Tria ai Finanzieri: più controlli per avere meno tasse e maggiore crescita

di Marianna Quatraro pubblicato il
Tria ai Finanzieri: più controlli per av

Tria Finanzieri controlli meno tasse maggiore crescita

Puntare sulla legalità e maggiori controlli per combattere evasione fiscale e ridurre le tasse: la strada per il rilancio economico secondo Tria

Attuare maggiori controlli per combattere l'evasione fiscale e, di conseguenza, ridurre le tasse e dare nuova spinta all'economia: il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, in occasione del giuramento degli allievi ufficiali dei Finanzieri del 118° Corso Monte Cimone IV e del 17° Corso Sestante, sembra essere stato molto chiaro sugli obiettivi che vorrebbe conseguire grazie al supporto delle Fiamme Gialle.

Maggiori controlli per rilancio economia: ministro Tria ai Finanzieri

Stando a quanto spiegato dal ministro Tria, un aumento dei controlli porta ad un più efficace contrasto all’evasione da cui derivano risorse importanti per diminuire le tasse e rilanciare la crescita. Tria, riconoscendo valore e impegno delle Fiamme Gialle, ha spiegato che il bisogno di sicurezza nei nostri tempi, a causa degli avvenimenti che si succedono da tempo ormai, cresce costantemente, così come cresce la necessità di combattere una evasione fiscale sempre molto forte ma che se ridotta può portare ad un abbassamento delle tasse per far ‘respirare’ i cittadini e rilanciare l’economia.

E ha sottolineato come in ogni caso l’apporto e il lavoro dei Finanzieri sia fondamentale, soprattutto per contrastare il crimine economico-finanziario. Secondo il ministro Tria, compito della Guardia di Finanza è quello di svolgere un’azione di vigilanza e controllo del nostro sistema di welfare per evitare che i furbetti la facciano sempre franca.

Discorso ministro Tria: la legalità fondamentale per la crescita

Il ministro Tria ha, dunque, sottolineato e ribadito come la legalità debba essere la giusta strada per una ‘vita migliore’ da conquistare attraverso una equa distribuzione della ricchezza, evitando nero e sommerso, truffe e frodi, puntando su sviluppo economico ed inclusivo del nostro Paese che sta vivendo un periodo di grande cambiamento con le riforma strutturali in corso.

La strada, dunque, verso la concreta ripresa economica, secondo il mninistro dell'Economia, passerebbe anche e soprattutto dai controlli per evitare che l'evasione fiscale continui ad essere un fenomeno particolarmente diffuso nel nostro Paese e sottragga ancora risorse che, al contrario, potrebbero essere investite proprio per dare nuova spinta a consumi ed economica, perchè attraverso la riduzione delle tasse, i cittadini avrebbero maggiori risorse economiche da spendere, dando nuova spinta ai consumi e tornando a far girare l'economia come dovrebbe.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità: