Salvini

Pensioni ultime notizie e ultimissime e novità quota 100, quota 41, pensioni anticipate, opziine donna proroga, ape social proroga per il 2019, usuranti, precoci oggi sabato 9 Febbraio: E' attesa la mobilitazione dei sindacati e la prima manifestazione in piazza con Landini segratario della Cgil oggi sabato 9 Febbraio con una serie di richieste per le novità per le pensioni sia nel breve per le novoità di quota 100, quota 41, opzione donna, pensiona ancipata 42 anni e 10 per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne sia nel medio-lungo termine con una revisione totale della Riforma Fornero con una serie di idee e proposte riportate nelle ultime notizie e ultimissime dai sindacati
Ma al momento tra le ultime novità e aggiornamenti per le pensioni, DI Maio e e Salvini hanno una solo risposta e un unico atteggiamento verso i sindacati come abbiamo approfondito sotto.

Il primo incontro tra sindacati e governo sulle ultime novità pensioni approdate in Parlamento con il maxi decreto relativo a novità di quota 100, proroga di ape social e opzione donna 2019, blocco delle aspettative di vita per la pensione anticipata nonchè con reddito di cittadinanza e pensione di cittadinanza, non ha ancora sortito alcun responso ed oggi sabato 9 Febbraio cresce l'attesa per capire quali saranno le risposte del governo alle richieste appena presentate dai sindacati.

Pensioni novità: richieste dai sindacati al governo

L’atteso incontro dei sindacati in Parlamento di questa settimana, o pwer meglio dire l'audizione, è servito per presentare nuove richieste sulle quali i sindacati puntano in maniera particolare per reali novità pensioni. Particolarmente critici, infatti, nei confronti delle ultime novità approvate e soprattutto della quota 100, i sindacati hanno chiesto ai vicepremier Salvini e Di Maio una revisione totale delle pensioni, all’apertura di nuovi tavoli per la definizione di modifiche di più ampio respiro che siano profonde e strutturali, a miglioramenti e ampliamento della novità di quota 100 anche per dare da subito un segnale importante verso la quota 41 per precoci e usuranti.

Nonostante, infatti, obiettivo del governo, come ribadito a più riprese, sia quello di arrivare alla novità pensioni di quota 41, al momento nulla in merito è stato previsto, mentre la novità di quota 100 rischierebbe, secondo i sindacati, di penalizzare un numero crescente di categorie di persone, con particolare riferimento a donne, lavoratori delle regioni del centro sud, impiegati del settore agricolo e del comparto dell'edilizia, che difficilmente riescono a versare contributi per 38 anni e quindi non avrebbero in realtà la possibilità di andare in pensione prima con la quota 100 pur raggiungendo i 62 anni.

I sindacati, come del resto sottolineato dal nuovo segretario della Cgil, Maurizio Landini, vorrebbero nuove misure del tutto per l’accesso alla pensione che sarebbe più conveniente raggiungere a 62 anni piuttosto che a 67 ed è per questo che chiedono misure strutturali e profonde. L’attenzione poi è rivolta alla quota 41 per tutti.

Le richieste dei sindacati sono nel breve periodo, di un miglioramento di quota 100 per dare un segnale a disoccupati, quota 41, precoci e usuranti e un rafforzamento delle misure per le donne migliorando opzione donna. E su questo si vorrebbe fare un prima tavolo che riguarda chiaramente il decreto pensioni e i sui potenziali emendamenti. Poi, c'è il medio-lungo termine dove i sindacati vorebbero una riaperture dei tavoli su tutti i fronti, con la ambizione davvero di suerrare la riforma Fornero con le idee base che abbiamo visto sopra superando anche parzialmente o del tutto quota 100, ma anche facendo pensioni ad hoc anticipate per le donne, usuranti e precoci come accade in Germania.

Novità pensioni e sindacati: nessuna risposta dal governo

Stando a quanto riportano le ultime notizie, nonostante le richieste avanzate dai sindacati, non sono arrivate dal governo risposte o commenti, ma anzi secondo indiscrezioni si è registrata una ennesima  tensione tra le parti soprattutto a causa delle critiche mosse dai sindacati sul reddito di cittadinanza, situazione che potrebbe in realtà bloccare qualsiasi prova di dialogo. Secondo quanto spiegato da Cgil, Cisl e Uil nel corso dell'audizione al Senato, il reddito di cittadinanza rischia di scatenare una vera e propria guerra tra poveri e inoltre le politiche attive dovrebbero poter garantire le dovute prestazioni a tutti gli utenti e non solo a chi percepisce il reddito di cittadinanza.  

Tornando alle pensioni, comunque, se non c'è stata una risposta diretta, i vicepremier Matteo Salvini e Luigi Di Maio, subito dopo l'audizione dei sindacati nella stessa giornata, pur in momenti diversi, hanno spiegato che la novità pensioni di quota 41 rappresenta il prossimo obiettivo del governo e hanno spiegato, come già fatto, che si farà tra tre anni o comunque prima possibile, risorse permettendo soprattutto in base all'Europa e a come andrà la prossima Legge di Bilancio.
Per il resto silenzio assoluto e nessuna considerazione per i sindacati nè nel breve termine, nè nel lungo.
Vedremo se qualche altra risposta o reazione arriverà da parte del governo entro sabato 9 febbraio, giorno in cui gli stessi sindacati hanno organizzato una manifestazione a Roma proprio per portare in piazza la loro contrarietà alle novità pensioni approvate.  

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità: