Saldi estivi 2018, città e date. Consigli e raccomandazioni. Alcuni già incominciati e iniziative speciali

Saldi estivi tra poco si incomincia e sono state pubblicate alcune date interessanti di speciali sconti non solo regionali.

Saldi estivi 2018, città e date. Consigl

Saldi estivi 2018: date e consigli utili agli acquisti


I saldi estivi 2018 sono ormai alle porte e ci sono già non solo tuttele date città per città, e dunue, per regione, ma anche alcuni annunci di iniziative seciali e alcune offerte già iniziate. E poi consigli e raccomandazioni

Stanno per arrivare i saldi estivi e come sempre una serie di consigli utili, stando attenti alle truffe che sono sempre di più. Occorre sottolineare che già alcuni negozi hanno inizato i primi sconti, ma non si può parlare ancora di saldi estivi veri e propri.  L’attesa comunque è destinata a durare poco anche per l’inizio ufficiale della stagione dei saldi per l’estate 2018.

Un’iniziativa mirata a stimolare i consumi a tutto vantaggio degli esercizi commerciali che possono prendere una vera e propria boccata d’ossigeno vista la grande crisi economica che fa sentire ancora i propri effetti su consumi che non sono ancora decollati del tutto. I clienti, però, non devono farsi trascinare nell’euforia dei saldi perché la truffa è dietro l’angolo e bisogna quindi conoscere ed adottare alcune precauzioni utili ad evitare possibili truffe.

Le date per città

I saldi per l’estate 2018 quindi sono ai nastri di partenza. E l’attesa cresce in maniera direttamente proporzionale allo scorrere del tempo. Se un po’ dovunque, in Italia, i saldi estate 2018 inizieranno a luglio, ci sono esercizi commerciali che hanno deciso di iniziare prima con proposte private. E ci sono regioni che hanno deciso di anticipare i tempi per ridare ossigeno ai tantissimi negozi in crisi. La Sicilia e la Liguria, ad esempio, hanno deciso di assumere un ruolo di guida per il resto delle regioni fissando la data di partenza dei saldi per il primo luglio.

A seguire, in maniera scaglionata, le altre città e le regioni italiane. Il cliente che si appresta ad acquistare in saldi non deve restare accecato però dalla possibilità di fare l’affare del secolo. La truffa, infatti è dietro l’angolo e, una volta acquistato l’articolo, per legge poi sarà impossibile restituirlo. Bisognerà quindi prestare un’attenzione particolare al cartellino. La priorità per il potenziale acquirente, sarà quella di controllare la sequenza delle scritte. Se sul cartellino è presente anche il prezzo normale di listino, oltre a quello in saldi, e la percentuale dello sconto applicato allora si può procedere all’acquisto. Non dimenticare di vestire il capo di abbigliamento che si vuole acquistare per verificare se sono presenti vizi, macchie o difetti.

  • Abruzzo 7 luglio - 29 agosto
  • Basilicata 7 luglio - 25 settembre
  • Calabria 7 luglio - 1 settembre
  • Campania 7 luglio - 30 agosto
  • Emilia-Romagna 7 luglio - 30 agosto
  • Friuli-Venezia Giulia 7 luglio - 30 settembre
  • Lazio 7 luglio per sei settimane
  • Liguria 1 luglio - 14 agosto
  • Lombardia 7 luglio - 30 agosto
  • Marche 7 luglio - 1 settembre
  • Molise 7 luglio - 30 agosto
  • Piemonte 7 luglio per otto settimane
  • Puglia 7 luglio - 15 settembre
  • Sardegna 7 luglio - 30 agosto
  • Sicilia 1 luglio - 15 settembre
  • Toscana 7 luglio - 1 settembre
  • Umbria 7 luglio - 30 agosto
  • Valle d’Aosta 7 luglio - 1 settembre
  • Veneto 7 luglio - 31 agosto

I consigli utili

Come fa notare Confesercenti all'indomani della pubblicazione del calendario dei saldi 2018, ci sono alcuni utili consigli da non perdere di vista della rinnovata stagione di saldi. Sull'oggetto così tanto desiderato (anche e soprattutto quando di mezzo ci sono prodotti di abbigliamento) deve essere sempre riportato il prezzo d'origine non scontato, lo sconto applicato e il prezzo finale. Il suggerimento di base è di recarsi nei negozi di fiducia, acquistando qualcosa di cui si ricorda il prezzo per poter valutare lo sconto.

E se il commerciante si rifiuta di cambiare un articolo difettoso in saldo o non voglia restituire i soldi, dietro presentazione dello scontrino debitamente conservato, rivolgersi alla polizia municipale. Un ultimo promemoria: i negozianti che accettano pagamenti con bancomat o carte di credito ed espongono il relativo logo sono tenuti ad accettare i pagamenti elettronici.

E primo annuncio iniziativa speciale

L’attesa per l’Amazon Prime Day 2018 sta per terminare. Quelli che non sanno di cosa si tratta, sempre di meno a quanto pare, si tratta di una sorta di sagra mondiale dell’acquisto online. Una giornata dove i clienti e coloro che si sono iscritti alla piattaforma leader dell’e-commerce globale, potranno fare acquisti approfittando dei folli sconti che verranno applicati su migliaia di prodotti. Una giornata che può essere anche considerata il simbolo del trionfo di Amazon e del modello di e-commerce rappresentato da questa azienda, a livello globale. Ma, anche se tutti sanno che il giorno è molto vicino c’è ancora grande incertezza. Sarà il 16 o il 17 Luglio?

Scendendo un po’nei dettagli per capire cos’è Amazon Prime Day iniziamo dal dire che si tratta di un evento di livello globale, organizzato dal colosso e-commerce, per fare una sorta di regalo ai propri clienti più fedeli, ovvero quelli che hanno una tessera Amazon Prime. Un riconoscimento a chi ha sottoscritto una modalità che offre tanti vantaggi. Al prezzo di trentasei euro annui, oppure di quattro euro e novantanove centesimi al mese, infatti, si può avere diritto all’accesso anticipato per conoscere prima quali sono le offerte del giorno. Si ha diritto a spedizioni illimitate e gratis, alla consegna in un giorno su una gamma ampia di prodotti (due milioni circa). Si può utilizzare uno spazio illimitato per inserire le foto. Inoltre, già compreso nel prezzo ci sono Amazon Prime Video, Prime Music e Prime Reading. È possibile provare il servizio gratuitamente per una durata di trenta giorni.

Quando ci sarà allora quest’anno l’Amazon Prime Day 2018? Le indiscrezioni che circolano in questi giorni pare che abbiano ristretto al 16 e al 17 luglio la finestra in cui andrebbe in scena la giornata mondiale dell’acquisto online. Si tratta, ovviamente, di notizie non ancora ufficiali. Ma a quanto pare qualcuno avrebbe individuato in Rete un banner di Amazon che pubblicizzava questa iniziativa.

A destare ancora qualche sospetto ulteriore è il fatto che Amazon ha rimosso il banner appena la notizia stava per diventare di dominio pubblico. Sul banner appariva la scritta che indicava a mezzogiorno del 16 luglio 2018 l’inizio del Prime Day. E la fine, invece, alle 23.59 di martedì 17 luglio. Indizi che sembrano poter costituire una prova e dunque gli appassionati, e saranno tantissimi, considerano queste le date in cui poter fare affari nelle trentasei ore più convenienti dell’anno. Una sorta di versione “estiva” del celebre Black Friday. Ma in questo caso i benefici sono previsti esclusivamente per una cerchia più ristretta di persone. Ovvero gli iscritti ad Amazon Prime.