Reddito di inclusione, da luglio universale, ma già ora per più persone e regole riviste

Social card sostituita dal Rei, il reddito di inclusione che dal 1 Luglio sarà universale ma per molti anche prima

Reddito di inclusione, da luglio univers

Social Card sostituita dal ReI: i nuovi requisiti


Al posto della social card o di altre forme, quest'anno c'è il Reddito di inclusione, ovvero il Rei in forma abbreviata. Pra ha una serie di regole, ma diventerà più ampio già dal 1 Luglio 2018 e subito anche ora, attraverso l'intervento di regioni e comuni.

Il reddito di inclusione, infatti, sarà esteso a breve in altri due modi a molte più persone. Infatti,il Rei diventerà una misura universale effettivamente dal Luglio 2018, anche se la strada per la copertura totale è ancora lunga. Interessante, però, in questo senso è l'accordo con la regione Toscana e altri simili con province e Comuni per estendere più velocemente il Rei, redditodi inclusione, appunto, a più persone e famiglie possibili in Toscana 1 su due

Il Rei e oltre

​Il reddito di inclusione o Rei è finalmente legge ufficiale ed è in vigore dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale con un asumento dei beneficiari e dell'importo e cifra dell'assegno rispetto a quello iniziale. Ecco come fare domanda INPS e chi può farla

Dopo la firma ufficiale del provvedimento che dà finalmente il via al Rei 2017, nuovo reddito di inclusione contro la povertà, i dibattito sulle misure per contrastare l’indigenza continua senza sosta, alla luce di diversi punti critici emersi già con il nuovo Rei. Sono tantissimi ormai i poveri in Italia, ma sempre scarse le risorse economiche da destinare a piani di sostegno per queste persone, e le ultime notizie sul Rei che potrà effettivamente essere destinato solo a pochi ne è una dimostrazione. Bisognerebbe fare di più e non solo da un punto di vista di sostegni economici ma anche per quanto riguarda le politiche attive di reinserimento nel mondo del lavoro di chi oggi si ritrova a non avere un impiego.

Stando a quanto riportano le ultime notizie, nonostante appena entrato in vigore il nuovo Rei, reddito di inclusione 2017, sta creando non poche difficoltà, trattandosi di un sussidio che per la serie di requisiti che chiede di soddisfare alla fine varrà solo per pochi. E per molti non si tratta certo della migliore soluzione per combattere la povertà nel nostro Paese. Proprio per superare queste criticità è stato messo a punto un nuovo documento, Alleanza Povertà, con ulteriori proposte contro l'indigenza che potrebbero essere inserite nella prossima manovra finanziaria.

E proprio in virtù del fatto che il nuovo Rei sarà effettivamente per pochi, l’Alleanza propone di adottare un Piano Nazionale contro la povertà 2018-2020, che prosegua il percorso iniziato con l’introduzione del Rei, estendendolo a tutti gli indigenti, andando oltre i tanti requisiti al momento richiesti, e sostenendone l’attuazione a livello locale. Per il nuovo Piano contro la povertà dell’Alleanza, però, il nodo da sciogliere resterebbe sempre quello delle risorse, poche al momento quelle disponibili e di circa 5,1 miliardi di euro in più rispetto ad oggi richiesti a regime nel 2020. Secondo l’Alleanza solo con maggiori risorse economiche a disposizione si potrà effettivamente fare qualcosa per sostenere coloro che oggi si ritrovano a vivere in condizioni di grosse difficoltà economiche e prevedere nuovi piani di inclusione sociale.

Rei reddito di inclusione, domanda e requisiti

Il Rei reddito di inclusione 2017, come detto, ha un valore compreso tra i 190 euro e i 485 euro massimi in caso di famiglie numerose e vale per una durata massima di 18 mesi. Al termine di questo periodo, però, si potrà nuovamente richiedere ma per farlo bisognerà aspettare almeno 6 mesi dall’ultima erogazione. Per richiedere il nuovo reddito di inclusione bisognerà soddisfare determinati requisiti che, come riportano le ultime notizie, prevedono:

  1. essere cittadini italiani o comunitari, o familiari di cittadini italiani o comunitari, non aventi la cittadinanza in uno Stato membro;
  2. avere un reddito Isee di 6mila euro;
  3. presenza di figli minori, disabili in famiglia, o disoccupati;
  4. nuclei familiari monogenitoriali, come madre single;
  5. obbligo di mandare a scuola i propri figli;
  6. nel caso di cittadini extracomunitari, avere regolare permesso di soggiorno;
  7. essere titolari di protezione internazionale (asilo politico, protezione sussidiaria) e residenti in Italia da almeno due anni;
  8. impegnarsi nella ricerca attiva di un nuovo lavoro o frequentare corsi di formazione sempre volti al reinserimento del richiedente il Rei nel mondo occupazionale.

Non possono, invece, presentare domanda di richiesta per avere il nuovo reddito di inclusione i nuclei familiari in cui vi sia un componente che usufruisce di qualsiasi altro ammortizzatore sociale, come la Naspi, o che nei due anni precedenti la domanda abbiano acquistato una nuova auto, o moto o barche. La domanda per ottenere il nuovo reddito di inclusione dovrà essere presentata presso i punti per l'accesso al Rei, che saranno definiti dai singoli Comuni e gli stessi enti, entro 10 giorni, dovranno inviare la richiesta all'Inps, che entro i 5 giorni successivi verificherà i requisiti del richiedente, riconoscendo il beneficio in caso di esito positivo. Il Rei sarà erogato dai Comuni con i quali i cittadini si impegneranno a rispettare l'impegno di ricerca di un nuovo lavoro.

Svolta a  Luglio 2018 e anche subito

Il reddito di inclusione (Rei) avrà una svolta ulteriore da Luglio 2018, con le nuove risorse date dalla finanziaria che porteranno ad un aumento del budget disponibile deciso dell'attuale esecutivo uscente che porterà dalle attuali 1,8 milioni di persone e 500mila famiglie ad una copertura potenziale per 700mila famiglie e circa 2,5 milioni di persone.

Le risorse stanziate non sono state il miliardo che doveva essere inserito ogni in aggiunto nella legge di bilancio, ma c'è stato un aumento. E così, nel piano programmatico, dovrà essere ogni anno.
Tra l'altro si muovono le cose anche a livello regionale, ad esempio in Toscana, dove grazie ad un accordo tra Regione-Stato, il numero delle famiglie che potranno avere il Rei sarà maggiore, un beneficiario su due almeno secondo gli annunci. E tali accordi sembra ci saranno con diverse altre regioni, ma anche Comuni e Province.

La cosa importante è monitorare il sito del proprio Comune e Regione o Provincia per sapere se ci sarà un ampliameto o chiedere direttamente ai Caf. Noi ovviamente da parte nostra continuremo con i nostri aggiornamenti a riguardo.

Ma c'è già polemica

Il reddito di inclusione è una enorme presa in giro, non basta neppure per fare la spesa. Lo avevamo già scritto in tempi non sospetti, ma ora anche i dati dall'Inps ci danno ragione

Già al momento per avere il Rei, bisogna avere un Isee e una situazione patrimonio mobiliare molto, molto grave ovvero per il primo non oltre i 6mila euro e un secondo che deve essere minore di 10mila eur per tutta la famiglia.

Il Rei, (reddito di inclusione) cambia da regione a regione per quanto erogato e va dai 224 euro della Valle d’Aosta fino ai 327 della Campania con una media intorno ai 296 euro mensili.
Tutte cifre, però che sono chiaramente inferiori a quanto serve anche solo per fare la spesa in un nucleo familiare "normale" che lo riceve.
In  Sicilia si spende 426 euro per fare la spesa mentre con il Rei si ricevono 312 euro. In Campania si spendono 498 euro, mentre il Reddito di inclusione che è il più alto in assoluto è di soli 327 euro.
Male anche al Nord. In Lombardia il Rei è 258 euro, mentre 451 costa andare al supermecato, mentre in trentino la differenza è 303 contro 489 euro.

Il Rei è maggiromente diffusione dove c'è più disoccupazione, ovvero al Sus, con il 76% delle eprsone che ne hanno diritto in Calabria, Siclia, Campania e Calabria

Tutto è ancora più grave, unendo anche i dati Ista, considerando che le famiglie che lo prendono non sono di due pesone (solo il 16%) ma il 49% con 4 persone e il 24% con tre. solo 11% con una uica persona. E in queste famiglie nel 20% c'è pure un disabile.

Certo la cifra è aumentata ripsetto al precedente aiuto chiamato Sia che era di 245 euro, ma non basta, anche solo consdierado i semplici costi, come scritto, per mangiare.

Ed è da ricordare che la soglia di povertà è di almeo 5 milioni di famiglie, ma numeri più realistici la danno a 10 milioni, con in un futuro un aumento molto forte almeno di altri 5-7 milioni, soprattutto tra i pi+ù giovani colpa del lavoro precario e una futura pensione misera.

E la situazione attuale in Italia è grave

Chi parla di ripresa e di crescita, di uscita dalle secche delle crisi e di intrapresa di un percorso luminoso, mente sapendo di mentire. Perché quando un rapporto extranazionale svela come siano 14,4 milioni gli italiani a rischio, una riflessione su cosa stiamo realmente facendo diventa indispensabile. Anche perché non si tratta solo di clochard, meritevoli della medesima tutela, intendiamoci. Ma anche di giovani e di intere famiglie sparse lungo lo Stivale. Ci sono due dati che nel focus di Eurostat fanno suonare un campanello d'allarme. Il primo è il trend, che travalica il dato assoluto sul numero di italiani a rischio. Rispetto allo scorso anno, la quota di cittadini a rischio indigenza è salita al 28,7 per cento. In confronto a quanto accade al di fuori dei nostri confini, la media è certamente più bassa: 23,4 per cento. Sono tre gli indicatori tenuti in considrazione:

  1. il reddito, inferiore all'equivalente del 60% del reddito medio nazionale,
  2. la possibilità di subire gravi deprivazioni, come la difficoltà a scaldare l'abitazione o a mangiare carne o pesce un giorno su due, ma anche a pagare rate e bollette, e a possedere alcuni beni come l'auto, la lavatrice, un cellulare o un televisore a colori.
  3. fare parte di un nucleo con intensità lavorativa molto bassa, con meno del 20% di ore lavorate rispetto al potenziale dell'ultimo anno.

Questo dell'Ufficio statistico dell'Unione europea è solo l'ennesimo rapporto sullo stato di crisi del nostro Paese. Se il tasso di indigenza è la punta dell'iceberg perché mette in discussione la stessa sopravvivenza di milioni e milioni di nostri concittadini, altri indicatori gettano ombre scure su quanto è stato fatto fino a questo momento per raddrizzare la situazione e sulle prospettive future. Il tasso di disoccupazione - giovanile, ma anche tra gli over 50 - ha raggiunto livello insostenibili per una grande democrazia europea. La quota di lavoratori insoddisfatti, anche qualificati, è in costante crescita per via di stipendi al di sotto della media europea e con prospettive di crescita e di riconoscimento professionale poco incoraggianti. Per non parlare delle condizioni contrattuali con la solita quantità spropositata di partite Iva finte.

C'è poi un rapporto di inversa proporzionalità perché aumenta il tasso di italiano a rischio indigenza o comunque impossibilitati a uscire da questa situazione e diminuiscono le protezioni. Gli aiuti sono pochi e per pochi ovvero per chi si trova molto al di sotto della soglia di povertà. Provando a scoprire la percentuale di cittadini a rischio indigenza o esclusione sociale in Europa, vediamo che secondo Eurostat la situazione è la seguente:

  1. Belgio 20.7
  2. Bulgaria 40.4
  3. Repubblica Ceca 13.3
  4. Danimarca 16.3
  5. Germania 19.7
  6. Estonia 24.4
  7. Irlanda 26.0
  8. Grecia 35.6
  9. Spagna 27.9
  10. Francia 18.2
  11. Croazia 28.5
  12. Italia 28.7
  13. Cipro 27.7
  14. Lettonia 28.5
  15. Lituania 30.1
  16. Lussemburgo 19.7
  17. Ungheria 26.3
  18. Malta 20.1
  19. Olanda 16.8
  20. Austria 18.0
  21. Polonia 21.9
  22. Portogallo 25.1
  23. Romania 38.8
  24. Slovenia 18.4
  25. Slovacchia 18.1
  26. Finlandia 16.6
  27. Svezia 18.3
  28. Regno Unito 22.2
  29. Islanda 13.0
  30. Norvegia 15.3
  31. Svizzera 17.8

E in Ue

La situazione negli ultimi anni si è evidentemente aggravata poiché in Italia infatti la percentuale di popolazione a rischio di povertà o di esclusione sociale è pari al 28.7%, superiore alla media europea. Eurostat ha contato 117 milioni e 470 mila persone a rischio povertà in tutti i Paesi membri, il 23,4% della popolazione totale. E di questi, una buona fetta è dunque italiana.

Tanti gli italiani tra i più poveri d’Europa, pochissimi coloro che percepiscono redditi elevati: un forte scompenso che pone i nostri cittadini tra coloro che percepiscono gli stipendi più poveri d’Europa e a fronte di preparazioni eccellenti e ruoli anche importanti. Ma il peso delle tasse sul guadagno mensile è troppo elevato rispetto alla somma salariale e se secondo i dati Eurostat del 2015 i gli italiani sono coloro che vivono peggio rispetto alle altre economie, nel 2016 metà dei contribuenti italiani ha redditi sotto i 16.400 euro e i 'ricchi', cioè chi guadagna oltre i 300 mila euro, sono pochissimi, appena 31.700 su 40,7 milioni (lo 0,1%).

Sono diverse le fasce in cui può essere divisa la popolazione italiana: partendo dai più poveri, che rappresentano il10% degli italiani, il reddito si aggira intorno ai 6.700 euro all’anno, ma c’è chi guadagna anche meno. Si tratta di un reddito che se paragonato ad altre economica risulta comunque molto basso, considerando che in Francia la popolazione più povera guadagna il doppio della cifra appena indicata per i ‘poveri’ italiani. Passando al 10% della popolazione che costituisce la fascia media, basti pensare che i danesi ‘poveri’ guadagnano di più, mentre per quanto riguarda la fascia che dovrebbe essere alta, sono solo poche migliaia gli italiani che guadagnano oltre i 200 mila euro all’anno, mentre il Regno Unito è il Paese con la più alta percentuale di ricchi.

Stando a quanto riportano le ultime notizie, reddito complessivo totale dichiarato ammonta a circa 833 miliardi di euro per un valore medio di 20.690 euro, in crescita dell’1,3% rispetto al 2014 con i redditi da lavoro dipendente e da pensione che rappresentano circa l'82% del reddito complessivo dichiarato, mentre, sempre secondo le ultime notizie, i lavoratori autonomi hanno il reddito medio più elevato, pari a 38.290 euro. Il reddito medio per categorie di lavoratori è rispettivamente:
per i lavoratori dipendenti pari a 20.660 euro;
per i pensionati pari a 16.870 euro;
per partecipazione in società di persone ed assimilate pari a 17.020 euro;
per i lavoratori autonomi pari a 38.290.
Complessivamente, 40,8 milioni sono i contribuenti che hanno presentato la dichiarazione Irpef nell'anno d'imposta 2015, in lieve aumento (+0,1%) rispetto all'anno precedente, mentre il reddito complessivo ammonta a circa 833 miliardi di euro per un valore medio di 20.690 euro (+1,3% rispetto al 2014). Tuttavia il 45% dei contribuenti, che dichiara solo il 4,5% dell'Irpef totale, si colloca nella classe di guadagno fino a 15mila euro. Nella fascia tra i 15mila e i 50mila euro si colloca il 49% dei contribuenti, che dichiara il 57% dell'Irpef totale, mentre solo il 5,2% dei contribuenti dichiara più di 50.000 euro, versando il 38% dell'Irpef totale. Rispetto all'anno precedente, aumenta sia il numero dei soggetti che dichiarano più di 50mila euro (+65mila) sia l'ammontare dell'Irpef dichiarata (+1,9 miliardi di euro).