Prestiti per andare in ferie, 100 milioni chiesti per andare in vacanza. Chi li chiede e motivi

Andare in vacanza con un prestito: la nuova tendenza degli italiani e soprattutto degli under 30. Cosa sta accadendo

Prestiti per andare in ferie, 100 milion

Prestiti milioni vacanza richieste motivi


Andare in vacanza con un prestito: stando alle ultime notizie emerse dai diversi comparatori che si occupano di erogazione di prestiti personali, nel 2017 gli italiani hanno chiesto quasi 100 milioni di euro di prestiti per andare in vacanza.

Prestiti per andare in vacanze: la nuova tendenza

Secondo le stime di comparatori online come Facile.it e Prestiti.it, considerando un campione di oltre 110.000 domande di prestito personale presentate fra il primo gennaio 2017 e il 31 marzo 2018, chi lo scorso anno ha chiesto un prestito per pagare le vacanze, ha chiesto in media 4.140 euro da restituire in 39 rate, circa 3 anni, somma che, stando alle ultime notizie, nel primo trimestre di quest’anno 2018 è anche aumentata del 15,6%, raggiungendo le 4.787 euro.

Prestiti per andare: chi li chiede

Sempre dall’analisi dei comparatori è emerso che ad aver chiesto un prestito dal 2016 al 2017 sono soprattutto giovani e, infatti, l’età dei richiedenti prestiti sarebbe diminuita di 2 anni e mezzo, passando da 40 anni e 1 mese a 37 anni e 6 mesi. Si tratta di un netto abbassamento dell’età dei richiedenti prestiti dovuto soprattutto alle crescenti domande presentate dagli under 30. Sarebbero, infatti, più che raddoppiata in un anno le richieste di prestiti da parte degli under 30 e se nel 2016 solo il 15,4% delle domande di prestito personale per viaggi e vacanze provenivano da giovani di età inferiore ai 30 anni, nel 2017 la percentuale è salita al 32,8%.

Andrea Bordigone, responsabile BU prestiti di Facile.it, l’aumento della richiesta di prestiti per vacanze, ma anche per altro, da parte dei giovani under 30 è da leggere positivamente considerando che le finanziarie concedono prestiti a chi offre garanzie per cui significa che tanti giovani di oggi possono ottenere un prestito perché hanno una condizione lavorativa stabile per cui possono permettersi la restituzione del prestito. Per esempio, chi oggi chiede 4mila euro di prestito da restituire in tre anni avrà un rata mensile di appena 115 euro circa e si tratta di una cifra che anche i giovani che lavorano possono permettersi di pagare.

Le altre fasce di età che richiedono prestiti personali per andare in ferie sono soprattutto coloro che hanno un’età compresa tra i 30 e i 39 anni, per una percentuale del 28,6%, e chi ha un’età compresa tra i 40 e 49 anni, per una percentuale del 22,7%. Andando, ancora, a delineare la figura tipo di chi ha chiesto un prestito per andare in banca, le ultime notizie riportano che nel 75% dei casi a presentare domanda di prestito è un un uomo, mentre lo stipendio medio dichiarato in fase di richiesta è pari a 1.518 euro. Si notano, tuttavia, ancora forti differenze tra gli uomini che richiedono un prestito e che in media dichiarano uno stipendio di 1.559 euro e le donne che richiedono un prestito e che in media dichiarano uno stipendio di 1.391 euro. Inoltre, considerando la situazione lavorativa dei richiedenti, il 77% di chi ha chiesto un prestito è un dipendente privato a tempo indeterminato, mentre solo il 12% è un lavoratore autonomo o libero professionista. Nonostante eventuali alti fatturati, infatti, queste categorie di persone non offrono a finanziarie e banche le garanzie da loro stesse richieste per la concessione di un prestito personale.