Frodi inedite da call Center con promesse soldi immediati. E ulteriori nuove su stare molto attenti

La nuova frontiere della truffa dei call center che promettono un guadagn e non c'è solo quella.

Frodi inedite da call Center con promess

Trading Online: la nuova truffa del guadagno facile offerto dai Call Center


Nuove truffe continuano ad arrivare e questa volta nel mirino ci sono i call center e il trading online, ma non solo con promesse di guadagni facili e immediati. Ma non c'è solo questo su cui stare attenti

I call center sono ancora al centro dei mirino e delle polemiche per diversi motivi, tra cui uno è quelle delle truffe, ora addirittura per guadagnare soldi, spesso con le criptovalute, ma non solo, anche con il forex. occorre fare delle precisazioni, ma le truffe sono davvero molte e le autorità sono molto attente.

La nuova truffa Call center sul trading

Per qualcuno si tratta delle nuove frontiere della truffa dei call center, quella che riguarda il trading online. Ma con tre importanti precisazioni. La prima è che non tutti i call center si comportano in maniera scorretta. La seconda è che fare trading online è un'operazione perfettamente legale, anche se con diverse gradazioni di rischio.

La terza è che l'abbinamento tra call center e trading online è oggetto di approfondimenti e richiede molta ma molta cautela, ma non necessariamente è da condannare a tutti i costi.

Ebbene succede adesso che stanno aumentando le telefonate da parte di numeri sconosciuti con proposte che promettono un guadagno proprio giocando con l'online. E già con queste facili promesse occorre alzare il livello di attenzione perché, come è noto, non esistono possibilità di guadagno facile.

Succede allora che con queste telefonate di massa vengono proposti improvvisati broker pronti a scommettere che poche migliaia di euro di investimento nel forex si trasformeranno in lauti guadagni.

Ma evidentemente le cose non funzionano proprio così perché l'attività del trading online è regolamentata dalla Commissione nazionale per le società e la borsa a tutela degli stessi investitori, piccoli e grandi che siano. Il suggerimento è di adottare la necessaria prudenza senza lasciarsi sedurre dalle lusinghe degli operatori di call center associate al trading online.

La fregatura può essere realmente dietro l'angolo e quasi mai è possibile tornare indietro.

La truffa del finto sì

Una ennesima truffa sta dilagando attraverso le chiamate telefoniche, riuscendo a carpire un sì in diverse maniere e fare accettare contratti di luce e gas e di altri servizi. Non è la prima volta, ma sta di nuovo tornando in maniera molto forte, così come ulteriori frodi sempre per via telefono. Vediamo quali e alcune soluzioni.

E' stata ribattezzata la truffa del sì: basta che al telefono qualsiasi utente contattato pronunci la magica parolina del 'sì' per far scattare una nuova truffa telefonica per cui si stanno ricevendo tantissime segnalazioni da parte di italiani truffati per bollette di energia e gas. L’allarme del dilagare di questa nuova truffa cosiddetta del Pod è stato lanciato dalla polizia di Stato tramite la propria pagina Facebook, che ha informato i cittadini di come scopo della telefonata che si riceve sia quella di farsi fornire i numeri dei codici pod e pdr, necessari per l’eventuale passaggio da un gestore ad un altro per quanto riguarda le utente di luce gas.

Il meccanismo di questa ‘nuova’ truffa è decisamente semplice: si viene contattati telefonicamente da un numero con prefisso 02 o 06, basta semplicemente rispondere al telefono e dire sì alla domanda di identificazione da parte dell’operatore quando ci chiede nome e cognome e il gioco è fatto.

Attraverso un abile sistema di montaggio audio, il sì pronunciato dall’utente al momento della richiesta di conferma di nome e cognome viene inserito in un altro contesto di conversazione e domande che, in realtà, non sono mai state fatte all’utente stesso. E il sì detto per confermare di essere il signor o la signora… diventerà un sì alla sottoscrizione di un nuovo contratto elettrico. Nulla di più semplice, dunque. Meccanismo che sta mettendo in grande difficoltà tantissimi italiani che ignari del sistema di questa truffa appena alzano la cornetta telefonica con naturalezza e prontezza rispondono ‘sì’ alla domanda di conferma del proprio nome e cognome.

Come porteggersi

Secondo quanto spiegato dalla Polizia di Stato, per tutelarsi, il consumatore deve chiedere alla società di identificarsi esplicitamente e chiaramente per avere la certezza di parlare con il proprio gestore e non deve mai fornire i codici Pod e Pdr. Codice Pod e Pdr sono numeri identificativi dell'utente di luce e gas, che solitamente sono riportati sulla parte superiore della bolletta. Per difendersi da questa truffa, bisognerebbe:

  1. evitare di pronunciare il sì in ogni occasione e ad ogni domanda;
  2. evitare di fornire proprio dati sensibili;
  3. cercare di contattare subito la propria società di luce o gas.

Se, invece, giovani finti operatori della stessa fantomatica azienda che propone nuove offerte per le bollette di luce e gas si presentano direttamente davanti alla nostra porta, pur mostrando il cartellino di riconoscimento, proprio per rendere ancor più veritiera la truffa, sarebbe bene non aprire e impedire pertanto l’avvio di qualsiasi conversazione.

Nel caso in cui si apra, è bene sapere che questi finti operatori chiedono di vedere le ultime bollette ricevute dall’utente, cercando di convincerlo che gli importi riportati sono troppo elevati e che le soluzioni da loro proposte sono decisamente migliori e più convenienti. Nel frattempo, però gli stessi truffatori controllano dati e codici su cui poi potrebbero ‘lavorare’. Il consiglio, dunque, è quello di non fornire alcun dato e alcuna bolletta a chiunque bussi alla propria porta e non sia della società con la quale si hanno contratti di energia e gas. Vietato, poi, assolutamente, firmare qualsiasi genere di documento o foglio che terze persone sottopongano.

Come deifendersi dai call center con le nuove norme

Grazie al costo minimo per minuto appena introdotto dal Governo le telefonate aggressive dei call center dovrebbero diminuire, in quanto non sarà più il numero di contratti chiusi ad incidere sullo stipendio ma solamente il tempo speso al telefono. Vediamo come funziona questa nuova legge che dovrebbe rivoluzione il settore, garantendo anche più diritti agli addetti ai call center.

Approvato il decreto che tenta di limitare le telefonate aggressive andando a incidere sui costi minimi per minuto, ovvero quanto un dipendente di un call center deve guadagnare come minimo. Si parte da 33 centisimi fino a 50 in base al livello, in media 42 centesimi.

Questo metodo di imporre in pratica una salario minimo garantito eviterà le aste al ribasso che non potranno quindi scendere sotto le tariffe indicate dalla legge, nei fatti, si spera, che ponga finda all'esigenza forsennata di chi vince un'asta al ribasso di dover poter contare a fine giornata il maggior numero di contratti stipulati e pertanto dovrebbero calmierarsi anche il numero di telefonate aggressive che ricevono quasi quotidianamente milioni di italiani.

Il nuovo testo (Nuove disposizioni in materia di iscrizione e funzionamento del registro delle opposizioni e istituzione di un prefisso unico nazionale per le chiamate telefoniche a scopo promozionale e di ricerche di mercato), nel caso di ottenimento del via libera finale, prevede un deciso allentamento delle disposizioni adesso in vigore. Più precisamente, nel caso di cambiamento di operatore telefonico, il gestore di partenza può ricontattare l'utente proponendogli una controfferta, anche se non dovrebbe più poter utilizzare il suo numero. Sparisce dunque il prefisso unico e, al contrario, ne spuntano più di uno: c'è il prefisso per le chiamate commerciali e c'è quello per le indagini di mercato e c'è quello semplicemente visibile e richiamabile. In buona sostanza significa che l'utente, richiamando, si troverebbe nella condizione di entrare in contatto con il call center ma a proprie spese.

In particolare, il comma 5 stabilisce che con l'iscrizione al registro si intendono revocati tutti i consensi precedentemente espressi, con qualsiasi forma o mezzo e a qualsiasi soggetto, che autorizzano il trattamento delle proprie numerazioni telefoniche fisse o mobili per fini di pubblicità o di vendita o per il compimento di ricerche di mercato. Ed è precluso l'uso delle numerazioni telefoniche cedute a terzi dal titolare del trattamento sulla base di consensi già rilasciati. Con una modifica introdotta dalle Commissioni di merito, sono stati mantenuti i consensi prestati nell'ambito di specifici rapporti contrattuali in essere, ovvero cessati da non più di trenta giorni, per la fornitura di beni e servizi

E gli iscritti al registro delle opposizioni che hanno seguito tutte le procedure per evitare di essere contattati? Come messo nero su bianco dall'emendamento, non cancella i consensi prestato ma solo quelli prestati nell'ambito di specifici rapporti contrattuali. Il testo originario, prima della modifiche proposte, prevede che tutti gli operatori che svolgono attività di call center rivolte a numerazioni nazionali fisse o mobili devono garantire la piena attuazione dell'obbligo di presentazione dell'identificazione della linea chiamante. All'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni è assegnato il compito di individuare un codice o prefisso specifico per identificare in modo univoco le chiamate telefoniche finalizzate al compimento di ricerche di mercato e alle attività di pubblicità, di vendita o di comunicazione commerciale.

Gli operatori di call center devono provvedere ad adeguare tutte le numerazioni telefoniche utilizzate per i servizi di call center, anche delocalizzati, facendo richiesta di assegnazione delle relative numerazioni. La stessa Autorità è quindi chiamata a vigilare sul rispetto delle disposizioni.

Ma nonostate questo, il caso dello 06....

Chi ha mai ricevuto una chiamata sul cellulare da un numero sconosciuto di una provincia italiana in cui non abbiamo contatti? E quante volte dopo la risposta abbiamo sentito il silenzio assoluto? Oppure la voce di un addetto al call center che in maniera confusa o aggressiva tentava di proporre qualche affare? Ebbene, il numero 0694040404 rientra tra le chiamate indesiderate, le segnalazioni si moltiplicano, ma cercare di arrestare il fenomeno delle telefonate commerciali (o presunte tali) è diventata una impresa titanica. La telefonata può infatti arrivare a ogni ora e non rispondere può essere anche la peggiore delle decisione perché a quel punto l'insistenza rischia di diventare insostenibile. Le norme sui call center ci sono, ma non sono applicate e di positivo c'è che almeno l'identità del chiamante è obbligatoria.

Quello del numero 0694040404 è solo un esempio e a quanto pare c'è chi rivela che si tratti di telefonate a scopo trading online come forma di guadagno. Ma si tratta solo di un caso tra i tanti. Il problema principale è che il nuovo piano per la regolarizzazione delle chiamate indesiderate è stato annacquato. L'ultima legge sulla Concorrenza prevede l'estensione alla posta cartacea del regolamento di istituzione e gestione del registro pubblico degli abbonati che si oppongono all'uso del proprio numero telefonico per vendite o promozioni commerciali. Ma è stato soppresso un passaggio cruciale con cui venivano stabilite alcune caratteristiche necessarie per le telefonate non sollecitate dagli stessi clienti.

E così, per contrastare le telefonate indesiderate come da 0694040404, occorre fare riferimento al Registro delle opposizioni. Si tratta dello strumento con cui presentare formale istanza di non ricevere le telefonate, anche sui numeri non presenti sugli elenchi, inclusi i cellulari. Ma sono in tanti gli utenti italiani che rilevano come questa misura si sia rivelata poco efficacia per stroncare questo fenomeno che non conosce orari e momenti di pausa. In parallelo viene previsto il ricorso a una sorta di black list delle aziende che non rispettano determinati requisiti. Ma cosa pensano gli operatori telefonici Fastweb, Vodafone, Tim e Wind rispetto al fenomeno delle chiamate indesiderate?

  1. Fastweb è favorevole all'iscrizione dei numeri riservati nel Registro e chiede che vengano comunicati al Registro dagli stessi operatori per essere iscritti senza una nuova attivazione del cliente;
  2. Tim propone l'obbligo di iscrizione al Roc (Registro operatori di comunicazione), sanzioni e black list, come il ritiro dell'autorizzazione a operare, per ci non lo fa;
  3. Vodafone, che ha attivato un sistema che registra nei sistemi la volontà dei clienti di non essere più contattati per finalità di telemarketing, si dice favorevole con la black list che potrebbe essere costruita grazie alle segnalazioni pervenute al Garante della privacy;
  4. Wind lancia l'idea di una white list degli operatori virtuosi da fare insieme allo stesso Garante della privacy.

E si indaga sempre in Italia sui bitcoin

Spariti 17 milioni di Nano monete per un valore di circa 159 milioni di dollari, dalla piattaforma italiana Bitgrail. La vicenda è di per sé oggetto di preoccupazione e di interesse mediatico perché Nano è una delle tante criptovalute, al pari delle più note Bitcoin ed Ethereum, che fanno discutere e sono oggetto di attenzione e discussione sia in ambienti domestici e sia finanziari. Il punto è che a essere coinvolta è una piattaforma italiana di scambio di criptovalute, Bitgrail, che ha sede a Firenze. A presentare denuncia è stato lo stesso fondatore e proprietario della piattaforma, Francesco Firano, negli uffici della polizia postale.

I fatti sono allora noti e la stessa Bitgrail ha voluto fare alcune precisazioni pubbliche in favore di chi opera con la sua piattaforma. Nano a parte, di cui rimane solo il 20%, le altre criptovalute trattate sul sito di exchange vengono considerate al sicuro. Al di là delle rassicurazioni a utenti e investitori, il punto è un altro: per quali ragioni si è materializzato questo furto? O più semplicemente, come è stato possibile? La situazione è piuttosto delicata perché si assiste a un scambio di accuse a suon di comunicati stampa. Nano punta l'indice contro Francesco Firano, il trentunenne amministratore di Bitgrail, ritenendolo responsabile di aver nascosto la non solvibilità di Bitgrail. E a sostegno delle proprie tesi mette a disposizione una serie di screenshot di una conversazione con lo stesso Firano.

Quest'ultimo rigetta le accuse al mittente a ricorda di aver "proposto un fork come ipotetica soluzione al fine di restituire ai legittimi proprietari la coin rubate. La reazione dei due Dev di Nano è stata inaspettatamente di chiusura totale al dialogo". In pratica si sarebbe trattato di un furto non imputabile al loro software.

Resta da comprendere l'impatto di questa violazione considerando che sono 220.000 gli iscritti a questa piattaforma italiana di exchange per fare trading con monete virtuali. Bitgrail ha messo nero su bianco di aver predisposto un piano di recupero "che comunicheremo appena sicuri della sua fattibilità a livello legale e contabile". La totalità degli investitori sarà regolarmente rimborsata della somma sottratta, considerando che alla piattaforma di trading sarebbero rimasti 4 milioni di Nano? In ogni caso è stato inevitabile per la procura di Firenze aprire un fa.