Agenzia delle Entrate deve dare 12 miliardi agli italiani per il Fisco. I motivi e chi spetta

A sostegno della propria richiesta, Federcontribuenti ricorda come siano salite a 12.000 euro le spese obbligate annuali a carico delle famiglie.

Agenzia delle Entrate deve dare 12 milia

12 miliardi da restituire agli italiani


La denuncia gridata a più non posso è di Federcontribuenti, secondo cui l'Agenzia delle entrate deve versare agli italiani una cifra complessiva pari a 12 miliardi di euro. Si tratta di credito di imposta che, stando all'associazione a tutela dei contribuenti, consumatori e imprese, potrebbe essere sapientemente sfruttata per per ridurre i debiti con il fisco dei morosi. Non solo, ma chi è invece perfettamente in regola con l'Agenzia delle entrate oppure svolge un lavoro dipendente per cui è di fatto impossibile evadere le tasse, potrebbe essere restituito con la dichiarazione dei redditi. I tempi non saranno immediati, ma questa è evidentemente un'altra storia.

12 miliardi da restituire agli italiani

Il sodalizio riferisce i dai contenuti nel rapporto 2018 del Taxation Trends in the European Union, secondo cui l'Italia risulterebbe nei primissimi posti della classifica dei Paesi dell'Unione europea con il debito più alto di crediti d'imposta da pagare ai propri contribuenti. Secondo Federcontribuenti, lo Stato italiano preferisce utilizzare il metodo Gross Method dove i crediti da pagare sono considerati come previsioni di spesa risultando così indeducibili mentre lo Split Method comporta la deduzione del credito fino a concorrenza del debito del contribuente. Da qui la domanda che pone pubblicamente: se sono soldi dei contribuenti, perché non utilizzarli per sanare i problemi economici di 5 milioni di famiglie italiane?

A sostegno della propria richiesta, Federcontribuenti ricorda come siano salite a 12.000 euro le spese obbligate annuali a carico delle famiglie. Tanto per fare uno degli esempi ricordati dall'associazione a tutela dei contribuenti, consumatori e imprese, la bolletta dell'acqua negli ultimi 5 anni anni è aumentata del 45% poiché sono stati inclusi i costi di gestione di tutta la rete fognaria inclusa la depurazione e la pulizia dei tombini. Almeno fino a questo momento non è arrivata alcuna replica dall'Agenzia delle entrate o comunque una posizione ufficiale sulla questione sollevata da Federcontribuenti e non è affatto detto che arrivi.

Ultime Notizie