Treni in Italia: puntualità e qualità in crescita e clienti più soddisfatti

Lo stato di salute del trasporto ferroviario italiano sembra migliorato sia in riferimento alla comodità a bordo e sia alla puntualità degli orari.

Treni in Italia: puntualità e qualità in

Clienti Trenitalia più soddisfatti del servizio


I treni italiani, in modo particolare i regionali e locali, vero tallone d'achille per milioni di persone avrebbero notevolmente incrementato la puntualità e qualità di differenti parametri nei viaggi, tanto che i clienti si ritengono più soddisfatti in una recente ricerca della Ferrovie dello Stato

Il gran parlare che si fa sui treni italiani poco puntuali, vecchi e poco comodi potrebbe presto diventare un ricordo. Ad assicurarlo è la stessa Trenitalia, secondo cui la situazione è così migliorata da considerare fuori luogo tutte le osservazioni sulla poca efficienza del trasporto ferroviario nazionale. Inevitabile allora che anche il grado di soddisfazione dei clienti si sia innalzato e soprattutto si inserisce in un trend positivo registrato da più mesi. Provando a entrare nel dettaglio dei numeri forniti dall'azienda che gestisce il trasporto ferroviario del Gruppo FS, viene fuori che la quota di puntualità dei treni regionali sfiora il 91 per cento. E in tempi in cui si assiste alla cancellazione di voli per ragioni sempre differenti, ecco che ogni cento programmate, è saltata solo una corsa con Trenitalia.

Treni a destinazione entro 5 minuti dall'orario programmato

La perfezione non esiste naturalmente, ma se Trenitalia registra una puntualità che sfiora il 91 per cento, significa che si va molto vicini ovvero che la qualità del trasporto ferroviario è più soddisfacente. Ricordando come siano considerati puntuali i treni che arrivano a destinazione entro 5 minuti dall'orario programmato, gli stop tecnici alle corse (chi non ha mai avuto a che fare con annunci di questo tipo?) si sono ridotte a 20,7 ogni milione di chilometri percorsi. Confrontando lo stesso periodo degli anni precedenti, si legge nero su bianco, la puntualità cresce di 4 punti percentuali rispetto a tre anni fa, di 1,2 rispetto a due anni fa e è in linea con quella dello scorso anno.

Volendo entrare nel dettaglio regione per regione, i treni più precisi sono nell'ordine quelli di Bolzano (95,1%), Friuli Venezia Giulia (95%), Trento (94%), Abruzzo (93,7%), Veneto (93,2%), Marche (92,8%), Lazio (92%). Ma interessanti sono anche le ragioni che hann fatto registare i più consistenti passi ina avanti: Valle d'Aosta (+4,8%), Basilicata (+2,1%), Lazio (+1,5%), Bolzano (+1,1%), Liguria (+0,9%), Abruzzo (+0,6%). Si tratta di rilevazioni che si aggiungono a quelle dello Studio Fs-Ambrosetti, secondo cui nelle aree metropolitane si impiega il doppio del tempo rispetto a Parigi, Madrid, Berlino o Londra. Lo studio ha evidenziato che non esistono inefficienze industriali sulla separazione fra trasporto regionale e a lunga percorrenza. I miglioramenti sono comunque possibili e sono tre i pilastri per invertire la rotta:

  1. un sistema su rete fissa
  2. un servizio sostenibile ed efficiente a livello economico
  3. più investimenti in innovazione

Clienti Trenitalia più soddisfatti del servizio

Sempre sul quotidiano economico-finanziario Il Sole 24 Ore, si racconta di Dia.Man.Te (acronimo di Diagnostica e manutenzione tecnologica), il treno diagnostico di Rete Ferroviaria Italiana (gruppo Ferrovie dello Stato) dedicato alle linee ad Alta velocità e destinato a saggiare lo stato di salute della rete ferroviaria a 300 chilometri orari.

In fin dei conti, i clienti chiedono che i treni siano puntuali e il viaggio sia comodo. L'indagine condotta a luglio da una società esterna su commissione delle stesse Ferrovie dello Stato, rivelano che siano proprio questi i binari lungo i quali si sta muovendo la società che gestisce il trasporto italiano. Più esattamente, nell'arco di una anno, viaggiatori e pendolari hanno manifestato un maggio grado di soddisfazione rispetto a

  1. pulizia +5,9 per cento
  2. puntualità +4,8 per cento
  3. informazioni a bordo +4,6 per cento
  4. permanenza a bordo +4,6 per cento
  5. sicurezza +4,6 per cento
  6. comfort +4,3 per cento