Pensioni, sicurezza sul lavoro, salario minimo resoconto incontro venerdì Ministero Lavoro

di Marianna Quatraro pubblicato il
Pensioni, sicurezza sul lavoro, salario

Pensioni sicurezza lavoro salario minimo incontro venerdi

Da sicurezza sul lavoro, a salario minimo sui 9 euro lordi all’ora a ulteriori novità pensioni: misure sul tavolo del Ministero del Lavoro

Con l’incontro di venerdì 14 Febbraio 2020 al Ministero del Lavoro la maggioranza ha ripreso le discussioni su temi cruciali per l’Italia, da salario minimo a sicurezza sul lavoro, a pensioni. In realtà, stando a quanto confermano le ultime notizie, di pensioni non si è parlato in maniera diretta e dettagliata ma ci sono comunque ulteriori notizie e novità. Vediamo cosa è emerso dall’incontro di governo tenutosi venerdì al Ministero Lavoro.

Resoconto incontro venerdì Ministero del Lavoro. Cosa è stato detto

Tra i temi principali affrontati venerdì al Ministero del Lavoro quello sulla sicurezza sul lavoro. Per evitare che si continuino ad ascoltare tragiche notizie di incidenti e morti sui posti di lavoro, le ultime notizie emerse dall’incontro di venerdì confermano l’intenzione del governo di garantire maggiori investimenti in risorse umane per migliorare vigilanza e coordinamento tra chi si occupa di prevenzione e vigilanza e per la definizione di misure adeguate in merito sono stati annunciati tempi decisamente brevi.

Non si conoscono ancora nel dettaglio le misure che il governo ha intenzione di definire ma considerando che relativamente al tema della sicurezza sul lavoro tantissimi morti di questi ultimi anni sono persone con un’età superiore ai 50-60 anni e ancora costretti a lavorare a causa delle leggi pensionistiche in vigore e che svolgono spesso lavori pericolosi e usuranti, pur non essendo riconosciuti, sarebbe bene che Ministero e Inps definiscano interventi anche la tutela di determinate categorie di lavoratori, in modo da tutelarle e garantire loro maggiori sicurezze.

Decisamente aperto poi, stando a quanto riportano le ultime notizie, il cantiere sul salario minimo, per la definizione di una paga minima legale oraria da inserire nei diversi contratto collettivi nazionali per tutti i lavoratori e che, superando le iniziali differenze di posizioni, dovrebbe essere fissata sui 9 euro lordi l'ora.

Dal resoconto dell’incontro di venerdì è anche emersa una grande apertura da parte del governo per un confronto con i sindacati su tutti gli argomenti affrontati, confermando, come già era emerso nel corso degli incontri già tenutosi tra governo e sindacati sulle pensioni, una linea di decisa collaborazione e cooperazione tra forze sociali e governo.

Prossimo incontro su pensioni e ancora sicurezza sul lavoro

Le ‘buone’ intenzioni del governo sui tempi brevi per chiudere le questioni interventi per una maggiore garanzia di sicurezza sul lavoro, strettamente collegati a eventuali novità pensioni, sono state confermate nel corso dello stesso tenutosi venerdì proprio dal ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, che ha dichiarato come le discussioni sulla sicurezza sul lavoro sarebbero riprese a giorni, probabilmente già da lunedì, proprio per rispettare i ‘tempi brevi’ annunciati.

Il ministro Catalfo ha, infatti, precisato che ci saranno nuovi incontri, già lunedì pomeriggio per nuovi confronti su pensioni, formazione, misure per rilanciare l’occupazione, riforma degli ammortizzatori sociali, per la definizione delle migliori soluzioni possibili per gli italiani.

E ancora sulle novità per le pensioni.

Lo stesso ministro Catalfo, al termine dell’incontro tenutosi venerdì ha parlato anche di pensioni, spiegando al momento non ci sono ancora ipotesi concrete di una riforma delle pensioni ma che si continuerà ad andare avanti con le discussioni con i sindacati per riuscire a trovare una soluzione pensionistica effettivamente valida per tutti sia per la flessibilità in uscita, sia per i lavori discontinui, sia per le pensioni di garanzia per i giovani e per pensioni complementari e non autosufficienza, facendo anche i contri con risorse e impatto economico che le diverse proposte finora avanzate potrebbero avere.

Dopo i primi due incontri sulle pensioni già tenutisi tra governo e sindacati su rivalutazione delle pensioni il 7 febbraio su rivalutazione pensioni e nuove forme pensionistiche per la flessibilità in uscita il 10 febbraio, le ultime notizie confermano come il prossimo appuntamento sia già in programma per il 19 febbraio con sulla previdenza complementare.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità: