Spreco cibo e farmaci, piattaforma online al via. Interessante iniziativa

La piattaforma, in buona sostanza, è pensata per gli addetti ai lavori che hanno la possibilità di creare rete ed entrare in contatto tra loro con la possibilità di creare sviluppo per le donazioni

Spreco cibo e farmaci, piattaforma onlin

Nasce #iononsprecoperché, la piattaforma per le donazioni e contro gli sprechi


Ecco un caso concreto che conferma come la tecnologia, quando applicata con criterio, può apportare grandi benefici. Soprattutto quando si tratta dei social che hanno l’enorme potere di far diventare virali notizie che altrimenti sarebbero condannate a restare ostaggio di confini troppo angusti. In questo caso l’aspetto interessante che lega sviluppo tecnologico e benefici in termini di diffusione di battaglie di civiltà più che giuste è la nascita di una piattaforma pensata appositamente per le donazioni. È stata la deputata Maria Chiara Gadda, promotrice e relatrice della legge “antispreco” a promuovere l’hashtag #iononsprecoperché, presentato alla Camera dei Deputati in occasione dell’incontro “Spreco alimentare e farmaceutico, donazioni e Terzo settore”,

Piattaforma per le donazioni

La piattaforma, in buona sostanza, è pensata per gli addetti ai lavori che hanno la possibilità di creare rete ed entrare in contatto tra loro con la possibilità di creare sviluppo per le donazioni, grazie anche alla presenza di esperti di vari settori che metteranno a disposizione le proprie esperienze e competenze gratuitamente. Esiste infatti da poco più di un anno una legge, la 166, che dalla sua entrata in vigore, ha determinato un incremento nelle donazioni e nella varietà dei beni recuperati sull’intero territorio nazionale. La piattaforma per le donazioni #iononsprecoperché può essere decisiva per divulgare le potenzialità di una legge che ciascuno può applicare con grande semplicità.

Una guida per tutti, per poter donare e ricevere, con l’aiuto di esperti, che metteranno a fattor comune le loro esperienze, e la condivisione di buone pratiche sull’intero territorio nazionale. Inoltre la piattaforma per le donazioni consentirà di approfondire norme nazionali e comunitarie legate ai temi dell’economia circolare. Grazie ad essa si potranno lanciare campagne di educazione, formazione e sensibilizzazione sui benefici della legge per raggiungere il maggior numero di imprese ed esercizi che oggi possono donare con più agevolazioni rispetto al passato, e un supporto alle tante associazioni di volontariato impegnate su questo fronte.

Donazioni #iononsprecoperché

L’approvazione delle due norme che hanno apportato due novità per quanto riguarda la legge 166 del 2006 e che saranno contenute dalla prossima Legge di Bilancio, ha l’obiettivo di fornire uno stimolo ulteriore alla donazione di beni in eccedenza. Per quanto riguarda i farmaci, verrebbe allargata la platea dei donatori includendo anche farmacie, parafarmacie, grossisti, aziende titolari di autorizzazioni all’immissione in commercio di farmaci. Si proseguirebbe così sulla strada della semplificazione burocratica e fiscale dando maggiore uniformità e armonia al testo di legge.

Oggi la legge prevede la donazione di prodotti alimentari, farmaci e ‘prodotti diversi’ e su questo si concentra l’emendamento che punta ad estendere l’ambito di applicazione della norma enunciando e specificando quali sono questi altri prodotti e quindi quali categorie possono godere delle agevolazioni fiscali previste. Per le imprese che donano, la norma esclude espressamente qualsiasi effetto sotto il profilo fiscale rispettando un procedimento semplice che serve ad assicurare trasparenza nei vari passaggi dei beni fino a raggiungere chi si trova nel bisogno, secondo i principi di solidarietà e sussidiarietà.