Risarcimento danni contro poste italiane e ulteriori

Per avere diritto a un risarcimento so dovrà dimostrare di aver subìto un danno ulteriore rispetto a quello derivante dal semplice disservizio, per il quale sono previsti soltanto il rimborso spese

Risarcimento danni contro poste italiane

Ecco quando e come si può chiedere il risarcimento per i disservizi nella consegna della posta


Vi è mai capitato di ricevere la posta in ritardo e, per questo motivo, aver dovuto far fronte alle conseguenze di questa poca efficienza? Se si, sappiate che è possibile fare reclamo o ricorrere addirittura al giudice ed ottenere un risarcimento danni, anche importante, contro poste italiane.

Risarcimento danni contro poste come fare

Il risarcimento danni contro le poste dunque fa parte dei diritti delle persone che risultano danneggiate dalla mancata consegna della corrispondenza. In ogni caso si possono intraprendere due strade, a seconda dell’entità del danno subito, per far valere i propri diritti. Una è quella del semplice reclamo che consente di tutelarsi in caso in caso di ritardi o mancata consegna della corrispondenza. Operazione che può essere effettuata anche online compilando l’apposito modello che si può trovare sul sito di Poste Italiane. L’altra, invece, è quella del giudice e deve essere intrapresa per ottenere il risarcimento quando il danno subito è di una entità importante.

Per quanto riguarda il reclamo bisogna proporlo rispettando delle scadenze molto precise: per la posta prioritaria spedita in Italia esso può essere presentato sei giorni lavorativi dopo la data di spedizione. Che scendono a tre se si tratta di raccomandata. Non si possono superare i tre mesi. Più lunghi invece i tempi per i reclami su spedizioni in Europa. Poste italiane, una volta ricevuto il reclamo, avrà 45 giorni di tempo per rispondere.

Ulteriori casi per fare reclamo contro poste

Se il reclamo non è più possibile, l’unica strada allora resta quella di rivolgersi a un giudice per ottenere il risarcimento danni contro poste italiane. Il giudice al quale ricorrere sarà quello del foro di competenza del cliente, ovvero il giudice di pace o il tribunale del luogo in cui ha la residenza o il domicilio la persona che ha subito il danno. E il problema principale per quelli che decidono di arrivare al giudice è quello di dimostrare di aver subìto un danno dal ritardo o dalla mancata consegna della posta. Un danno che deve essere di tipo economico.

Quindi la perdita di soldi oppure un eventuale mancato guadagno. In queste ipotesi bisognerà, infatti, dare prova di aver subìto un danno ulteriore rispetto a quello derivante dal semplice disservizio, per il quale, abbiamo detto, sono previsti soltanto il rimborso spese ed eventualmente un indennizzo. La responsabilità delle poste potrebbe esclusa anche solo se l’indirizzo del destinatario è stato riportato in maniera errata. Quindi bisogna fare attenzione anche a questi aspetti nel momento in cui si decide di intraprendere questo percorso. Se la mancata consegna della posta provoca una mancata assunzione a lavoro la possibilità di essere risarcita è più elevata (alcuni giudici l’hanno valutata anche diverse migliaia di euro) rispetto a quello che accade quando si tratta di una mancata partecipazione a un concorso. Questi perché è difficile dimostrare che si sarebbe superato al cento per cento quel concorso. Quindi il danno è più difficile da dimostrare.