Pranzi matrimonio, cresime e comunioni al ristorante, rimborso c'è o no per annullamento per coronavirus

di Marianna Quatraro pubblicato il
Pranzi matrimonio, cresime e comunioni a

matrimonio cresime comunioni ristorante rimborso annullamento coronavirus

Chiedere il rimborso della caparra versata per il ristorate o posticipare la data della prenotazione: cosa fare per annullamento eventi per coronavirus

Se avevamo prenotato per questi mesi pranzi al ristorante per matrimoni, cresime o comunioni possiamo avere il rimborso a causa di annullamenti per coronavirus?

Stando a quanto previsto, possono essere diverse le possibilità per chi ha prenotato e versato già la caparra per pranzi a ristorante per eventi importanti come comunioni o matrimonio. Si può avere il rimborso dal ristorante per annullamento di pranzi già prenotati per matrimoni, comunioni e cresime?

Pranzi matrimonio al ristorante, rimborso o no per coronavirus

Nel caso in cui avessimo deciso di sposarci per esempio ad aprile o avessimo prenotato un pranzo a ristorante per la comunione o la cresima di nostro figlio ad aprile o a maggio e non potessimo più organizzare la grande festa pianificata a causa dell’emergenza coronavirus che non permette feste e aggregazioni, a parte aver vietato anche i matrimoni (così come i funerali), si può avere il rimborso della caparra versata.

In particolare, la legge prevede che a causa della sopravvenuta impossibilità per cause indipendenti dalla volontà dei clienti, considerando la forte emergenza sanitaria in atto nel nostro Paese, i ristoranti sono obbligati alla restituzione della caparra versata per i pranzi di matrimonio.

A prevede l’obbligo sono gli articoli 1256 e 1463 del Codice civile che prevedono che la parte che ha ricevuto un acconto sul prezzo, cioè il ristoramte che ha preso la prenotazione, deve restituirlo all'altra per motivi di sopravvenuta impossibilità.

In ogni caso, soprattutto nel caso di slittamento di data del matrimonio, i futuri sposi in alternativa al rimborso totale della somma versata a titolo di caparra, possono anche decidere di lasciare la stessa al ristorate, rinviando semplicemente la data di prenotazione a data da destinarsi non appena l’emergenza coronavirus in corso lo permetterà e magari rivedendo anche il prezzo della spesa.

Pranzi matrimonio al ristorante, rimborso o no per coronavirus

Gli stessi articoli del Codice Civile validi per annullamento e rimborso dei pranzi per matrimoni da parte dei ristoranti vale anche per eventuali caparre già versate per prenotazioni di pranzi per comunioni e cresime. Anche in questo caso, se i pranzi vengono annullati a causa dell’emergenza coronavirus, i clienti hanno diritto al rimborso completo della somma versata a titolo di caparra.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità: