Segreti rubati della Apple Car a guida autonoma

Le accuse da cui deve difendersi sono pesantissime: se venisse confermato il furto di segreti commerciali, rischia 10 anni di reclusione e una multa di 250.000 dollari.

Segreti rubati della Apple Car a guida a

Accusa di furto di segreti commerciali


Che Apple sia da tempo interessata al settore della mobilità è cosa nota e lo stesso progetto della iCar o della Apple Car torna saltuariamente al centro dell'attenzione. Le nuove frontiere dell'innovazione spingono poi a specializzarsi sulla guida autonoma. E a quanto pare la società di Cupertino avrebbe compiuto interessanti passi in avanti se, come sembra, un dipendente Apple è stato denunciato per furto di segreti industriali. Resta da capire se l'uomo ha agito in totale autonomia ovvero in solitaria o abbia avuto la complicità di una reta di alleanza. Stando a quanto ricostruito fino a questo momento, avrebbe tentato di rivendere segreti industriali dell'auto a guida autonoma a firma della mela morsicata.

Accusa di furto di segreti commerciali

Le accuse da cui deve difendersi Xiaolang Zhang sono allora pesantissime. Perché se venisse confermato il furto di segreti commerciali, rischia 10 anni di reclusione e una multa di 250.000 dollari. Sulla base di quanto riferto dal The Mercury News, Zhang è stato arrestato proprio mentre cercava di lasciare gli Stati Uniti, come nelle migliori spy story. Il compito dell'ingegnere all'interno di Apple era la progettazione e la sperimentazione di alcune schede elettroniche come parte del team del progetto automobilistico di Apple. Ma Zhang aveva già annunciato la sua dcisoen di partecipare al programma di lavoro di Xiaopeng Motors, startup di auto elettriche in Cina.

Apple e la protezione della proprietà intellettuale

L'azienda statunitense riferisce come gli fosse stato garantito ampio accesso a database interni confidenziali e sicuri ovvero a segreti industriali e tecnologie dal prezioso e delicato valore commerciale. Come spiegato a The Verge da un portavoce della società di Cupertino, Apple prende molto sul serio la riservatezza e la protezione della proprietà intellettuale. Di conseguenza sta lavorando con le autorità e si dice disposta a fare tutto il possibile per garantire che questo persona e ogni altro eventuale complice siano ritenuti responsabili delle proprie azioni.