Agevolazioni fiscali, controlli nuovi e più severi al via da Agenzia delle Entrate

di Marianna Quatraro pubblicato il

Il fisco distingue tra grandi contribuenti, imprese medie dimensioni e minori, , persone fisiche, lavoratori autonomi ed enti non commerciali.

Agevolazioni fiscali, controlli nuovi e

Controlli agevolazioni fiscali 2019 Agenzia delle entrate

Si rafforzano e diventano più puntuali i controlli dell'Agenzia delle entrate sulle agevolazioni fiscali. Sono troppe le segnalazioni ricevute e i casi scoperti negli ultimi anni che hanno spinto il fisco a elaborare un piano per scovare i contribuenti che usufruiscono di agevolazione fiscali in maniera indebita ovvero senza averne diritto. Il tutto avviene in un periodo in cui l'esecutivo prova a riordinare questo comparto nel segno della semplificazione e della riduzione.

In attesa dei tempi del governo, non sempre in linea con le esigenze reali, ci pensa l'Agenzia delle entrate a elaborare un piano di controlli e a mettere nero su bianco le indicazioni che gli uomini del fisco sono chiamati a seguire. Quello che emerge dalla letture delle linee guida è una maggiore severità nei confronti di chi cerca di di frodare le casse dello Stato e un rafforzamento dei controlli con l'obiettivo di stanare gli evasori fiscali e contrastare la fruizione indebita delle agevolazioni fiscali. Ogni passaggio è stato spiegato dall'Agenzia delle entrate con una specifica circolare che infiamma l'estate e l'autunno 2019.

Controlli agevolazioni fiscali 2019 Agenzia delle entrate

La circolare "Indirizzi operativi e linee guida sulla prevenzione e contrasto dell'evasione fiscale e sull'attività relativa alla consulenza, al contenzioso e alla tutela del credito erariale" dell'Agenzia delle entrate fissa allora le linee operative dei controlli da adottare per frenare la fruizione di agevolazioni fiscali in maniera indebita.

Più precisamente il fisco distingue tra grandi contribuenti (attività di analisi del rischio e selezione e attività di controllo), imprese medie dimensioni e minori (attività di promozione della compliance, attività di analisi del rischio e selezione, attività di controllo, attività di controllo delle compensazioni e delle agevolazioni fiscali), persone fisiche, lavoratori autonomi ed enti non commerciali (attività di promozione della compliance, persone fisiche e lavoratori autonomi, enti non commerciali e onlus).

E poi: contrasto illeciti (attività in materia di antifrode, attività di contrasto agli illeciti fiscali internazionali), attività a rilevanza internazionale (cooperazione amministrativa in campo fiscale, utilizzo dei dati provenienti da scambio automatico di informazioni, accordi preventivi e risoluzione controversie internazionali).

Tutti i chiarimenti dell'Agenzia delle entrate

L'Agenzia delle entrate ha fornito anche indicazioni particolareggiate sulla tutela del credito erariale, sul contenzioso (attività in materia di difesa degli atti impugnati e cooperazione con gli agenti della riscossione) così come sul regime agevolativo patent box e sulla cosiddetta definizione agevolata.

Per quanto riguarda l'attività di consulenza, i chiarimenti del fisco sono arrivati su competenza alla trattazione degli interpelli e consulenze giuridiche, istruttoria relativa alla presenza di attività di controllo, interpelli per i nuovi investimenti, interpelli e consulenze giuridiche inviate per richiesta di intervento alla divisione contribuenti, adempimento collaborativo e più in generale sui controlli.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Seguici su Facebook, clicca su "Mi Piace":